La gioia effimera di BoJo

| Boris Johnson non avrà modo di festeggiare a lungo l’accordo raggiunto per la Brexit. Le opposizioni lo aspettano al varco, e il futuro è ancora una volta quanto mai incerto

+ Miei preferiti
Boris Johnson torna a Londra da Bruxelles imbottito di legittimo orgoglio: dopo mesi di trattative, minacce e male parole, è riuscito a strappare un accordo con gli inflessibili vertici della UE che potrebbe dare il via alle fasi finali della Brexit, una via crucis lunga tre anni.

Questa è la buona notizia. Quella cattiva è che la decisione ha potenzialmente dato il via ad una serie di eventi che potrebbero mettere fine al suo mandato di Primo Ministro. BoJo ha di fronte a quelli che quasi sicuramente ricorderà come i due giorni più dolorosi della sua carriera politica. Tanto per cominciare, avrà il compito di convincere Westminster e l’opinione pubblica a sostenere il suo accordo. Ma è un’impresa che parte in salita: il partito laburista si è già detto contrario e punta dritto verso un secondo referendum, per ridare al popolo l’ultima parola dopo mesi di incertezze. Altri vorrebbero eliminare del tutto la Brexit. In mezzo ci sono gli alleati del Partito Democratico Unionista dell’Irlanda del Nord, quelli che ancora prima della partenza per Bruxelles hanno guastato i piani di Johnson annunciando che non lo sosterranno.

Secondo gli analisti, il nuovo accordo di Johnson è simile a quello costato la testa a Theresa May: tutto ciò che Johnson ha fatto è rimuovere una parte del backstop irlandese per sostituirlo con qualcosa di molto più complicato. E proprio Johnson, non va dimenticato, ha votato contro l’accordo della May per ben due volte.

Ora il premier più spettinato del mondo deve guardare negli occhi i Brexiteers che ha guidato con polso fermo e dire che il suo accordo vale 39 miliardi di sterline (circa 50 milioni di dollari) mentre quello della May non valeva nulla.

Sabato, Johnson porterà il suo accordo davanti al Parlamento per una seduta speciale: sarà costretto a passare tutta la giornata ascoltando le critiche che pioveranno da tutti gli angoli della Camera dei Comuni. 

In questo momento, BoJo non può contare sui numeri: le previsioni gli attribuiscono una perdita limitata, ma se nelle prossime 48 ore tutto andasse in pezzi, potrebbe essere una sconfitta schiacciante, l’ultima della sua carriera politica.

Se questo accadrà, Johnson sarà legalmente obbligato a chiedere una proroga dell’articolo 50 e ritardare la Brexit, l’unica cosa che aveva promesso di non fare. A quel punto, è probabile un’accelerazione verso le inevitabili elezioni generali. Quando e se la proroga sarà concessa, Johnson e i suoi avversari si concentreranno sulla campagna elettorale: il premier accuserà chi ha affossato il suo accordo di aver rubato la Brexit al Regno Unito. Gli altri gli ricorderanno che la sua breve esperienza di premier passerà alla storia come un colossale esempio di fallimento. Sarà attaccato da sinistra e da destra: quelli che vorrebbero una Brexit più morbida - o non la vogliono per niente - diranno che Johnson voleva irresponsabilmente trascinare il paese nel baratro, gli altri lo accuseranno di aver venduto la UK all’Europa.

Nulla di tutto questo toglie il fatto che Johnson è riuscito in un’impresa che gli era stata dipinta come impossibile: un nuovo accordo che sorprendentemente sembra piacere all’intera Unione Europea. Ma non ai suoi.

Articoli correlati
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole