Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson

| Furibonda lite tra il leader dei Tory, aspirante premier, e la compagna Carrie. La vicina registra tutto. Lei urla: "Fuori dalla mia casa", tuona lei. "Non me ne vado e stai lontana dal mio pc". La polizia: "Si sono sono calmati, tutto ok"

+ Miei preferiti

Polizia a casa di "Bo-Jo" Boris Johnson, aspirante leader dei Tory e fautore della Brexit senza accordo con la UE,  e della sua compagna, Carrie Symonds, nelle prime ore del venerdì mattina, dopo che i vicini di casa hanno sentito un forte alterco con urla, grida e un forte "frastuono". Compreso il classico rumore dei piatti lanciati e frantumati. La discussione è stata scoltata e registrata da una vicina di casa della proprietà dove il potenziale futuro primo ministro sta convivendo con Symonds, ex addetto stampa dei conservatori inglesi, per cui Boris, detto Bo-Jo, ha lasciato tempo fa moglie e figli.

La vicina ha detto al Guardian che hanno sentito una donna urlare. Ad un certo punto Symonds avrebbe urlato a Johnson di "toglimi le mani di dosso" ed "esci dal mio appartamento”. Preoccupata, ha bussato alla porta ma senza risposta. "Speravo che qualcuno rispondesse alla porta e dicesse: 'Stiamo bene'. Ho bussato tre volte e nessuno è venuto alla porta”. Ma farsi i fatti propri no? L’Inghilterra, patria della privacy, a volte è strana. Così la solerte vicina ha chiamato il numero di emergenza di Scotland Yard.  Due macchine della polizia e un furgone sono arrivati in pochi minuti, poco dopo mezzanotte, ma sono partiti dopo aver ricevuto rassicurazioni da entrambi gli individui nell'appartamento che era tutto sotto controllo

Quando è stato contattata dal Guardian, la polizia ha inizialmente detto di non avere alcuna registrazione di un incidente domestico all'indirizzo. Ma quando è stato dato il numero del caso e il numero di riferimento, così come i contrassegni di identificazione dei veicoli che sono stati chiamati fuori, la polizia ha rilasciato una dichiarazione dicendo: "Alle 00:24hrs il venerdì 21 giugno, la polizia ha risposto a una chiamata da un residente locale in [sud di Londra]. La persona che chiamava era preoccupata per il benessere di una vicina di casa. La polizia ha partecipato e ha parlato con tutti gli occupanti dell'indirizzo, che erano tutti al sicuro e bene. Non c'erano reati o preoccupazioni evidenti agli agenti e non c'era motivo di intervento della polizia".

Johnson e Symonds sono apparsi sempre più spesso insieme in occasione di eventi pubblici nelle ultime settimane. L'ex sindaco di Londra ha superato lo scrutinio di giovedì dei deputati conservatori nel concorso di leadership del partito ed è ora il favorito contro Jeremy Hunt per essere il prossimo primo ministro. Il vicino ha detto che ha registrato l'alterco dall'interno del loro appartamento perché “temevano per Carrie”. Durante la registrazione, ascoltata dal Guardian, Johnson urla infuriato che non voleva affatto di lasciare l'appartamento e mentre dice a Symonds di "togliersi dal mio c…di laptop”, poi una serie di rumori assai violenti. Forse la bella Carrie cercava di leggere qualche post sul pc del compagno, che ha la fama di inveterato play boy? Symonds dice che Johnson ha rovinato un divano con del vino rosso: "Non ti importa di niente perché sei viziato. Non ti interessano i soldi o altro". Aggiunge la vicina impicciona: "C'era il frastuonodi quello che suonava come un piatto in frantumi. Dopo la lite uno strano silenzio. Il mio compagno, che era a letto mezzo addormentato, aveva sentito un forte botto e la casa tremava".

Johnson si è separato dalla moglie, Marina Wheeler, l'anno scorso e ha iniziato una relazione con Symonds, a cui è stato attribuito il merito di aver rivitalizzato il suo aspetto e il suo approccio alla politica. Faceva parte del suo team quando ha lanciato pubblicamente la sua campagna per la leadership dei Tory all'inizio di questo mese. Nelle ultime settimane la coppia ha condiviso un appartamento in una casa vittoriana. È stato riferito che intendono trasferirsi in Downing Street insieme se sarà eletto premier. Attenzione ai cimeli della storica magione.

 

 
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole