Londra in piazza: cancellate la Brexit

| Un milione di persone, 4,2 quelle che hanno firmato la petizione online per chiedere la revoca dell’articolo 50 o un nuovo referendum. Freddo il commento di Downing Street

+ Miei preferiti
Non se l’aspettava nessuno, neanche gli organizzatori, una risposta di popolo così massiccia: sulle strade di Londra si è riversato un fiume di persone che da Hyde Park Corner si è diretta compatta verso Parliament Square, a Westminster, dove i politici litigano da anni sul loro futuro. Un mare di gente con i colori della “Union Jack”, l’orgogliosa bandiera inglese, insieme a quella azzurra dell’Europa, con le stelle in cerchio. Ovunque il grido “Put in to the people”, lasciate decidere al popolo.

Gli organizzatori della manifestazione, “People’s Vote”, parlano di un milione di persone in strada, e in realtà non sono che una piccola parte dei 4,2 milioni che hanno firmato la petizione popolare online che ha mandato in tilt il sito del Parlamento britannico, in cui si chiede la revoca immediata dell’articolo 50, ovvero lo stop immediato alla “Brexit”, l’imbuto in cui gli inglesi si sono infilati con tutte le scarpe tre anni fa.

Nel 2016, un’analoga iniziativa era riuscita a radunare 700mila persone, non poche ma pochissime perché da Westminster qualcuno si affacciasse per vedere cosa stava succedendo. Questa volta non è così, eppure, autorevoli voci da Downing Street lasciano trapelare un totale disinteresse alla manifestazione: revocare la Brexit tout-court è definito un “irreparabile danno alla democrazia e un tradimento della volontà popolare espressa dal referendum nel 2016”, oltre ad una magra figura politica degna dei libri di storia. E Theresa May non ha alcuna intenzione di metterci la faccia più di quanto non stia facendo nei suoi incessanti viaggi da e per Bruxelles.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 1
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 2
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 3
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 4
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 5
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 6
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 7
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 8
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 9
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 10
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 11
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 12
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 13
Londra in piazza: cancellate la Brexit - immagine 14
Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone