May apre al Labour: secondo referendum

| Corbyn chiude la porta: "Non risolve il problema". La Premier cerca un compromesso in extremis con l'opposizione, pur sostenendo la sua personale contrarietà alla consultazione popolare

+ Miei preferiti

Secondo referendum sulla Brexit? Theresa May ha ribadito la propria sostanziale contrarietà a un nuovo referendum, ma ha riconosciuto che si tratta di una “importante questione”, fortemente sentita tra i parlamentari. Da questo nasce la proposta di includere nella legge quadro sull’uscita dall’Ue anche un emendamento che preveda la possibilità di votare una nuova chiamata dei cittadini britannici alle urne. “Stiamo facendo una nuova offerta per trovare un compromesso in Parlamento. È l‘ultima opportunità, l’unico modo per ottenere la Brexit”, ha spiegato la premier. “Ho chiarito la mia posizione molte volte su questo punto. Non credo che questa strada sia quella che dovremmo percorrere. Credo che dovremmo implementare il risultato del primo referendum, non chiedere ai britannici di votare una seconda volta”. Ma il governo è disposto a scendere a compromessi e a includere “la possibilità di votare sul tenere o meno un nuovo referendum, che dovrà avvenire prima della ratifica di un accordo di ritiro. Dovete votare un nuovo accordo per avere un nuovo referendum“.

Il nuovo accordo prevede misure in grado di accontentare sia il governo che l’opposizione “Il governo lascerà che sia il Parlamento a decidere cosa fare riguardo alle dogane“, ha continuato. Resta infatti acceso lo scontro tra i laburisti, sostenitori di un’unione doganale, e i conservatori.

Corbyn ha definito il testo presentato dalla premier “una rimasticatura di quanto già discusso. Non vi sono cambiamenti fondamentali sull’allineamento al mercato unico e sull’unione doganale e il Labour non sosterrà” il testo nella sua seconda lettura”.

 

 

Articoli correlati
Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone