Svezia, troppo sexy per salire sul bus

| Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali

+ Miei preferiti
In Svezia, patria della libertà e dei diritti, una polemica riempie da giorni le pagine dei giornali e divide l’opinione pubblica. Il caso è quello di Amanda Hansson, 19 anni, una giovane svedese di Malmoe – alta e bionda come da protocollo – che qualche giorno fa è regolarmente salita ad una fermata su un autobus della linea 3, ma dopo aver presentato il biglietto all’autista, si è sentita invitare dallo stesso a scendere dal mezzo per via dell’abbigliamento troppo sfrontato, “non permesso dal regolamento”.

La ragazza ha tentato di protestare ma è stata costretta a scendere, raccontando subito dopo l’episodio sul suo profilo Facebook: “Era una giornata caldissima, e indossavo un paio di short ed un top annodato sul davanti, nulla di che. Appena salita, l’autista mi ha fermato dicendo ‘non puoi vestirti così sui nostri mezzi, è una regola della compagnia. Vai a ricoprirti, poi torna’. Sono scesa con la voglia di piangere, non ero mai stata così umiliata in vita mia”.

Il post è diventato virale in breve tempo, finendo per diventare un caso: oltre a scusarsi con Amanda, la compagnia di trasporti urbani ha individuato e sospeso l’autista – di cui non sono state rivelate le generalità - confermando che non esiste alcuna regola simile. Ma ormai era tardi: diversi intellettuali e politici hanno cavalcato l’episodio parlando di una preoccupante deriva fondamentalista del Paese scandinavo. E per di più, a scaldarsi maggiormente per difendere la libertà di abbigliamento sono state alcune associazioni musulmane. In primis Sara Mohammed, presidente dell’associazione per la difesa del corpo femminile, musulmana di origine curda: “Nessuno: un autista, un marito, un padre o un fratello, ha diritto di dirci come dobbiamo vestirci. Il nostro corpo è nostro e basta”.

Galleria fotografica
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 1
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 2
Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide