Svezia, troppo sexy per salire sul bus

| Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali

+ Miei preferiti
In Svezia, patria della libertà e dei diritti, una polemica riempie da giorni le pagine dei giornali e divide l’opinione pubblica. Il caso è quello di Amanda Hansson, 19 anni, una giovane svedese di Malmoe – alta e bionda come da protocollo – che qualche giorno fa è regolarmente salita ad una fermata su un autobus della linea 3, ma dopo aver presentato il biglietto all’autista, si è sentita invitare dallo stesso a scendere dal mezzo per via dell’abbigliamento troppo sfrontato, “non permesso dal regolamento”.

La ragazza ha tentato di protestare ma è stata costretta a scendere, raccontando subito dopo l’episodio sul suo profilo Facebook: “Era una giornata caldissima, e indossavo un paio di short ed un top annodato sul davanti, nulla di che. Appena salita, l’autista mi ha fermato dicendo ‘non puoi vestirti così sui nostri mezzi, è una regola della compagnia. Vai a ricoprirti, poi torna’. Sono scesa con la voglia di piangere, non ero mai stata così umiliata in vita mia”.

Il post è diventato virale in breve tempo, finendo per diventare un caso: oltre a scusarsi con Amanda, la compagnia di trasporti urbani ha individuato e sospeso l’autista – di cui non sono state rivelate le generalità - confermando che non esiste alcuna regola simile. Ma ormai era tardi: diversi intellettuali e politici hanno cavalcato l’episodio parlando di una preoccupante deriva fondamentalista del Paese scandinavo. E per di più, a scaldarsi maggiormente per difendere la libertà di abbigliamento sono state alcune associazioni musulmane. In primis Sara Mohammed, presidente dell’associazione per la difesa del corpo femminile, musulmana di origine curda: “Nessuno: un autista, un marito, un padre o un fratello, ha diritto di dirci come dobbiamo vestirci. Il nostro corpo è nostro e basta”.

Galleria fotografica
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 1
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 2
Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso