Londra annega nel sangue: una spaventosa catena di morti

| Giovanissimi armati di coltelli e machete uccidono per rapina, per vendetta, per i più futili motivi. Oltre 4 mila accoltellati in quartierI e sobborghi della capitale britannica

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Questo reportage da Londra segue uno schema inusuale. Lo stile è quello di un macabro elenco telefonico. E’ tratto da una drammatica ricostruzione del clima di violenza che si respira a Londra in questi mesi, dopo una spaventosa catena di morti violente. I giornalisti del Sun hanno preso carta e penna e hanno pazientemente raccontato, una per una, la morte violenta di 132 londinesi, una ogni 16 giorni, uccisi nella capitale. Un lavoro certosino: l’effetto è sconvolgente anche attraverso la grafica con le foto di moltissimi degli uccisi, elaborata sempre dal Sun. Lo stile sembra quello dei rapporti di polizia, con ripetizioni, schemi essenziali, scarso uso di aggettivi ed effetti alla Tarantino.

Abbiamo rispettato questa imposizione per una scelta precisa. Vogliamo ricordare, per quanto possibile, le vittime. Perché i numeri delle statistiche nascondono persone vere che restano invisibili. Raccontare la storia di tutti sarebbe impossibile. Ma immaginate di visitare un cimitero e di leggere i nomi dei morti su ogni lapide, l’età, il luogo dove avvenne. Crediamo sia sufficiente per riflettere su una realtà che oggi riguarda Londra, così enorme e piena di contraddizioni, ma domani potrebbe estendersi altrove. Anche in Italia.

SI MUORE PER UN TELEFONO O UN POST 

A Londra puoi morire, nei quartieri più pop, ma anche a Tottenham o Kensington, perché vogliono rubarti un telefono o un giubbotto o per un post non gradito sui social. Gli assassini sono spesso giovanissimi, fanno parte di gang rivali tra loro (molte vittime ne facevano parte) e hanno il culto della lama, l’arma preferita, facile da trovare e facile da buttare via. “Le cifre della polizia metropolitana di Londra hanno dimostrato che le aggressioni con coltelli sono aumentate del 16 per cento nella capitale, mentre l'epidemia di criminalità in Gran Bretagna continua. Escludendo le vittime di attentati terroristici come London Bridge, Westminster e Manchester, si registra un aumento del 12% degli omicidi, il numero più alto degli ultimi dieci anni”, scrive il Sun. Cifre impressionanti: il numero totale dei reati commessi usando un coltello o uno strumento a lama registrati dai poliziotti nell'anno fino a marzo 2018 è salito a 40.147, un triste record. Ci sono stati 1.299 accoltellamenti a Londra fino alla fine di aprile, secondo le statistiche ufficiali della Met Police. Anche l’enorme aumento del consumo di cocaina e oppiodi sintetici a basso prezzo potrebbe avere scatenato, o almeno contribuito, all’ondata di sanguinosa violenza.

IL COLTELLO ARMA LETALE

A febbraio - riporta il Sun - più di 250 coltelli, machete e spade sono stati sequestratI in tutta Londra in una sola settimana e 283 persone, molti dei quali adolescenti, sono stati arrestati per il possesso. Ad agosto, gli accoltellamenti sono stati quotidiani, senza più arrestarsi. Seguono un crudo elenco di omicidi, a partire a giugno sino ad oggi, in un crescendo che non ha bisogno di commenti. Essenziale cronistoria: due uomini accoltellati a Kensington High Street, nella zona ovest di Londra, l'11 giugno; lo stesso giorno altro ventenne in agonia, pugnalato a Bermondsey, sud di Londra. Il 12 giugno, un ragazzo accoltellato sempre a Kensington. Cinque giorni dopo tocca a un quindicenne, trafitto da lame in South East London. Il 2 luglio adolescente pugnalato allo stomaco con un coltello da cucina con lama da 20 cm ad Islington. Il 12 luglio uccisa Katerina Makunova, 17 anni, con 12 fendenti in un condominio a Camberwell. Un uomo pugnalato in un casinò di Leicester Square il 16 luglio. Un altro uomo pugnalato a Mill Hill, a nord di Londra il 22 luglio. Il 1° agosto, un 23enne è pugnalato a morte a Camberwell. Era un rapper della gang  Mosca17. Altri due uomini accoltellati nelle stesse ore. Il 5 agosto, ventenne trovato morto con ferite multiple a Cambridge Gardens, Kingston-Upon-Thames, trafitto da numerose coltellate. Il 17 agosto, un adolescente sventrato con un machete ancora a Camberwell in uno scontro tra bande con 30 persone coinvolte. Quel giorno un 42enne fu pugnalato a morte a Waltham Forest, a East London. Il 24 agosto, 23enne in coma accoltellato a Tulse Hill, nel sud di Londra in pieno giorno. Lo stesso giorno donna di 60 anni  pugnalata a Chariot Close, la lama aveva forato la borsetta salvandola da morte sicura. Ucciso anche Zakaria Bukar Sharif Ali, 26 anni, nella zona est di Londra. Il 25 agosto accoltellati 16enne e una donna di 57 anni a Romford.

PUGNALATO, PUGNALATO, PUGNALATO…

Il 27 agosto, un uomo pugnalato l'ultimo giorno del Carnevale di Notting Hill. Il 28 agosto, un uomo accoltellato a Camden. Il 5 settembre adolescente in fin di vita per “ferite multiple da taglio” a Islington. Il 2 novembre, 17enne morto pugnalato nella stazione della metropolitana di Clapham South Tube “di fronte a pendolari inorriditi”, scrive il Sun. Malcolm Mide-Madariola, di Peckham, era morto in ospedale. Un ragazzo di 17 anni è stato poi accusato di omicidio, con lui altri due 18enni, tutti arrestat. Il 5 novembre 2018, il 16enne John Ogunjobi è pugnalato a morte a Tulse Hill, nel sud di Londra. Anche lui un rapper, nome d’arte JaySav e membro della Lower Tulse Hill (LTH), e si batteva contro droga e violenza. Il 10 novembre, uomo di 30 anni  ricoverato in ospedale pugnalato a Crouch Hill, a nord di Londra. Il 20 novembre, adolescente pugnalato in pieno giorno fuori da un supermercato Lidl a Romford. Il 23 novembre un agente della polizia dei trasporti accoltellato fuori dalla stazione di Ilford alle 9.45 pm. Il 24 novembre, 22enne  pugnalato a morte a Hackney. L’8 dicembre 18enne pugnalato a morte a Greenwich.

NOMI E COGNOMI DELLE VITTIME

Invece questa è la lista ufficiale, non completa (alcuni feriti sono morti negli ospedali nonostante le cure) dei morti dal 1 gennaio a fine giugno 2018.

1 gennaio - Steve Frank Navarez-Jara, 20 gennaio, Islington

3 gennaio - Elizabeta Lacatusu, 44 anni, Redbridge

8 gennaio - Daniel Frederick, 34 anni, morto a Hackney

9 gennaio - Dami Odeyingbo, 18 anni, accoltellato a Bromley

11 gennaio - Harry Uzoka, 25 anni, ucciso a Shepherd's Bush

28 gennaio - Yaya Mbye, 26 anni, accoltellato a Stoke Newington

29 gennaio - Juan Olmos Saca, 39 anni, accoltellato a Peckham

31 gennaio - Khader Saleh, 25 anni, pugnalato nella prigione di Wormwood Scrubs

3 febbraio - Hasan Ozcan, 19 anni, accoltellato in Abbaio

3 febbraio - Kwabena Nelson, un giovane lavoratore, è morto dopo essere stato pugnalato vicino alla sua casa di Tottenham.

8 febbraio - Hannah Leonard, 55 anni, accoltellato in un appartamento a Camden

11 febbraio - Sabri Chibani, 19 anni, accoltellato a Streatham

13 febbraio - Saeeda Hussain, 54 anni, accoltellato a Ilford

14 febbraio - Lord Promise Nkenda, 17 anni, accoltellato a Canning Town

18 febbraio - Lewis Blackman, 19 anni, accoltellato a Kensington

19 febbraio - Rotimi Oshibanjo, 26 anni, accoltellato in Southall

20 febbraio - Sadiq Mohammed, 20 anni, accoltellato a Camden

20 febbraio - Abdikarim Hassan, 17 anni, accoltellato a Camden

25 febbraio - Michael Boyle, 44 anni, pugnalato al petto

1 marzo - Christopher Beaumont, 42 anni, pugnalato a Hammersmith

5 marzo - Laura Figueira, 47 anni, pugnalata a Twickenham

5 marzo - Kelva Smith, 20 anni, accoltellato a Croydon

14 marzo - Lyndon Davis, 18 anni, accoltellato a Chadwell Heath

16 marzo - Naomi Hersi, 36 anni, trovata con ferite da taglio nell'hotel vicino all'aeroporto di Heathrow.

17 marzo - Russell Jones, 23 anni, pugnalato a Enfield

18 marzo - Tyrone Silcott, 41 anni, accoltellato a Hackney

19 marzo - Balbir Johal, 48 anni, coltellato a Southall

19 marzo - Un 41enne è stato pugnalato a morte nella foresta di Waltham.

20 marzo - Beniamin Pieknyi, 21 anni, accoltellato al centro commerciale Stratford

26 marzo - David Potter, 50 anni, pugnalato a Tooting

29 marzo - Reece Tshoma, 23, pugnalato a Plumstead

30 marzo - Leyla Mtumwa, 36 anni, trovata con ferite da taglio in una casa ad Haringey

1 aprile - Un ventenne è stato pugnalato a Wandsworth.

4 aprile - Un uomo di 38 anni è stato pugnalato in una casa a Lewisham

4 aprile - Israele Ogunsola, 18 anni, pugnalato a morte a Hackney il 4 aprile. La polizia è stata allertata da un automobilista e ha eseguito il primo soccorso, ma l'adolescente è morto sulla scena.

5 aprile - Cinque adolescenti e un uomo sono stati accoltellati a Londra nel giro di 24 ore. Una delle vittime aveva 13 anni e se ne è andata lottando per la sua vita.

9 aprile - Un uomo di 70 anni è stato pugnalato quattro volte e derubato mentre tornava a casa sua Harold Hill dopo aver riscosso la sua pensione.

12 aprile - Una donna ventenne è stata arrestata dopo aver accoltellato un uomo nell'Isola dei Cani il 12 aprile 2018.

15 aprile - Un uomo chiamato localmente Raul Nicolaie è stato accoltellato a morte poco prima delle 18:00 a Colindale, a nord di Londra.

15 aprile - Samantha Clarke, 38 anni, è stata accoltellata a Brixton, South West London, poco dopo le 18.30 e la polizia ha arrestato un uomo sulla ventina di anni.

20 aprile - Aaron Springett, 32 anni, è morto dopo che è stato trovato crollato a Morden, South West London, poco prima delle 1.30pm. Un 31enne è stato arrestato per sospetto omicidio.

21 aprile - Un uomo, 20 anni, è stato pugnalato a morte a Finsbury Park, a nord di Londra, come ha avvertito un importante chirurgo di una "estate di carneficina" nella capitale.

17 maggio - Un uomo, 24 anni, è stato pugnalato a morte in Crows Road, abbaiare intorno alle 11.30 pm.

20 maggio - Un ventenne pugnalato a Mitcham, nel sud di Londra.

21 maggio - Marcel Campbell, 20 anni, pugnalato a morte a pochi metri dal municipio di Islington, nel nord di Londra.

30 maggio - Un uomo, ritenuto quarantenne, pugnalato a morte a Kensington, nella zona ovest di Londra.

1 giugno - Una donna è stata trovata accoltellata a morte a Brent, Londra nord-occidentale.

9 giugno - Edmond Jonuzi, 35 anni, pugnalato a morte vicino alla stazione della metropolitana di Turnpike Land Tube a North London in quello che si ritiene sia un attacco legato alla droga.

23 giugno - Jordan Douherty, 15 anni, il più giovane ad essere pugnalato a Londra quest'anno dopo essere stato accoltellato nel cuore di Romford, East London.

27 giugno - Un uomo, 20 anni, pugnalato a morte in un parco.

Europa
Brexit, la storia infinita
Brexit, la storia infinita
Neanche il giorno del giudizio è riuscito a mettere la parola fine ad una tragedia che si trascina da tre anni. Il premier Johnson sconfitto in Parlamento, e gli inglesi che chiedono un secondo referendum
Brexit, la Scozia non ci sta
Brexit, la Scozia non ci sta
Si riapre con forza il fronte secessionista di chi vuole abbandonare il Regno Unito al proprio destino e camminare con le proprie gambe. L’iter per un secondo referendum è pronto, ma manca l’ok di Londra
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
Dunkerque, il terminale dei disperati di tutto il mondo
La polizia francese sgombera i campi dei rifugiati medio-orientali che cercano di raggiungere con ogni mezzo l'Inghilterra. In aumento gli attraversamenti illegali del Canale. Donne e bambini i più esposti ai pericoli
Caccia alla spia venuta dal freddo
Caccia alla spia venuta dal freddo
Il più importante agente della Cia a Mosca, fondamentale per ricostruire le presidenziali del 2016, sarebbe stato "bruciato" dai Trump. Lui è ora negli USA, in "pericolo di vita"
Un disastro chiamato Brexit
Un disastro chiamato Brexit
Tutto è ancora possibile, ripetono gli analisti politici: a quasi quattro anni dal referendum sull’uscita dalla UE, la Gran Bretagna è sempre più nel caos
Brexit, operazione martello giallo
Brexit, operazione martello giallo
Un rapporto confidenziale governativo svelato da un quotidiano inglese svela lo scenario apocalittico a cui va incontro la Gran Bretagna in caso di “No deal”
Esplode Skyfall, l'Armageddon di Putin
Esplode Skyfall, l
Durante un test il missile nucleare con autonomia illimitata è esploso. Le radiazioni avvertite sino in Norvegia: 40 morti nell'incendio del sottomarino nucleare più letale del mondo
Trump: mi compro la Groenlandia
Trump: mi compro la Groenlandia
Secca replica dei danesi: "Non siamo in un film comico". Ma il governo apre a investimenti USA
L'arcivescovo di Cracovia contro i gay
L
Parole pensatissime, che paragonano la comunità LGBT ad un’epidemia di peste peggiore di comunismo e nazismo messi insieme
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Svezia, troppo sexy per salire sul bus
Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali