Noa, suicidio assistito sì ma dai genitori

| L'eutanasia legale, in vigore in Olanda, non c'entra con la morte per fame e sete della 17enne. Una clinica le aveva risposto di No. Dopo decine di ricoveri, la famiglia, con l'assistenza dei medici, s'è rassegnata

+ Miei preferiti

Il caso di Noa Pothoven, la 17enne olandese che i media avevano inserito tra le vittima delle leggi olandesi troppo permissive sull’eutanasia, estesa anche ai malati psichiatrici, depressi compresi, anche ai giovanissimi, va riscritta. Ne prendiamo atto, perché anche noi abbiamo dato retta ai testi di autorevoli testate europee. In realtà  Noa è morta di fame e sete, sotto contro controllo medico per lenirne le sofferenze, da un team allestito dagli stessi genitori che hanno voluto accontentare la figlia in questo suo progetto da tempo concepito. E’ vero, lei aveva chiesto a una clinica olandese di “suicidarla” ma le era stato risposto di no. Da qui la decisione di procedere in modo autonomo. La famiglia spiega di aver cercato in ogni modo di dissuaderla dai suoi propositi, nati dopo una serie di violenze  sessuali avvenuti nell’infanzia che ne hanno compromesso l’equilibrio per sempre. Quando ha smesso di bere e mangiare, è stata alimentata artificialmente, in oltre 20 ricoveri ospedalieri in pochi mesi, anche contro la sua volontà. Le sue condizioni sono progressivamente peggiorate sino a quando mamma, papà e medici hanno deciso di cedere alle sue richieste. I suoi fratelli le sono stati accanto sino alla fine, è spirata tra le braccia dei genitori. E’ un caso tragico, per molti versi sconvolgente, ma l’eutanasia legale non c’entra, almeno in questo caso. E’ vero che in Olanda, ma non solo, vengono aiutati al suicidio anche i depressi - è l’ultima barriera caduta recentemente - la 17enne Noa, con la sua cartella clinica di centinaia di pagine, tra perizie e consulti di specialisti, è stata giudicata, da più commissioni, “non idonea” maltrattamento della dolce morte. 

Papa Francesco ha scritto: "L’eutanasia e il suicidio assistito sono una sconfitta per tutti. La risposta a cui siamo chiamati è non abbandonare mai chi soffre, non arrendersi, ma prendersi cura e amare per ridare la speranza”. 

Secca la nota del Guardian: “Una ragazza olandese gravemente malata, ampiamente riportata dai media internazionali come "eutanasia legale" in una clinica olandese, è morta in casa, apparentemente dopo aver rifiutato volontariamente di mangiare o bere e senza alcuna prova che la sua morte sia stata assistita. Noa Pothoven, 17 anni, che per diversi anni è stata curata in diversi istituti per gravi forme di depressione e anoressia, e che aveva tentato in precedenza di uccidersi, è morta nella casa dei suoi genitori ad Arnhem il 2 giugno, hanno riferito i media locali.

Le organizzazioni dei media dall'Australia alla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti all'India lo hanno riportato come un caso di "eutanasia legale" eseguita da una "clinica di fine vita" olandese, e il nome di Noa ha fatto tendenza sui social media mercoledì in paesi come l'Italia, dove la storia era in prima pagina”.

E’ un po’ una sintesi finale, di un clamoroso equivoco. La citazione dell’Italia è d’obbligo, perché è in corso un dibattito tra sordi in Parlamento sul “fine vita” dove si scontrano visioni laiche e forti resistenze della parte cattolica a dare un via libera a uno qualsiasi del progetti di legge, in esame da decenni.

Europa
Il declino di Tsipras
Il declino di Tsipras
L’uomo che ha guidato la Grecia attraverso la peggiore crisi della propria storia sconfitto alle elezioni: al suo posto Kyriakos Mitsotakis, che promette un rilancio del paese
Deutsche Bank, tagli per 18mila dipendenti
Deutsche Bank, tagli per 18mila dipendenti
Il colosso bancario tedesco ha annunciato un imponente e drastico piano di ristrutturazione. Dismessi investimenti a rischio
Ex ministro norvegese condannato per abusi
Ex ministro norvegese condannato per abusi
Avrebbe approfittato della sua carica politica per pretendere prestazioni sessuali da tre richiedenti asilo
Angela trema
Angela trema
Al secondo episodio nel giro di pochi giorni, una misteriosa “grande potenza europea” avrebbe fatto scattare i servizi segreti per scoprire di cosa soffre la Merkel
TAV: il CDA di Telt autorizza i bandi di gara
TAV: il CDA di Telt autorizza i bandi di gara
Riunito a Parigi, il consiglio di amministrazione del Tunnel Lyon-Turin ha dato il via alle procedure di gara per gli appalti. Confermata dalla coordinatrice UE il corposo finanziamento
Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson
Lancio di piatti e urla, polizia in casa di Boris Johnson
Furibonda lite tra il leader dei Tory, aspirante premier, e la compagna Carrie. La vicina registra tutto. Lei urla: "Fuori dalla mia casa", tuona lei. "Non me ne vado e stai lontana dal mio pc". La polizia: "Si sono sono calmati, tutto ok"
Vuoi il visto? Paga 200 sterline
Vuoi il visto? Paga 200 sterline
L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"
Kate contro Rose, ormai è una telenovela
Kate contro Rose, ormai è una telenovela
I tabloid inglesi non mollano la presa: la coppia più amata è in crisi a causa di Rose Hanbury, ex modella ed ex amica di Kate. I consiglieri reali avrebbe consigliato alla presunta rivale di "non dire nulla ai media"
tremano i Windsor'>E' crisi tra Kate e William
tremano i Windsor
Etremano i Windsor' class='article_img2'>
L'ex modella ed ex amica della duchessa di Cambridge, Rose Hanbury, 35 anni, avrebbe stregato il cuore di William. Tabloid scatenati ma Buckingham Palace per ora tace. Lei s'è tolta la fede nuziale. E Kate la caccia
Il leader Tory 'pippava' cocaina
Il leader Tory
La strampalata confessione di Michael Gove, aspirante erede della May alla guida dei conservatori inglesi. Un libro rivela che ne faceva usa ancora nel 2016 ma lui ammette solo episodi del passato. Le reazioni: "Danneggia il partito"