Tacque sui preti pedofili, prelato condannato

| Sei mesi di carcere per l'arcivescovo di Lione Philippe Barbarin, avrebbe nascosto gli abusi perpetrati da un sacerdote durante i campi scout degli Anni'70 e '80

+ Miei preferiti
L'arcivescovo di Lione e cardinale Philippe Barbarin, 68 anni, è stato condannato a 6 mesi di prigione con la condizionale per mancata denuncia di abusi sessuali su minori perpetrati negli anni '70 e '80 durante i campi scout da padre Bernard Preynat. La sentenza è stata pronunciata dal tribunale di Lione. Il cardinale Philippe Barbarin è stato perseguito dal tribunale maschile per non aver denunciato i reati sessuali ed è stato condannato a 6 mesi di carcere con la sospensione condizionale della pena. Il Prelato non era presente in tribunale per la sentenza. I suoi avvocati hanno annunciato che si appelleranno alla decisione. Al termine dei dibattiti, la Procuratore Charlotte Trabut non aveva chiesto alcuna punizione all'Arcivescovo o ai cinque ex membri della diocesi che gli sono stati processati con lui, pur garantendo la sua imparzialità: "la Procura della Repubblica non si oppone alle parti civili, né sostiene i morsi degli imputati". Si tratta di una posizione delicata da mantenere dopo le testimonianze, crude e commoventi, consegnate al bar da ex scout che sono stati all'origine del caso. Ma questo è in linea con l'opinione della procura, che aveva chiuso una prima indagine nel 2016 senza ulteriori azioni. Gli altri sei imputati sono stati condannati a tre anni di carcere e a una multa di 45.000 euro. Gli altri membri della diocesi di Lione coinvolti non sono stati condannati. Sostenuti dall'associazione delle vittime "La Parole libérée", nove uomini hanno accusato padre Bernard Preynat di averne abusato - fatti per i quali non è stato ancora processato - prima di sporgere denuncia contro coloro che non hanno detto nulla sulle azioni del sacerdote. In assenza di procedimento penale, nel 2017 hanno avviato una procedura di citazione diretta, che ha garantito loro un processo per la prima volta da quando il caso è stato rivelato alla fine del 2015.

   

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole