Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson

| Furibonda lite tra il leader dei Tory, aspirante premier, e la compagna Carrie. La vicina registra tutto. Lei urla: "Fuori dalla mia casa", tuona lei. "Non me ne vado e stai lontana dal mio pc". La polizia: "Si sono sono calmati, tutto ok"

+ Miei preferiti

Polizia a casa di "Bo-Jo" Boris Johnson, aspirante leader dei Tory e fautore della Brexit senza accordo con la UE,  e della sua compagna, Carrie Symonds, nelle prime ore del venerdì mattina, dopo che i vicini di casa hanno sentito un forte alterco con urla, grida e un forte "frastuono". Compreso il classico rumore dei piatti lanciati e frantumati. La discussione è stata scoltata e registrata da una vicina di casa della proprietà dove il potenziale futuro primo ministro sta convivendo con Symonds, ex addetto stampa dei conservatori inglesi, per cui Boris, detto Bo-Jo, ha lasciato tempo fa moglie e figli.

La vicina ha detto al Guardian che hanno sentito una donna urlare. Ad un certo punto Symonds avrebbe urlato a Johnson di "toglimi le mani di dosso" ed "esci dal mio appartamento”. Preoccupata, ha bussato alla porta ma senza risposta. "Speravo che qualcuno rispondesse alla porta e dicesse: 'Stiamo bene'. Ho bussato tre volte e nessuno è venuto alla porta”. Ma farsi i fatti propri no? L’Inghilterra, patria della privacy, a volte è strana. Così la solerte vicina ha chiamato il numero di emergenza di Scotland Yard.  Due macchine della polizia e un furgone sono arrivati in pochi minuti, poco dopo mezzanotte, ma sono partiti dopo aver ricevuto rassicurazioni da entrambi gli individui nell'appartamento che era tutto sotto controllo

Quando è stato contattata dal Guardian, la polizia ha inizialmente detto di non avere alcuna registrazione di un incidente domestico all'indirizzo. Ma quando è stato dato il numero del caso e il numero di riferimento, così come i contrassegni di identificazione dei veicoli che sono stati chiamati fuori, la polizia ha rilasciato una dichiarazione dicendo: "Alle 00:24hrs il venerdì 21 giugno, la polizia ha risposto a una chiamata da un residente locale in [sud di Londra]. La persona che chiamava era preoccupata per il benessere di una vicina di casa. La polizia ha partecipato e ha parlato con tutti gli occupanti dell'indirizzo, che erano tutti al sicuro e bene. Non c'erano reati o preoccupazioni evidenti agli agenti e non c'era motivo di intervento della polizia".

Johnson e Symonds sono apparsi sempre più spesso insieme in occasione di eventi pubblici nelle ultime settimane. L'ex sindaco di Londra ha superato lo scrutinio di giovedì dei deputati conservatori nel concorso di leadership del partito ed è ora il favorito contro Jeremy Hunt per essere il prossimo primo ministro. Il vicino ha detto che ha registrato l'alterco dall'interno del loro appartamento perché “temevano per Carrie”. Durante la registrazione, ascoltata dal Guardian, Johnson urla infuriato che non voleva affatto di lasciare l'appartamento e mentre dice a Symonds di "togliersi dal mio c…di laptop”, poi una serie di rumori assai violenti. Forse la bella Carrie cercava di leggere qualche post sul pc del compagno, che ha la fama di inveterato play boy? Symonds dice che Johnson ha rovinato un divano con del vino rosso: "Non ti importa di niente perché sei viziato. Non ti interessano i soldi o altro". Aggiunge la vicina impicciona: "C'era il frastuonodi quello che suonava come un piatto in frantumi. Dopo la lite uno strano silenzio. Il mio compagno, che era a letto mezzo addormentato, aveva sentito un forte botto e la casa tremava".

Johnson si è separato dalla moglie, Marina Wheeler, l'anno scorso e ha iniziato una relazione con Symonds, a cui è stato attribuito il merito di aver rivitalizzato il suo aspetto e il suo approccio alla politica. Faceva parte del suo team quando ha lanciato pubblicamente la sua campagna per la leadership dei Tory all'inizio di questo mese. Nelle ultime settimane la coppia ha condiviso un appartamento in una casa vittoriana. È stato riferito che intendono trasferirsi in Downing Street insieme se sarà eletto premier. Attenzione ai cimeli della storica magione.

 

 
Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso