May più

| Le lacrime di Theresa May, la premier inglese che dopo tre anni di trattative sulla Brexit ha ammesso di aver fallito. Nella rosa di chi la sostituirà tre personaggi molto meno accomodanti di lei: Johnson, Corbin o Farage

+ Miei preferiti
Per la storia, Theresa May rimarrà probabilmente nel ruolo della vittima più illustre della “Brexit”, lo sciagurato referendum che il 23 giugno 2016 ha convinto i cittadini del Regno Unito ad uscire dall’Unione Europea. In diretta mondiale, davanti al portone scuro al numero 10 di Downing Street, Theresa si è arresa all’evidenza, annunciando fra le lacrime di voler lasciare la guida “del paese che amo, con il rammarico che durerà per tutta la vita di aver fallito lo scopo di portare la Brexit a compimento”. Una missione in nome e per conto del suo Paese, visto che lei stessa – per quanto in una posizione assai tiepida – aveva scelto il “Remain”.

Eppure Theresa ce l’ha messa tutta, mostrando quanto meno la straordinaria capacità di saper incassare una pioggia di schiaffoni (ovviamente politici) che avrebbero piegato un lottatore di Sumo: le ha prese da Bruxelles, dove ogni volta la rispedivano a casa con le spalle basse, ma le ha incassate anche dall’opposizione e perfino dal fuoco mica tanto amico dei suoi.

Le dimissioni diventeranno esecutive il prossimo 7 giugno, ma la May rimarrà come reggente almeno fino al 20 luglio, quando sarà eletto il suo successore che secondo i rumors si giocherà fra il biondo Boris Johnson, il leader del “Brexit Party” Nigel Farage e il laburista Jeremy Corbin. In mezzo, agli inizi di giugno, la visita ufficiale di Donald Trump, l’ultimo impegno della carriera politica di Theresa May.

Il referendum, quello, l’aveva indetto James Cameron, ma non aspettandosi la vittoria a sorpresa dei “Leave”, era stato lesto a dare le dimissioni, intuendo un pasticcio politico dalle proporzioni enormi e dagli esiti incerti. È andata esattamente così per Theresa May, il suo successore, leader del Partito Conservatore arrivata a Downing Street sulla spinta di un’indole tranquilla, sobria e per nulla avvezza al gossip che aveva fatto sognare gli inglesi, pensando ad una nuova Margareth Thatcher.

Figlia di un pastore anglicano, laureata in geografia ad Oxford, è entrata in politica nel 1997: dieci anni dopo è chiamata a sostituire James Cameron, e si trova ad affrontare problemi enormi come l’allarme terrorismo e l’emergenza immigrazione.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso