La Scozia vuole un secondo referendum

| Se gli inglesi hanno votato in massa per uscire dalla UE, gli scozzesi la pensano all’esatto opposto: staccarsi dall’UK ed entrare in Europa come stato indipendente. A poche ore dal voto, la leader Nicola Sturgeon batte i pugni

+ Miei preferiti
Neanche il tempo di godere per il trionfo, che sul Regno Unito tornano ad addensarsi nuvole scure e minacciose. A spingerle verso Westminster è Nicola Sturgeon, leader degli indipendentisti scozzesi dell’SNP, che da Edimburgo tuona contro i freschissimi risultati elettorali: se l’Inghilterra ha votato per lasciare la UE, la Scozia la pensa diversamente, e nell’Europa ha intenzione di restarci. “Abbiamo di nuovo detto no a Johnson e alla Brexit, vogliamo un futuro diverso”.

È l’inizio di quella che gli esperti definiscono la “disgregazione” del Regno Unito: oltre alla Scozia, che chiede un secondo referendum ben sapendo che sarà negato, con il risultato di esarcerbare ancora di più gli animi, c’è l’Irlanda, dove alle urne hanno dominato unionisti e Sinn Féin. Da quelle parti, il confuso sistema dei controlli doganali messo in piedi da Johnson per scongiurare il backstop non piace a nessuno. Anche dall’Irlanda, dicono in molti, non tarderà ad arrivare la richiesta di un referendum per lasciare il Regno Unito.

Al di là dei proclami, delle dita a “V” e della data del 31 gennaio 2020 come giorno di addio alla UE, resta l’incognita dei trattati di uscita, una prateria di discussioni infinite in cui stabilire la circolazione delle merci e delle persone, il commercio, i fondi strutturali e via così. A goderne di più sono gli USA, la Cina e la Russia, a cui un’Europa unita, forte e competitiva non è mai piaciuta.

Galleria fotografica
La Scozia vuole un secondo referendum - immagine 1
Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso