Il mostro torna libero. Pedofila sconta solo 7 anni in cella

| Vanessa George, 49 anni, arrestata nel 2009 in UK per 64 abusi sessuali ai danni di bimbi a lei affidati, potrebbe tornare libera. Genitori e vittime sotto choc. Fotografava le violenze e le inoltrava ai pedofili

+ Miei preferiti

La pedofila più famigerata del Regno Unito, l’ex infermiera e baby sitter Vanessa George, potrebbe tornare libera fra pochi giorni. Ha 49 anni, si è fotografata mentre abusava di 64 neonati e bambini in sua cura e ha inviato le immagini ai suoi amici pedofili. Era stata arrestata nel 2009 e condannata a 7 anni di carcere, ma ora, secondo il Tribunale, “non è più un pericolo”.

Tuttavia, le parti civili  hanno impugnato la decisione e chiedono ai giudici che resti dietro le sbarre. Harry Fletcher, direttore della campagna per i diritti delle vittime, ha detto: "La raccomandazione minima di sette anni di carcere per Vanessa George era molto, molto bassa, il che spiega perché le autorità di libertà vigilata l'hanno comunque tenuta dentro". Ha aggiunto: "E' scandaloso che questi pedofili condannati ricevano più di 100.000 sterline di assistenza legale gratuita mentre alle vittime spetti una miseria".

La pedofila aveva scattato delle foto sul suo telefono delle sue vittime alla "Little Ted's Nursery" di Plymouth e inviato le immagini al pedofilo Colin Blanchard dopo averlo incontrato su Facebook. Condannandola, il giudice Royce ha detto di aver “scoperto nuove profondità di depravazione”. I genitori avevano protestato, definendo la condanna una “beffa atroce”, sono tornati a contestare il tribunale di Bristol minacciando di uccidere l’ex infermiera, "per fare giustizia”. Tra i destinatari delle orribili foto anche la prostituta Angela Allen, di Nottingham, condannata a cinque anni.

Vanessa George aveva choccato l’opinione pubblica inglese, che oggi è indignata scoprendo che meno di dieci anni dopo il mostro possa tornare in libertà. Ma la partita non è ancora chiusa. Fra pochi giorni altri giudici dovranno valutare se la pena fu davvero sufficiente a punire i crimini contro bimbi innocenti.

Europa
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Effetto Biden: Johnson pronto a scendere a patti con la UE
Impaurito dal cambio di marcia della politica americana, il premier inglese sa di non avere più una spalla forte come Trump per continuare a battere i pugni con Bruxelles
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica