Riaperture: il fai da te europeo

| L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse

+ Miei preferiti
In ordine sparso, come sempre, l’Europa è unita nel desiderio e l’impellenza di riaprire. Restano ovunque problemi a mezz’aria, dal turismo che preme per non perdere la prossima stagione – ormai alle porte – ma con misure tutte da inventare. Ognuno fa come può, gli altri guardano, imparano e a volte mostrano, ma la verità è che nessuno sa bene come fare. E soprattutto, che ogni cosa potrebbe finire da un momento all’altro, se la gente non ci mette testa e prudenza. Ecco, in una rapida carrellata, le riaperture di alcuni Paesi europei.

Belgio

Riaprono le aziende, ma niente da fare per bar e ristoranti.

Danimarca

Caso unico, la riapertura di centri commerciali e scuole: i ristoranti e i bar aprono il 18 maggio, mentre dall’8 giugno riaperture concesse a cinema, musei, zoo e via libera ad eventi con un massimo di 50 persone.

Francia

Conclusa la fase del lockdown, lunga 55 giorni, in Francia è iniziato l’allentamento delle misure: si può uscire di casa senza autorizzazioni, ma in due fasce di orario giornaliere  mezzi pubblici sono riservati soltanto a chi va al lavoro. Rientrano a scuola gli alunni delle elementari e riaprono i negozi di abbigliamento, libreria, parrucchieri e fiorai. Nulla di fatto per ristoranti, cinema e bar, per cui prosegue la serrata.

Germania

Riaprono i negozi, i ristoranti e gli hotel, rientro graduale degli studenti a scuola e ripartenza perfino della “Bundesliga”, il campionato di calcio tedesco. La cancelliera Merkel ha ceduto alle pressioni compatte dei 16 stati tedeschi, avvisando però che oltre i 50 contagi per 100mila abitanti scatterà in automatico un nuovo lockdown.

Gran Bretagna

BoJo, unico leader europeo colpito in prima persona dal coronavirus, concede poco: parchi aperti, spostamenti e sport individuale. Vietati gli assembramenti superiori a due persone e nessuna possibilità di fare visita agli amici. Riaprono anche i campi da golf, la pesca e il tennis, con l’ordine di rispettare i due metri di distanziamento sociale.

Grecia

Con un bilancio contenuto di vittime e contagi, la Grecia preme per farsi trovare pronta per la stagione estiva, consapevole di essere uno dei pochi posti appetibili per gli europei. Bar e ristoranti per adesso aprono in versione take-away, ma anche profumerie, negozi di abbigliamento, di elettronica ed elettrodomestici.

Olanda

Riaprono scuole e asili, librerie e parrucchieri.

Portogallo

Negozi, parrucchieri e concessionari di automobili hanno riaperto qualche giorno fa, il resto nelle prossime ore.

Spagna

Con esclusione di Barcellona e Madrid riaprono i bar, i parrucchieri e diverse tipologie di negozi, mentre ai ristoranti è concesso soltanto il servizio take-away e agli alberghi e villaggi sono concesse riaperture a patto di rispettare la misura massima di un terzo della capacità ricettiva. Timida riapertura anche di alcune spiagge, sotto sorveglianza della polizia.

Svizzera

Parrucchieri e saloni di bellezza hanno riaperto il 27 aprile, e solo in queste ore – visto il forte ribasso di casi nelle ultime due settimane - riaprono le scuole, i negozi, le biblioteche, i ristoranti e i bar, che non possono avere più di quattro persone allo stesso tavolo, con gli altri coperti ad almeno due metri di distanza.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono