Londra in piazza: cancellate la Brexit

| Un milione di persone, 4,2 quelle che hanno firmato la petizione online per chiedere la revoca dell’articolo 50 o un nuovo referendum. Freddo il commento di Downing Street

+ Miei preferiti
Non se l’aspettava nessuno, neanche gli organizzatori, una risposta di popolo così massiccia: sulle strade di Londra si è riversato un fiume di persone che da Hyde Park Corner si è diretta compatta verso Parliament Square, a Westminster, dove i politici litigano da anni sul loro futuro. Un mare di gente con i colori della “Union Jack”, l’orgogliosa bandiera inglese, insieme a quella azzurra dell’Europa, con le stelle in cerchio. Ovunque il grido “Put in to the people”, lasciate decidere al popolo.

Gli organizzatori della manifestazione, “People’s Vote”, parlano di un milione di persone in strada, e in realtà non sono che una piccola parte dei 4,2 milioni che hanno firmato la petizione popolare online che ha mandato in tilt il sito del Parlamento britannico, in cui si chiede la revoca immediata dell’articolo 50, ovvero lo stop immediato alla “Brexit”, l’imbuto in cui gli inglesi si sono infilati con tutte le scarpe tre anni fa.

Nel 2016, un’analoga iniziativa era riuscita a radunare 700mila persone, non poche ma pochissime perché da Westminster qualcuno si affacciasse per vedere cosa stava succedendo. Questa volta non è così, eppure, autorevoli voci da Downing Street lasciano trapelare un totale disinteresse alla manifestazione: revocare la Brexit tout-court è definito un “irreparabile danno alla democrazia e un tradimento della volontà popolare espressa dal referendum nel 2016”, oltre ad una magra figura politica degna dei libri di storia. E Theresa May non ha alcuna intenzione di metterci la faccia più di quanto non stia facendo nei suoi incessanti viaggi da e per Bruxelles.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 1
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 2
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 3
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 4
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 5
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 6
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 7
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 8
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 9
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 10
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 11
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 12
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 13
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 14
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole