Pugnalato a morte, filmano l'agonia

| Pesanti condanne a Londra per quattro giovani - due erano minorenni - autori di un delitto "brutale e feroce". Le immagini poi postate su Snapchat. La vittima 16anni masacrata con un martello e finita con 50 coltellate

+ Miei preferiti

Quattro ragazzi che hanno filmato l’adolescente morente appena picchiato e accoltellato, postando poi il video su Snapchat sono stati condannati, minori compresi, a decine di anni di carcere. Jacob Morgan, 15 anni, Ramon Djauna, 15, Caleb Brown, ora 16, e Aaron Miller, 20 anni, sono stati condannati ieri per un omicidio "scioccante" e “brutale". La vittima, Cemeren Yilmaz (nella foto) morì il giorno dopo le pugnalate in un ospedale di Bedford lo scorso settembre. Fu l’allora 15enne Caleb Brown a filmare il delitto. Il giudice, l'estrema gravità dell’attacco, ha diffuso i nomi anche dei minori di  di 18 anni.

Il branco aveva aggredito Cemeren Yilmaz, 16 anni, in strada lo scorso settembre in una disputa tra bande di Bedford. Il giovane era stato inseguito, picchiato con un martello e infine pugnalato, prima che uno dei ragazzi filmasse il giovane sanguinante e pubblicasse il cupo filmato online. Era stato colpito da oltre 50 fendenti e gravi lesioni interne. La corte ha accertato che le ferita da taglio avevano quasi attraversato il suo corpo, poi una frattura al cranio e danni cerebrali.

I quattro erano collegati ad una banda mentre la loro vittima, Cemeren Yilmaz, 16 anni, apparteneva ad un’altra. Condannandoli martedì per l'omicidio di Cemeren, il giudice Bryan ha detto: “Tutto nasce da una tristemente troppo comune rivalità tra bande, dal trasporto e dall'uso di armi con conseguenze tragiche e la perdita di una giovane vita".

Il detective ispettore capo Mike Branston, che ha condotto il caso, ha detto ieri fuori dal tribunale: "Questo è stato uno degli attacchi più brutali che abbia mai visto in 25 anni di polizia. Il fatto che le persone coinvolte erano per lo più bambini lo rende ancora più scioccante”. Durante il processo ai quattro del tribunale della corona di St Albans all'inizio di quest'anno, la giuria ha sentito che Cemeren aveva detto a suo fratello, settimane prima della sua morte, che si aspettava di essere attaccato dai membri delle gang rivali in mezzo all'ostilità tra le due bande. Cemeren una volta era stato associato alla banda dei Black Tom, alla quale gli assassini erano legati, ma dopo aveva aderito alla banda rivale "London Road" gang.

 
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole