May apre al Labour: secondo referendum

| Corbyn chiude la porta: "Non risolve il problema". La Premier cerca un compromesso in extremis con l'opposizione, pur sostenendo la sua personale contrarietà alla consultazione popolare

+ Miei preferiti

Secondo referendum sulla Brexit? Theresa May ha ribadito la propria sostanziale contrarietà a un nuovo referendum, ma ha riconosciuto che si tratta di una “importante questione”, fortemente sentita tra i parlamentari. Da questo nasce la proposta di includere nella legge quadro sull’uscita dall’Ue anche un emendamento che preveda la possibilità di votare una nuova chiamata dei cittadini britannici alle urne. “Stiamo facendo una nuova offerta per trovare un compromesso in Parlamento. È l‘ultima opportunità, l’unico modo per ottenere la Brexit”, ha spiegato la premier. “Ho chiarito la mia posizione molte volte su questo punto. Non credo che questa strada sia quella che dovremmo percorrere. Credo che dovremmo implementare il risultato del primo referendum, non chiedere ai britannici di votare una seconda volta”. Ma il governo è disposto a scendere a compromessi e a includere “la possibilità di votare sul tenere o meno un nuovo referendum, che dovrà avvenire prima della ratifica di un accordo di ritiro. Dovete votare un nuovo accordo per avere un nuovo referendum“.

Il nuovo accordo prevede misure in grado di accontentare sia il governo che l’opposizione “Il governo lascerà che sia il Parlamento a decidere cosa fare riguardo alle dogane“, ha continuato. Resta infatti acceso lo scontro tra i laburisti, sostenitori di un’unione doganale, e i conservatori.

Corbyn ha definito il testo presentato dalla premier “una rimasticatura di quanto già discusso. Non vi sono cambiamenti fondamentali sull’allineamento al mercato unico e sull’unione doganale e il Labour non sosterrà” il testo nella sua seconda lettura”.

 

 

Articoli correlati
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole