Tacque sui preti pedofili, prelato condannato

| Sei mesi di carcere per l'arcivescovo di Lione Philippe Barbarin, avrebbe nascosto gli abusi perpetrati da un sacerdote durante i campi scout degli Anni'70 e '80

+ Miei preferiti
L'arcivescovo di Lione e cardinale Philippe Barbarin, 68 anni, è stato condannato a 6 mesi di prigione con la condizionale per mancata denuncia di abusi sessuali su minori perpetrati negli anni '70 e '80 durante i campi scout da padre Bernard Preynat. La sentenza è stata pronunciata dal tribunale di Lione. Il cardinale Philippe Barbarin è stato perseguito dal tribunale maschile per non aver denunciato i reati sessuali ed è stato condannato a 6 mesi di carcere con la sospensione condizionale della pena. Il Prelato non era presente in tribunale per la sentenza. I suoi avvocati hanno annunciato che si appelleranno alla decisione. Al termine dei dibattiti, la Procuratore Charlotte Trabut non aveva chiesto alcuna punizione all'Arcivescovo o ai cinque ex membri della diocesi che gli sono stati processati con lui, pur garantendo la sua imparzialità: "la Procura della Repubblica non si oppone alle parti civili, né sostiene i morsi degli imputati". Si tratta di una posizione delicata da mantenere dopo le testimonianze, crude e commoventi, consegnate al bar da ex scout che sono stati all'origine del caso. Ma questo è in linea con l'opinione della procura, che aveva chiuso una prima indagine nel 2016 senza ulteriori azioni. Gli altri sei imputati sono stati condannati a tre anni di carcere e a una multa di 45.000 euro. Gli altri membri della diocesi di Lione coinvolti non sono stati condannati. Sostenuti dall'associazione delle vittime "La Parole libérée", nove uomini hanno accusato padre Bernard Preynat di averne abusato - fatti per i quali non è stato ancora processato - prima di sporgere denuncia contro coloro che non hanno detto nulla sulle azioni del sacerdote. In assenza di procedimento penale, nel 2017 hanno avviato una procedura di citazione diretta, che ha garantito loro un processo per la prima volta da quando il caso è stato rivelato alla fine del 2015.

   

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide