Nizza blindata per Xi Jinping

| Il presidente cinese atterrato in Francia, dove ha in programma un incontro a Monaco con Alberto II e una cena con il presidente Macron

+ Miei preferiti
Dopo Roma e Palermo, il presidente cinese Xi Jinping e la sua folta delegazione si spostano in Francia, ultima tappa del breve tour europeo. Il programma in terra francese, strettissimo e rigoroso come sempre, prevede una visita di stato nel Principato di Monaco e un incontro con cena privata fra il presidente cinese ed Emmanuel Macron in scena a “Villa Kérylos”, a Beaulieu-sur-Mer, spettacolare ricostruzione di un’antica villa greca dell’isola di Délos.

Nizza, già nei giorni precedenti all’arrivo del presidente cinese, ha messo in campo un’imponente cintura di sicurezza che circonda totalmente l’Hotel “Negresco”, il celebre e lussuoso albergo al 37 della Promenade des Anglais, con 124 camere e suite arredate con opere d’arte, secondo il gusto della sua storia proprietaria, la collezionista Madame Augier. La celebre passeggiata di Nizza è chiusa in entrambi i sensi anche ai mezzi pubblici, come bloccate sono le vie di accesso: divieto di aprire le finestre e terrazze delle abitazioni che si affacciano sulla Promenade tra rue Meyerbeer e il ponte Napoléon III, chiusura delle stazioni ferroviarie e di cinque uscite dell’autostrada A8, limitazione del traffico aereo. Oltre all’ombra scura dell’attentato di quattro anni fa, costato la vita a 89 persone, c’è nell’aria la minacciosa promessa dei “Gilet Jaunes”, che hanno annunciato una manifestazione a Nizza proprio nei giorni del soggiorno di Xi Jinping. Ad accogliere il presidente cinese all’aeroporto “Nice Côted’Azur”,il ministro degli esteri Jean-Yves Le Drian, il sindaco di Nizza Christian Estrosi e il prefetto delle Alpi Marittime.

Com’è ormai noto, Xi Jinping si è fatto precedere al “Negresco” dal suo letto, dal quale non si separa mai, ma non è il primo capriccio (e non sarà l’ultimo), che si è sentito riecheggiare lungo gli eleganti corridoi dei Negresco.

Nel tempo sono stati ospitati Salvador Dalì, i Beatles e la Regina Elisabetta II, ma i peggiori ricordi del personale risalgono al 1988 con l’arrivo di Michael Jackson, che aveva in programma un concerto allo stadio “Charles Ehrmann”, ma prima di arrivare con il suoi entourage chiede due cose: l’installazione di una palestra adiacente alla sua suite e l’affitto di cinema completo per assistere ad una copia del film “Roger Rabbit” che gli era stata recapitata dagli Stati Uniti prima dell’uscita nelle sale.

Per accontentare Elton John, un altro ospite illustre, il personale ha dovuto allineare sul letto 200 paia di occhiali per permettere all’artista inglese di scegliere quale avrebbe indossato, mentre una stanza era prenotata per ospitare esclusivamente la sua collezione di binocoli ad una temperatura controllata di 19°. Elton, cliente di lunga data del Negresco, ha ambientato lì il videoclip di “I’m still standing”.

Ma forse il peggio l’ha raggiunto il fratello del re dell’Arabia Saudita, giunto al Negresco con il suo seguito di 50 persone per una vacanza di otto giorni. Insieme al gruppo viaggiavano 1000 bagagli e alcuni mobili della famiglia reale, ovviamente da sistemare con ogni cura.

Il 25 luglio del 2010 Prince raggiunge la sua suite al Negresco prima del concerto in programma a Nizza. Ma irritato dalle opere d’arte che impreziosivano la stanza, il “folletto di Minneapolis” esce dall’hotel rifugiandosi nella limousine parcheggiata per strada, in attesa di essere portato all’Hotel Martinez di Cannes.

Galleria fotografica
Nizza blindata per Xi Jinping - immagine 1
Nizza blindata per Xi Jinping - immagine 2
Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso