TAV: il CDA di Telt autorizza i bandi di gara

| Riunito a Parigi, il consiglio di amministrazione del Tunnel Lyon-Turin ha dato il via alle procedure di gara per gli appalti. Confermata dalla coordinatrice UE il corposo finanziamento

+ Miei preferiti
Il Consiglio di Amministrazione di “Telt” (Tunnel Euralpin Lyon-Turin), si è riunito a Parigi, alla presenza di Iveta Radicova, la coordinatrice europea del Corridoio Mediterraneo, del capo della “DG MOVE, Jean-Louis Colson, e di Alberto Cirio, neo-eletto Presidente della Regione Piemonte.

Ad aprire i lavori le parole della coordinatrice, che ha ribadito l’impegno europeo per il completamento del tunnel di base della Torino-Lione e delle vie di accesso nazionali. L’UE, come già annunciato, porterà al 50% i finanziamenti per i progetti transfrontalieri TEN-T, diventando un’opportunità in più anche per la Torino-Lione. Ci sarà inoltre la possibilità di usufruire di un 5% in più, in quanto il progetto della nuova linea è gestito da un promotore pubblico binazionale.

La coordinatrice ha invitato sia l’Italia che la Francia a portare avanti il progetto secondo gli accordi già stipulati, con l’obiettivo di dare un contributo a superare le sfide ambientali comuni. Il Presidente Cirio ha ribadito il sostegno della Regione per il completamento dei lavori secondo il progetto complessivo già approvato.

Nel corso della riunione, conformemente con il programma del “Grant Agreement” condiviso dagli Stati con l’Inea, il Consiglio ha deliberato l’autorizzazione all’avvio delle procedure di gara per l’affidamento dei lavori del tunnel di base della Torino-Lione, lato Italia, per un importo stimato complessivo di circa un miliardo di euro.

“L’avis de marchés”, diviso in due lotti, uno per i lavori di costruzione e uno per la valorizzazione dei materiali di scavo, sarà pubblicato nei prossimi giorni sulla Gazzetta Europea con la facoltà di interrompere senza obblighi e oneri la procedura di gara in ogni sua fase, come previsto dal Codice degli Appalti Pubblici francese.

L’avvio della procedura per il lotto italiano segna il completamento del percorso degli affidamenti dei lavori per la realizzazione dei 57,5 km del tunnel di base. Telt conferma l’impegno a verificare le volontà dei due Governi al termine della selezione delle candidature, prima di procedere all’invio dei capitolati di gara alle imprese.

Al momento, risulta scavato il 18% dei 164 km di galleriepreviste, una macchina complessa composta da due tunnel paralleli, 4 discenderie e 204 by-pass di sicurezza, con 68 km di sondaggigeognostici e carotaggi eseguiti in Italia e in Francia. Oltre 450 persone sono impegnate nello scavo i primi 9 km del tunnel di base nel cantiere di Saint-Martin-La-Porte, dove passeranno i treni. Sono anche partiti il cantiere della stazione temporanea di Saint-Jean-de-Maurienne, in vista della connessione delle linee ferroviarie esistenti al nuovo tunnel di base, i lavori per la "tranchée couverte", la galleria artificiale di accesso al tunnel di base.

L’hub di scambio multimodale transitorio entrerà in servizio alla fine del 2021: in seguito, la struttura diventerà la nuova stazione internazionale. 

In Francia sono state ultimate le “discenderie”: Villarodin-Bourget/Modane (4.000 m, completati nel 2007), La Praz (2.480 m, completati nel 2009) e Saint-Martin-la-Porte (1.800 m completati nel 2016 e 2.400 m completati nel 2010). In Italia è stata completata la galleria geognostica di Chiomonte (7.020 m): lo stesso sito della Maddalena sarà il maggiore cantiere italianoper la realizzazione del tunnel di base, in virtù del progetto di Variante dei cantieri (approvato nel 2018), che prevede la realizzazione dei lavori principali dell’opera a partire da Chiomonte, anziché da Susa. 

È state anche lanciata la procedura per l’affidamento dei restanti lavori per il tunnel di base sul lato francese: il procedimento avanzerà in autunno con l’invio dei capitolati, previo accordo dei due governi.

Fino ad oggi, sono stati impegnati per l’opera circa 2,5 miliardi di euro, di cui 1,2 già spesi per studi e progetti (finanziati al 50% dall’Unione Europea, il 25% dall’Italia e il 25% dalla Francia) e sono attualmente attivi contratti per circa 1,3 miliardi di euro. In totale, al momento coinvolte nella realizzazione dell’infrastruttura oltre 1000 personetra cantieri e società di ingegneria. Nel picco delle attività, saranno 4.000 i lavoratori diretti e altrettanti quelli generati nell’indotto.

 

Europa
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone