Pugnalato a morte, filmano l'agonia

| Pesanti condanne a Londra per quattro giovani - due erano minorenni - autori di un delitto "brutale e feroce". Le immagini poi postate su Snapchat. La vittima 16anni masacrata con un martello e finita con 50 coltellate

+ Miei preferiti

Quattro ragazzi che hanno filmato l’adolescente morente appena picchiato e accoltellato, postando poi il video su Snapchat sono stati condannati, minori compresi, a decine di anni di carcere. Jacob Morgan, 15 anni, Ramon Djauna, 15, Caleb Brown, ora 16, e Aaron Miller, 20 anni, sono stati condannati ieri per un omicidio "scioccante" e “brutale". La vittima, Cemeren Yilmaz (nella foto) morì il giorno dopo le pugnalate in un ospedale di Bedford lo scorso settembre. Fu l’allora 15enne Caleb Brown a filmare il delitto. Il giudice, l'estrema gravità dell’attacco, ha diffuso i nomi anche dei minori di  di 18 anni.

Il branco aveva aggredito Cemeren Yilmaz, 16 anni, in strada lo scorso settembre in una disputa tra bande di Bedford. Il giovane era stato inseguito, picchiato con un martello e infine pugnalato, prima che uno dei ragazzi filmasse il giovane sanguinante e pubblicasse il cupo filmato online. Era stato colpito da oltre 50 fendenti e gravi lesioni interne. La corte ha accertato che le ferita da taglio avevano quasi attraversato il suo corpo, poi una frattura al cranio e danni cerebrali.

I quattro erano collegati ad una banda mentre la loro vittima, Cemeren Yilmaz, 16 anni, apparteneva ad un’altra. Condannandoli martedì per l'omicidio di Cemeren, il giudice Bryan ha detto: “Tutto nasce da una tristemente troppo comune rivalità tra bande, dal trasporto e dall'uso di armi con conseguenze tragiche e la perdita di una giovane vita".

Il detective ispettore capo Mike Branston, che ha condotto il caso, ha detto ieri fuori dal tribunale: "Questo è stato uno degli attacchi più brutali che abbia mai visto in 25 anni di polizia. Il fatto che le persone coinvolte erano per lo più bambini lo rende ancora più scioccante”. Durante il processo ai quattro del tribunale della corona di St Albans all'inizio di quest'anno, la giuria ha sentito che Cemeren aveva detto a suo fratello, settimane prima della sua morte, che si aspettava di essere attaccato dai membri delle gang rivali in mezzo all'ostilità tra le due bande. Cemeren una volta era stato associato alla banda dei Black Tom, alla quale gli assassini erano legati, ma dopo aveva aderito alla banda rivale "London Road" gang.

 
Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone