Social, fango razzista su Meghan Markle

| Le indagini degli esperti dei Servizi Segreti sugli account che attaccano la duchessa dopo l'annuncio della gravidanza. Insulti razzisti, ingiurie e toni minacciosi. Account e profili connessi con l'estrema destra

+ Miei preferiti

La famiglia reale della Gran Bretagna, con l’aiuto degli esperti dei suoi celebri servizi segreti, sta rafforzando il suo sistema di controllo e di monitoraggio dei social media per contrastare gli attacchi razzisti online che prendono di mira la duchessa del Sussex, iniziati subito dopo l'annuncio della sua gravidanza.

Lo staff di Kensington Palace sta dedicando ingenti risorse per eliminare i commenti malevoli rivolti a Meghan e bloccare gli account abusivi di Twitter e Instagram che ki producono ogni giorni in grande copia. Il software viene utilizzato per filtrare l'uso della parola n… (negra) e delle emoji che esprimono violenza, comprese pistole e coltelli.  Separatamente, il gruppo di Advocacy Hope Not Hate ha analizzato un campione di oltre 5.000 tweet contenenti gli hashtag anti-Meghan più comunemente usati. L'analisi dei tweet, pubblicati tra gennaio e la metà di febbraio, mostra che un gruppo affiatato e ristretto di account muove gran parte dei post razzisti. In particolare una ventina di account erano responsabili di circa il 70% dei tweet, condividendo hashtag anti-Meghan, foto e meme. Il fatto che un numero così piccolo di utenti ha generato un numero così elevato di tweet suggerisce che gli account sono stati creati allo scopo di produrre contenuti negativi sulla duchessa, hanno precisato gli esperti.

Il bios di Twitter associato agli utenti conteneva tipicamente hashtag relativi a Meghan come #Megxit e #Charlatanduchess, così come hashtag politici come #Brexit e #MAGA (Make America Great Again), a volte in combinazione.

Alcuni degli account hanno anche condiviso link a siti web di estrema destra e a opinionisti dei social media. Molti post hanno usato epiteti razziali per descrivere Meghan. Tuttavia, non ci sono prove che gli accounti analizzati da Hope Not Hate facciano parte di una campagna di estrema destra contro la duchessa. Twitter da allora ha sospeso alcuni dei profili analizzati. Il piccolo gruppo di account che trollano la duchessa spesso fanno ritweet di articoli di notizie che ritraggono Meghan negativamente.

Da quando il rapporto tra Meghan e il principe Harry è stato rivelato per la prima volta dai media nel 2016, ci sono stati riferimenti in articoli al "DNA ricco ed esotico" di Meghan, riferisce che la sua "famiglia è passata da schiavi di cotone a reali" e sostiene che la nativa di Los Angeles era "(quasi) direttamente fuori Compton”. Un allusione alle radici della duchessa, non proprio altolocate.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso