Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson

| Furibonda lite tra il leader dei Tory, aspirante premier, e la compagna Carrie. La vicina registra tutto. Lei urla: "Fuori dalla mia casa", tuona lei. "Non me ne vado e stai lontana dal mio pc". La polizia: "Si sono sono calmati, tutto ok"

+ Miei preferiti

Polizia a casa di "Bo-Jo" Boris Johnson, aspirante leader dei Tory e fautore della Brexit senza accordo con la UE,  e della sua compagna, Carrie Symonds, nelle prime ore del venerdì mattina, dopo che i vicini di casa hanno sentito un forte alterco con urla, grida e un forte "frastuono". Compreso il classico rumore dei piatti lanciati e frantumati. La discussione è stata scoltata e registrata da una vicina di casa della proprietà dove il potenziale futuro primo ministro sta convivendo con Symonds, ex addetto stampa dei conservatori inglesi, per cui Boris, detto Bo-Jo, ha lasciato tempo fa moglie e figli.

La vicina ha detto al Guardian che hanno sentito una donna urlare. Ad un certo punto Symonds avrebbe urlato a Johnson di "toglimi le mani di dosso" ed "esci dal mio appartamento”. Preoccupata, ha bussato alla porta ma senza risposta. "Speravo che qualcuno rispondesse alla porta e dicesse: 'Stiamo bene'. Ho bussato tre volte e nessuno è venuto alla porta”. Ma farsi i fatti propri no? L’Inghilterra, patria della privacy, a volte è strana. Così la solerte vicina ha chiamato il numero di emergenza di Scotland Yard.  Due macchine della polizia e un furgone sono arrivati in pochi minuti, poco dopo mezzanotte, ma sono partiti dopo aver ricevuto rassicurazioni da entrambi gli individui nell'appartamento che era tutto sotto controllo

Quando è stato contattata dal Guardian, la polizia ha inizialmente detto di non avere alcuna registrazione di un incidente domestico all'indirizzo. Ma quando è stato dato il numero del caso e il numero di riferimento, così come i contrassegni di identificazione dei veicoli che sono stati chiamati fuori, la polizia ha rilasciato una dichiarazione dicendo: "Alle 00:24hrs il venerdì 21 giugno, la polizia ha risposto a una chiamata da un residente locale in [sud di Londra]. La persona che chiamava era preoccupata per il benessere di una vicina di casa. La polizia ha partecipato e ha parlato con tutti gli occupanti dell'indirizzo, che erano tutti al sicuro e bene. Non c'erano reati o preoccupazioni evidenti agli agenti e non c'era motivo di intervento della polizia".

Johnson e Symonds sono apparsi sempre più spesso insieme in occasione di eventi pubblici nelle ultime settimane. L'ex sindaco di Londra ha superato lo scrutinio di giovedì dei deputati conservatori nel concorso di leadership del partito ed è ora il favorito contro Jeremy Hunt per essere il prossimo primo ministro. Il vicino ha detto che ha registrato l'alterco dall'interno del loro appartamento perché “temevano per Carrie”. Durante la registrazione, ascoltata dal Guardian, Johnson urla infuriato che non voleva affatto di lasciare l'appartamento e mentre dice a Symonds di "togliersi dal mio c…di laptop”, poi una serie di rumori assai violenti. Forse la bella Carrie cercava di leggere qualche post sul pc del compagno, che ha la fama di inveterato play boy? Symonds dice che Johnson ha rovinato un divano con del vino rosso: "Non ti importa di niente perché sei viziato. Non ti interessano i soldi o altro". Aggiunge la vicina impicciona: "C'era il frastuonodi quello che suonava come un piatto in frantumi. Dopo la lite uno strano silenzio. Il mio compagno, che era a letto mezzo addormentato, aveva sentito un forte botto e la casa tremava".

Johnson si è separato dalla moglie, Marina Wheeler, l'anno scorso e ha iniziato una relazione con Symonds, a cui è stato attribuito il merito di aver rivitalizzato il suo aspetto e il suo approccio alla politica. Faceva parte del suo team quando ha lanciato pubblicamente la sua campagna per la leadership dei Tory all'inizio di questo mese. Nelle ultime settimane la coppia ha condiviso un appartamento in una casa vittoriana. È stato riferito che intendono trasferirsi in Downing Street insieme se sarà eletto premier. Attenzione ai cimeli della storica magione.

 

 
Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit