La città divisa in due dal coronavirus

| Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi

+ Miei preferiti
Baarle-Hertog – o Baarle_Nassau, dipende da che parte lo si guardi, è sempre stato un caso imbarazzante per l’Europa. Per la geografia è una città di 2.337 abitanti delle Fiandre, in Belgio, ma divisa in 24 enclavi: al suo interno 3 zone entro il confine belga, e 20 in quello olandese.

Tutto nel 1843 inizia con il Trattato di Maastricht che tentava di stabilire con esattezza il confine fra Belgio e Paesi Bassi, buoni propositi arenati di fronte a 50 km, fra i cippi 214 e 215, su cui non fu possibile trovare alcun accordo. Anni di discussioni e frotte di legali e topografi dopo, i due Paesi erano giunti alla sardonica conclusione di attribuirsi la sovranità dividendosi le 5.732 parcelle del territorio comunale, creando di fatto la nascita di exclavi racchiuse in appena 8 km. Da allora, i paradossi sono diventati una consuetudine: anni fa, quando l’Olanda prevedeva la chiusura dei ristoranti per una certa ora e il Belgio no, i clienti di alcuni locali a metà della linea di confine venivano semplicemente invitati a cambiare sala.

La stessa cosa si sta ripetendo adesso, come ennesimo effetto collaterale della pandemia: Baarle Hertog, in Belgio, è in lockdown come il resto del Paese, colpito duramente dal Covid-19, mentre Baarle-Nassau, nei Paesi Bassi – dove il coronavirus ha fatto meno danni, è pronta a riaprire. Il risultato è il solito, da secoli: i bar belgi chiusi e i pub olandesi aperti.

“Non mi è permesso aprire – commenta il titolare di un bar del centro - ma a 50 metri, dall’altra parte della strada, caffè e ristoranti apriranno il primo di giugno. Ma io non potrò andarci, perché vivo in Belgio”.

L’altra anomalia è quella dei negozi olandesi, rimasti aperti per tutto il tempo della crisi, al contrario di quelli belgi, che hanno potuto aprire soltanto questa settimana, ma con il paradosso che ai belgi è stato proibito di fare shopping oltre il confine, anche se questo significa solo attraversare i ciottoli bianchi che punteggiano il centro della città.

“Ne è nata una discussione in cui i residenti hanno deciso di confrontarsi senza aspettare che se ne occupino i politici, tentando di adottare le misure più sensate. Ma non è semplice, visto che perfino l’Europa ha un approccio fai-da-te a riaperture e chiusure. La stessa Commissione europea ha annunciato delle linee guida per rendere possibili gli spostamenti all’interno dell’area Schengen e che i controlli alle frontiere interne danneggiano lo stile di vita europeo. E nessuno più di noi ne è convinto”.

Al momento, le strade locali che attraversano il confine tra Olanda e Belgio, a breve distanza da Baarle, restano chiuse e delimitate con blocchi di cemento. Julien Leemans, 63 anni, sorride: per lui il confine non è un’astrazione, ma passa esattamente dentro casa sua. “Il 90% del mio appartamento è olandese, il 10 è belga. Non vorrei essere scortese, ma mangio in Olanda e vado in bagno in Belgio”.

Galleria fotografica
La città divisa in due dal coronavirus - immagine 1
La città divisa in due dal coronavirus - immagine 2
La città divisa in due dal coronavirus - immagine 3
La città divisa in due dal coronavirus - immagine 4
La città divisa in due dal coronavirus - immagine 5
La città divisa in due dal coronavirus - immagine 6
Europa
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale