May più

| Le lacrime di Theresa May, la premier inglese che dopo tre anni di trattative sulla Brexit ha ammesso di aver fallito. Nella rosa di chi la sostituirà tre personaggi molto meno accomodanti di lei: Johnson, Corbin o Farage

+ Miei preferiti
Per la storia, Theresa May rimarrà probabilmente nel ruolo della vittima più illustre della “Brexit”, lo sciagurato referendum che il 23 giugno 2016 ha convinto i cittadini del Regno Unito ad uscire dall’Unione Europea. In diretta mondiale, davanti al portone scuro al numero 10 di Downing Street, Theresa si è arresa all’evidenza, annunciando fra le lacrime di voler lasciare la guida “del paese che amo, con il rammarico che durerà per tutta la vita di aver fallito lo scopo di portare la Brexit a compimento”. Una missione in nome e per conto del suo Paese, visto che lei stessa – per quanto in una posizione assai tiepida – aveva scelto il “Remain”.

Eppure Theresa ce l’ha messa tutta, mostrando quanto meno la straordinaria capacità di saper incassare una pioggia di schiaffoni (ovviamente politici) che avrebbero piegato un lottatore di Sumo: le ha prese da Bruxelles, dove ogni volta la rispedivano a casa con le spalle basse, ma le ha incassate anche dall’opposizione e perfino dal fuoco mica tanto amico dei suoi.

Le dimissioni diventeranno esecutive il prossimo 7 giugno, ma la May rimarrà come reggente almeno fino al 20 luglio, quando sarà eletto il suo successore che secondo i rumors si giocherà fra il biondo Boris Johnson, il leader del “Brexit Party” Nigel Farage e il laburista Jeremy Corbin. In mezzo, agli inizi di giugno, la visita ufficiale di Donald Trump, l’ultimo impegno della carriera politica di Theresa May.

Il referendum, quello, l’aveva indetto James Cameron, ma non aspettandosi la vittoria a sorpresa dei “Leave”, era stato lesto a dare le dimissioni, intuendo un pasticcio politico dalle proporzioni enormi e dagli esiti incerti. È andata esattamente così per Theresa May, il suo successore, leader del Partito Conservatore arrivata a Downing Street sulla spinta di un’indole tranquilla, sobria e per nulla avvezza al gossip che aveva fatto sognare gli inglesi, pensando ad una nuova Margareth Thatcher.

Figlia di un pastore anglicano, laureata in geografia ad Oxford, è entrata in politica nel 1997: dieci anni dopo è chiamata a sostituire James Cameron, e si trova ad affrontare problemi enormi come l’allarme terrorismo e l’emergenza immigrazione.

Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla