Svezia, troppo sexy per salire sul bus

| Ha tentato di salire su un autobus vestita con pantaloncini e top, ma l’autista gliel’ha impedito. L’episodio è diventato un caso politico che da giorni occupa i giornali

+ Miei preferiti
In Svezia, patria della libertà e dei diritti, una polemica riempie da giorni le pagine dei giornali e divide l’opinione pubblica. Il caso è quello di Amanda Hansson, 19 anni, una giovane svedese di Malmoe – alta e bionda come da protocollo – che qualche giorno fa è regolarmente salita ad una fermata su un autobus della linea 3, ma dopo aver presentato il biglietto all’autista, si è sentita invitare dallo stesso a scendere dal mezzo per via dell’abbigliamento troppo sfrontato, “non permesso dal regolamento”.

La ragazza ha tentato di protestare ma è stata costretta a scendere, raccontando subito dopo l’episodio sul suo profilo Facebook: “Era una giornata caldissima, e indossavo un paio di short ed un top annodato sul davanti, nulla di che. Appena salita, l’autista mi ha fermato dicendo ‘non puoi vestirti così sui nostri mezzi, è una regola della compagnia. Vai a ricoprirti, poi torna’. Sono scesa con la voglia di piangere, non ero mai stata così umiliata in vita mia”.

Il post è diventato virale in breve tempo, finendo per diventare un caso: oltre a scusarsi con Amanda, la compagnia di trasporti urbani ha individuato e sospeso l’autista – di cui non sono state rivelate le generalità - confermando che non esiste alcuna regola simile. Ma ormai era tardi: diversi intellettuali e politici hanno cavalcato l’episodio parlando di una preoccupante deriva fondamentalista del Paese scandinavo. E per di più, a scaldarsi maggiormente per difendere la libertà di abbigliamento sono state alcune associazioni musulmane. In primis Sara Mohammed, presidente dell’associazione per la difesa del corpo femminile, musulmana di origine curda: “Nessuno: un autista, un marito, un padre o un fratello, ha diritto di dirci come dobbiamo vestirci. Il nostro corpo è nostro e basta”.

Galleria fotografica
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 1
Svezia, troppo sexy per salire sul bus - immagine 2
Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole