Tony Blair: la Brexit? Un pasticcio enorme

| In un’intervista alla CNN, l’ex premier laburista critica la scelta di indire elezioni generali per decidere sulla Brexit senza un secondo referendum. Per Johnson saranno mesi difficili di trattative e di concessioni

+ Miei preferiti
Con l’abilità di chi ha navigato per anni nella delicatissima politica internazionale, e con l’aggiunta di un aplomb tutto inglese, Tony Blair ha aspettato che i giochi fossero fatti, per dire la propria. Per lui, la scelta migliore per non spaccare il Paese, come sta avvenendo, sarebbe stata indire un secondo referendum, dare nuovamente la parola al popolo e chiedergli di scegliere, una volta per tutte. Ma se deve dire la sua, l’ex premier in carica fra il 1997 ed il 2000, l’idea della Brexit si può riassumere con un solo termine: “tragica”.

Tragica per tutti, a cominciare da Boris Johnson, ringalluzzito da forte consenso ricevuto alle urne lo scorso 12 dicembre e con la sensazione di essere in una posizione tale da poter dettare legge sulle due sponde della Manica. Ma secondo Blair non sarà così: “Ha di fronte una sfida durissima per negoziare un accordo commerciale con l’Unione europea entro la fine del 2020, illudendosi di non fare concessioni significative”.

In un’intervista rilasciata a Christiane Amanpour della CNN, Blair si è soffermato sulla storica e pesante sconfitta subita dal partito laburista a cui lui stesso appartiene, dovuta in buona parte all’indecisione “quasi comica” di Jeremy Corbyn sulla Brexit, che a lungo andare ha stancato in egual modo tanto chi era a favore quanto chi era contro all’idea di lasciare l’Europa. Risultato: i Tories di Johnson hanno conquistato addirittura quelli che erano considerati gli inamovibili feudi laburisti, conosciuti come il “muro rosso” ma attirati dalla promessa univoca del “Get Brexit Done”.

“Per altro, è una decisione tragica indire un’elezione generale per decidere sulla Brexit, le due questioni non andavano mescolate, avremmo dovuto avere una decisione definitiva del popolo britannico sull’uscita dalla UE, e dopo indire le elezioni politiche”.

Comunque sia, il Regno Unito si appresta ad entrare in un periodo di negoziati ancora più ampio e complicato, stabilendo quanto strettamente allineato all’Unione europea su questioni come l’ambiente, la concorrenza, i diritti dei lavoratori e il commercio. Johnson spera di ottenere un nuovo accordo commerciale con l’UE entro il dicembre 2020, prima della fine del cosiddetto periodo di transizione, durante il quale il Regno Unito sarà formalmente fuori dal blocco, ma ancora soggetto a tutte le sue norme e regolamenti.

Se Johnson è seriamente intenzionato a rispettare il calendario, allora deve essere pronto a scendere a compromessi sulla profondità e l’ambizione di qualsiasi potenziale accordo, ha commentato Blair, aggiungendo che il premier sottovaluta la dimensione del problema “a suo rischio e pericolo”.

“Se stai decidendo che vuoi fare le tue regole, e vuoi ancora avere accesso ai mercati europei, è un negoziato difficile e non vedo come si possa concludersi entro la fine del prossimo anno. Ha di fronte un terreno molto insidioso e difficile, a meno che non sia disposto a fare molte concessioni all’Europa”.

Europa
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi
L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
Effetto Brexit, la Gran Bretagna dice addio all’Erasmus
La decisione di Westminster ha suscitato proteste ovunque, a cominciare da quelle degli intellettuali inglesi: una cattiveria nei confronti delle giovani generazioni