Social, fango razzista su Meghan Markle

| Le indagini degli esperti dei Servizi Segreti sugli account che attaccano la duchessa dopo l'annuncio della gravidanza. Insulti razzisti, ingiurie e toni minacciosi. Account e profili connessi con l'estrema destra

+ Miei preferiti

La famiglia reale della Gran Bretagna, con l’aiuto degli esperti dei suoi celebri servizi segreti, sta rafforzando il suo sistema di controllo e di monitoraggio dei social media per contrastare gli attacchi razzisti online che prendono di mira la duchessa del Sussex, iniziati subito dopo l'annuncio della sua gravidanza.

Lo staff di Kensington Palace sta dedicando ingenti risorse per eliminare i commenti malevoli rivolti a Meghan e bloccare gli account abusivi di Twitter e Instagram che ki producono ogni giorni in grande copia. Il software viene utilizzato per filtrare l'uso della parola n… (negra) e delle emoji che esprimono violenza, comprese pistole e coltelli.  Separatamente, il gruppo di Advocacy Hope Not Hate ha analizzato un campione di oltre 5.000 tweet contenenti gli hashtag anti-Meghan più comunemente usati. L'analisi dei tweet, pubblicati tra gennaio e la metà di febbraio, mostra che un gruppo affiatato e ristretto di account muove gran parte dei post razzisti. In particolare una ventina di account erano responsabili di circa il 70% dei tweet, condividendo hashtag anti-Meghan, foto e meme. Il fatto che un numero così piccolo di utenti ha generato un numero così elevato di tweet suggerisce che gli account sono stati creati allo scopo di produrre contenuti negativi sulla duchessa, hanno precisato gli esperti.

Il bios di Twitter associato agli utenti conteneva tipicamente hashtag relativi a Meghan come #Megxit e #Charlatanduchess, così come hashtag politici come #Brexit e #MAGA (Make America Great Again), a volte in combinazione.

Alcuni degli account hanno anche condiviso link a siti web di estrema destra e a opinionisti dei social media. Molti post hanno usato epiteti razziali per descrivere Meghan. Tuttavia, non ci sono prove che gli accounti analizzati da Hope Not Hate facciano parte di una campagna di estrema destra contro la duchessa. Twitter da allora ha sospeso alcuni dei profili analizzati. Il piccolo gruppo di account che trollano la duchessa spesso fanno ritweet di articoli di notizie che ritraggono Meghan negativamente.

Da quando il rapporto tra Meghan e il principe Harry è stato rivelato per la prima volta dai media nel 2016, ci sono stati riferimenti in articoli al "DNA ricco ed esotico" di Meghan, riferisce che la sua "famiglia è passata da schiavi di cotone a reali" e sostiene che la nativa di Los Angeles era "(quasi) direttamente fuori Compton”. Un allusione alle radici della duchessa, non proprio altolocate.

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone