Polonia, al rogo i libri di Harry Potter

| Un’associazione religiosa ha deciso di bruciare pubblicamente libri considerati blasfemi e sacrileghi: oltre a quelli del maghetto, anche Hello Kitty

+ Miei preferiti
Tutto avrebbe potuto aspettarsi la scrittrice J. K. Rowland, ma non che la sua creatura più celebre, il maghetto Harry Potter, finisse al centro di un problema che – anche mettendoci tanta fantasia – appare come inconcepibile. In Polonia - quindi non esattamente una tribù dell’Amazzonia – un’associazione chiamata “Fundacja SMS Z Nieba” (Fondazione degli SMS dal Paradiso), con oltre 20mila iscritti ha incaricato volontari e preti cattolici evangelici per dare una ripulita alle librerie, mandando al rogo libri considerati pericolosi e soprattutto sacrileghi. Fra questi, a rimetterci è stato proprio il maghetto di Hogwarts, in compagnia di un altro personaggio che tutto sembra tranne che sacrilego: Hello Kitty.

È successo a Gdansk, meglio conosciuta come Danzica, città portuale sulla costa baltica. Il rogo, che ricorda in modo inquietante quanto raccontato da Ray Bradbury in “Farenheit 451”, è stato debitamente filmato e fotografato con tanto di post su Facebook (social curiosamente non incluso nella blasfemia), con le fiamme alimentate anche con maschere tribali e oggetti in legno africani, dettaglio che fa pensare a qualche radice razzista. 

Increduli i commenti lasciati sui social dai polacchi: “Non possono credere che siamo un popolo così arretrato”, “Voglio credere che si tratti di uno scherzo”, e ancora “Non ho mai incontrato nessuno che abbia stuprato o rubato nel nome di Harry Potter, ma in nome di Cristo sì”.

Europa
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus