Svezia, troppo sexy per salire sul bus

| Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali

+ Miei preferiti
In Svezia, patria della libertà e dei diritti, una polemica riempie da giorni le pagine dei giornali e divide l’opinione pubblica. Il caso è quello di Amanda Hansson, 19 anni, una giovane svedese di Malmoe – alta e bionda come da protocollo – che qualche giorno fa è regolarmente salita ad una fermata su un autobus della linea 3, ma dopo aver presentato il biglietto all’autista, si è sentita invitare dallo stesso a scendere dal mezzo per via dell’abbigliamento troppo sfrontato, “non permesso dal regolamento”.

La ragazza ha tentato di protestare ma è stata costretta a scendere, raccontando subito dopo l’episodio sul suo profilo Facebook: “Era una giornata caldissima, e indossavo un paio di short ed un top annodato sul davanti, nulla di che. Appena salita, l’autista mi ha fermato dicendo ‘non puoi vestirti così sui nostri mezzi, è una regola della compagnia. Vai a ricoprirti, poi torna’. Sono scesa con la voglia di piangere, non ero mai stata così umiliata in vita mia”.

Il post è diventato virale in breve tempo, finendo per diventare un caso: oltre a scusarsi con Amanda, la compagnia di trasporti urbani ha individuato e sospeso l’autista – di cui non sono state rivelate le generalità - confermando che non esiste alcuna regola simile. Ma ormai era tardi: diversi intellettuali e politici hanno cavalcato l’episodio parlando di una preoccupante deriva fondamentalista del Paese scandinavo. E per di più, a scaldarsi maggiormente per difendere la libertà di abbigliamento sono state alcune associazioni musulmane. In primis Sara Mohammed, presidente dell’associazione per la difesa del corpo femminile, musulmana di origine curda: “Nessuno: un autista, un marito, un padre o un fratello, ha diritto di dirci come dobbiamo vestirci. Il nostro corpo è nostro e basta”.

Galleria fotografica
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 1
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 2
Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit