Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi

| L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno

+ Miei preferiti
Il Regno Unito ha formalmente lasciato formalmente la UE due settimane fa, ma al momento continua a commerciare con il resto del continente come un membro per un periodo di transizione che terminerà il prossimo 31 dicembre. Ma a togliere la speranza che la situazione possa continuare così è stato il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian, pronto a scommettere che la UE e la Gran Bretagna “si faranno a pezzi” nei mesi di trattative.

Parlando domenica a una conferenza sulla sicurezza a Monaco di Baviera, Le Drian ha ammesso che le parti sono ancora molto distanti su una serie di questioni, aggiungendo anche che per il Regno Unito sarà molto difficile pensare di raggiungere un accordo di libero scambio entro la fine dell’anno. “Penso che sulle questioni commerciali e sui meccanismi delle relazioni future, che stiamo per iniziare, ci faremo a pezzi l’un l’altro. Ma questo fa parte dei negoziati, ognuno difenderà i propri interessi”.

Le Drian, stretto collaboratore del presidente Macron, è solo l’ultimo esponente di spicco della UE a lanciare avvertimenti su negoziati che si annunciano estremamente  difficili.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il capo negoziatore Michel Barnier hanno entrambi espresso perplessità sull’obiettivo di Boris Johnson di raggiungere un accordo entro la fine dell’anno. E la UE ha ripetutamente avvertito che il Regno Unito non può aspettarsi di godere di un accesso continuo al mercato di “alta qualità” se intende discostarsi dagli standard sociali e ambientali della UE. Ci si aspetta una lotta particolarmente serrata sui i diritti per la pesca, con la UE che preme perché l’accesso alle acque del Regno Unito sia parte integrante di ogni accordo. Johnson, a sua volta, ha ribadito che il Regno Unito agirà come uno “Stato costiero indipendente” e prenderà il pieno controllo della propria pesca.

Secondo un portavoce di Downing Street: “Il nostro approccio è chiaro: non chiediamo nulla di speciale, su misura o unico, cerchiamo un accordo come quelli che l’UE ha già raggiunto in precedenza con altri paesi amici come il Canada. Vogliamo un rapporto basato sulla cooperazione amichevole tra eguali sovrani, incentrato sul libero scambio e ispirato dalla nostra storia e dai nostri valori condivisi”.

Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla