Macron: sulla Tav non ho tempo da perdere

| A poche ore dal bilaterale con il premier Conte, il presidente francese liquida la faccenda con poche battute al vetriolo

+ Miei preferiti
Il premier Conte è partito per il Consiglio Europeo di Bruxelles con in tasca un compitino assegnato dai suoi due datori di lavoro: trattare con i francesi per ridurre e riequilibrare i costi della famigerata Tav che i due vice hanno accantonato, salvo dandosi appuntamento futuro per nuovi dispetti. Conte lo farà a margine della riunione, in un bilaterale con Macron che ha anche l’obiettivo di recuperare i rapporti fra Italia e Francia dopo il duro scontro diplomatico sfiorato qualche settimana e sfociato con il richiamo dell’ambasciatore francese. Ma il presidente francese ha liquidato la faccenda con poche parole, sufficienti a lasciar intuire l’esito dell’incontro: “Non ho tempo da perdere. Sulla Torino-Lione la Francia ha sempre avuto la stessa posizione, adesso è un problema italiano. Penso che i temi europei siano sufficientemente importanti, come la Cina, le questioni commerciali ed industriali e il nostro avvenire comune. Ma credo che ogni volta che ci sono dei temi di divisione nazionale di un paese al Consiglio europeo si perde del tempo e io non ne ho molto da perdere”.

L’Italia ha cinque mesi e mezzo per ritirare i bandi senza pagare penali, ma questo non toglie il pressing delle piazze: a Roma è prevista una manifestazione No-Tav, mentre imprese e sindacati hanno dato appuntamento a Torino per un corteo Sì Tav.

Europa
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”