Toglieteci tutto, ma non la carta igienica

| In UK è iniziata la caccia al doppio velo, che con la Brexit rischia di sparire visto che la quasi totalità di carta igienica utilizzata in UK arriva dall’Europa

+ Miei preferiti
Un accordo, un nuovo referendum o il baratro del “no deal”? Sulla Brexit tutti gli scenari sono ancora possibili, ma se a Westminster le teste dure continueranno a incaponirsi, per i sudditi di Sua Maestà si prospettano tempo duri.

Fra le difficoltà già elencate da tempo i rischi di caos nei voli da e per l’Europa, il ritocco delle tariffe telefoniche, la carenza di medicinali e del cibo, o comunque un aumento dovuto alle nuove tassazioni, il crollo del mercato immobiliare e del potere d’acquisto della sterlina, le code alle frontiere per i controlli. Ma uno degli incubi peggiori non è per i formaggi francesi, la moda o i cibi italiani, niente da fare: gli inglesi hanno il terrore di restare senza carta igienica. 

Siccome buona parte di quella consumata nel Regno Unito arriva dalla UE, migliaia di inglesi ammassano i ripostigli di carta igienica, grosso modo come stanno facendo aziende specializzate che da mesi riempiono interi capannoni di doppio velo che non irrita. Un calcolo approssimativo parla di 3,5 milioni di rotoli messi via per i tempi bui, che sembrano tanti ma divisi per i sudditi di sua Maestà fanno qualche strappo a testa di cui andar gelosi. Da lì in poi ognuno sarà costretto ad arrangiarsi come meglio può.

Europa
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante