Social, fango razzista su Meghan Markle

| Le indagini degli esperti dei Servizi Segreti sugli account che attaccano la duchessa dopo l'annuncio della gravidanza. Insulti razzisti, ingiurie e toni minacciosi. Account e profili connessi con l'estrema destra

+ Miei preferiti

La famiglia reale della Gran Bretagna, con l’aiuto degli esperti dei suoi celebri servizi segreti, sta rafforzando il suo sistema di controllo e di monitoraggio dei social media per contrastare gli attacchi razzisti online che prendono di mira la duchessa del Sussex, iniziati subito dopo l'annuncio della sua gravidanza.

Lo staff di Kensington Palace sta dedicando ingenti risorse per eliminare i commenti malevoli rivolti a Meghan e bloccare gli account abusivi di Twitter e Instagram che ki producono ogni giorni in grande copia. Il software viene utilizzato per filtrare l'uso della parola n… (negra) e delle emoji che esprimono violenza, comprese pistole e coltelli.  Separatamente, il gruppo di Advocacy Hope Not Hate ha analizzato un campione di oltre 5.000 tweet contenenti gli hashtag anti-Meghan più comunemente usati. L'analisi dei tweet, pubblicati tra gennaio e la metà di febbraio, mostra che un gruppo affiatato e ristretto di account muove gran parte dei post razzisti. In particolare una ventina di account erano responsabili di circa il 70% dei tweet, condividendo hashtag anti-Meghan, foto e meme. Il fatto che un numero così piccolo di utenti ha generato un numero così elevato di tweet suggerisce che gli account sono stati creati allo scopo di produrre contenuti negativi sulla duchessa, hanno precisato gli esperti.

Il bios di Twitter associato agli utenti conteneva tipicamente hashtag relativi a Meghan come #Megxit e #Charlatanduchess, così come hashtag politici come #Brexit e #MAGA (Make America Great Again), a volte in combinazione.

Alcuni degli account hanno anche condiviso link a siti web di estrema destra e a opinionisti dei social media. Molti post hanno usato epiteti razziali per descrivere Meghan. Tuttavia, non ci sono prove che gli accounti analizzati da Hope Not Hate facciano parte di una campagna di estrema destra contro la duchessa. Twitter da allora ha sospeso alcuni dei profili analizzati. Il piccolo gruppo di account che trollano la duchessa spesso fanno ritweet di articoli di notizie che ritraggono Meghan negativamente.

Da quando il rapporto tra Meghan e il principe Harry è stato rivelato per la prima volta dai media nel 2016, ci sono stati riferimenti in articoli al "DNA ricco ed esotico" di Meghan, riferisce che la sua "famiglia è passata da schiavi di cotone a reali" e sostiene che la nativa di Los Angeles era "(quasi) direttamente fuori Compton”. Un allusione alle radici della duchessa, non proprio altolocate.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole