Tony Blair: la Brexit? Un pasticcio enorme

| In un’intervista alla CNN, l’ex premier laburista critica la scelta di indire elezioni generali per decidere sulla Brexit senza un secondo referendum. Per Johnson saranno mesi difficili di trattative e di concessioni

+ Miei preferiti
Con l’abilità di chi ha navigato per anni nella delicatissima politica internazionale, e con l’aggiunta di un aplomb tutto inglese, Tony Blair ha aspettato che i giochi fossero fatti, per dire la propria. Per lui, la scelta migliore per non spaccare il Paese, come sta avvenendo, sarebbe stata indire un secondo referendum, dare nuovamente la parola al popolo e chiedergli di scegliere, una volta per tutte. Ma se deve dire la sua, l’ex premier in carica fra il 1997 ed il 2000, l’idea della Brexit si può riassumere con un solo termine: “tragica”.

Tragica per tutti, a cominciare da Boris Johnson, ringalluzzito da forte consenso ricevuto alle urne lo scorso 12 dicembre e con la sensazione di essere in una posizione tale da poter dettare legge sulle due sponde della Manica. Ma secondo Blair non sarà così: “Ha di fronte una sfida durissima per negoziare un accordo commerciale con l’Unione europea entro la fine del 2020, illudendosi di non fare concessioni significative”.

In un’intervista rilasciata a Christiane Amanpour della CNN, Blair si è soffermato sulla storica e pesante sconfitta subita dal partito laburista a cui lui stesso appartiene, dovuta in buona parte all’indecisione “quasi comica” di Jeremy Corbyn sulla Brexit, che a lungo andare ha stancato in egual modo tanto chi era a favore quanto chi era contro all’idea di lasciare l’Europa. Risultato: i Tories di Johnson hanno conquistato addirittura quelli che erano considerati gli inamovibili feudi laburisti, conosciuti come il “muro rosso” ma attirati dalla promessa univoca del “Get Brexit Done”.

“Per altro, è una decisione tragica indire un’elezione generale per decidere sulla Brexit, le due questioni non andavano mescolate, avremmo dovuto avere una decisione definitiva del popolo britannico sull’uscita dalla UE, e dopo indire le elezioni politiche”.

Comunque sia, il Regno Unito si appresta ad entrare in un periodo di negoziati ancora più ampio e complicato, stabilendo quanto strettamente allineato all’Unione europea su questioni come l’ambiente, la concorrenza, i diritti dei lavoratori e il commercio. Johnson spera di ottenere un nuovo accordo commerciale con l’UE entro il dicembre 2020, prima della fine del cosiddetto periodo di transizione, durante il quale il Regno Unito sarà formalmente fuori dal blocco, ma ancora soggetto a tutte le sue norme e regolamenti.

Se Johnson è seriamente intenzionato a rispettare il calendario, allora deve essere pronto a scendere a compromessi sulla profondità e l’ambizione di qualsiasi potenziale accordo, ha commentato Blair, aggiungendo che il premier sottovaluta la dimensione del problema “a suo rischio e pericolo”.

“Se stai decidendo che vuoi fare le tue regole, e vuoi ancora avere accesso ai mercati europei, è un negoziato difficile e non vedo come si possa concludersi entro la fine del prossimo anno. Ha di fronte un terreno molto insidioso e difficile, a meno che non sia disposto a fare molte concessioni all’Europa”.

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit