Londra in piazza: cancellate la Brexit

| Un milione di persone, 4,2 quelle che hanno firmato la petizione online per chiedere la revoca dell’articolo 50 o un nuovo referendum. Freddo il commento di Downing Street

+ Miei preferiti
Non se l’aspettava nessuno, neanche gli organizzatori, una risposta di popolo così massiccia: sulle strade di Londra si è riversato un fiume di persone che da Hyde Park Corner si è diretta compatta verso Parliament Square, a Westminster, dove i politici litigano da anni sul loro futuro. Un mare di gente con i colori della “Union Jack”, l’orgogliosa bandiera inglese, insieme a quella azzurra dell’Europa, con le stelle in cerchio. Ovunque il grido “Put in to the people”, lasciate decidere al popolo.

Gli organizzatori della manifestazione, “People’s Vote”, parlano di un milione di persone in strada, e in realtà non sono che una piccola parte dei 4,2 milioni che hanno firmato la petizione popolare online che ha mandato in tilt il sito del Parlamento britannico, in cui si chiede la revoca immediata dell’articolo 50, ovvero lo stop immediato alla “Brexit”, l’imbuto in cui gli inglesi si sono infilati con tutte le scarpe tre anni fa.

Nel 2016, un’analoga iniziativa era riuscita a radunare 700mila persone, non poche ma pochissime perché da Westminster qualcuno si affacciasse per vedere cosa stava succedendo. Questa volta non è così, eppure, autorevoli voci da Downing Street lasciano trapelare un totale disinteresse alla manifestazione: revocare la Brexit tout-court è definito un “irreparabile danno alla democrazia e un tradimento della volontà popolare espressa dal referendum nel 2016”, oltre ad una magra figura politica degna dei libri di storia. E Theresa May non ha alcuna intenzione di metterci la faccia più di quanto non stia facendo nei suoi incessanti viaggi da e per Bruxelles.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 1
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 2
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 3
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 4
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 5
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 6
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 7
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 8
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 9
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 10
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 11
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 12
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 13
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 14
Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso