L'arcivescovo di Cracovia contro i gay

| Parole pensatissime, che paragonano la comunità LGBT ad un’epidemia di peste peggiore di comunismo e nazismo messi insieme

+ Miei preferiti
Lo sdegno e l’imbarazzo stanno attraversando l’Europa, per le pesanti parole di Marek Jedraszewski, arcivescovo di Cracovia e fra i massimi esponenti della conferenza episcopale polacca. Nel corso di diversi interventi pubblici, mentre si celebra l’insurrezione di Varsavia che avrebbe portato alla distruzione della capitale per ordine di Hitler, l’alto prelato polacco ha paragonato la comunità LGBT come “un’epidemia di peste” i cui effetti sulla società potrebbero essere peggiori di nazismo e comunismo messi insieme.

Parole forti e dure, che in qualche modo anticipano l’accesa campagna elettorale in vista delle elezioni legislative del prossimo 13 ottobre, che facilmente sarà fra i temi caldi del programma elettorale dei sovranisti di “PiS”, alleati in Europa alla Lega di Salvini.

“Non esiste più un’epidemia e una piaga rossa comunista, ma ne sta nascendo una nuova, quella della cultura LGBT e delle bandiere arcobaleno, una minaccia bolscevica per i valori e la solidità sociale e familiare della Polonia”, ha spiegato Jedraszewski, classe 1949, in carica dall’8 dicembre 2016.

L’esortazione dell’arcivescovo è di “difendere contro la nuova minaccia il diritto alla vita e alla dignità di un uomo e una donna, gli unici deputati a costruire una famiglia e mettere al mondo dei figli”.

Immediate le reazioni delle associazioni LGBT polacche, che per voce di Bartosz Staszewski hanno protestando, indicando “L’atmosfera di pogrom che la Chiesa cattolica e il PiS stanno creando in Polonia: in passato il capro espiatorio di ogni male del mondo erano gli ebrei, oggi sono i gay”.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso