Polonia, al rogo i libri di Harry Potter

| Un’associazione religiosa ha deciso di bruciare pubblicamente libri considerati blasfemi e sacrileghi: oltre a quelli del maghetto, anche Hello Kitty

+ Miei preferiti
Tutto avrebbe potuto aspettarsi la scrittrice J. K. Rowland, ma non che la sua creatura più celebre, il maghetto Harry Potter, finisse al centro di un problema che – anche mettendoci tanta fantasia – appare come inconcepibile. In Polonia - quindi non esattamente una tribù dell’Amazzonia – un’associazione chiamata “Fundacja SMS Z Nieba” (Fondazione degli SMS dal Paradiso), con oltre 20mila iscritti ha incaricato volontari e preti cattolici evangelici per dare una ripulita alle librerie, mandando al rogo libri considerati pericolosi e soprattutto sacrileghi. Fra questi, a rimetterci è stato proprio il maghetto di Hogwarts, in compagnia di un altro personaggio che tutto sembra tranne che sacrilego: Hello Kitty.

È successo a Gdansk, meglio conosciuta come Danzica, città portuale sulla costa baltica. Il rogo, che ricorda in modo inquietante quanto raccontato da Ray Bradbury in “Farenheit 451”, è stato debitamente filmato e fotografato con tanto di post su Facebook (social curiosamente non incluso nella blasfemia), con le fiamme alimentate anche con maschere tribali e oggetti in legno africani, dettaglio che fa pensare a qualche radice razzista. 

Increduli i commenti lasciati sui social dai polacchi: “Non possono credere che siamo un popolo così arretrato”, “Voglio credere che si tratti di uno scherzo”, e ancora “Non ho mai incontrato nessuno che abbia stuprato o rubato nel nome di Harry Potter, ma in nome di Cristo sì”.

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide