L'arcivescovo di Cracovia contro i gay

| Parole pensatissime, che paragonano la comunità LGBT ad un’epidemia di peste peggiore di comunismo e nazismo messi insieme

+ Miei preferiti
Lo sdegno e l’imbarazzo stanno attraversando l’Europa, per le pesanti parole di Marek Jedraszewski, arcivescovo di Cracovia e fra i massimi esponenti della conferenza episcopale polacca. Nel corso di diversi interventi pubblici, mentre si celebra l’insurrezione di Varsavia che avrebbe portato alla distruzione della capitale per ordine di Hitler, l’alto prelato polacco ha paragonato la comunità LGBT come “un’epidemia di peste” i cui effetti sulla società potrebbero essere peggiori di nazismo e comunismo messi insieme.

Parole forti e dure, che in qualche modo anticipano l’accesa campagna elettorale in vista delle elezioni legislative del prossimo 13 ottobre, che facilmente sarà fra i temi caldi del programma elettorale dei sovranisti di “PiS”, alleati in Europa alla Lega di Salvini.

“Non esiste più un’epidemia e una piaga rossa comunista, ma ne sta nascendo una nuova, quella della cultura LGBT e delle bandiere arcobaleno, una minaccia bolscevica per i valori e la solidità sociale e familiare della Polonia”, ha spiegato Jedraszewski, classe 1949, in carica dall’8 dicembre 2016.

L’esortazione dell’arcivescovo è di “difendere contro la nuova minaccia il diritto alla vita e alla dignità di un uomo e una donna, gli unici deputati a costruire una famiglia e mettere al mondo dei figli”.

Immediate le reazioni delle associazioni LGBT polacche, che per voce di Bartosz Staszewski hanno protestando, indicando “L’atmosfera di pogrom che la Chiesa cattolica e il PiS stanno creando in Polonia: in passato il capro espiatorio di ogni male del mondo erano gli ebrei, oggi sono i gay”.

Europa
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante