Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi

| L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno

+ Miei preferiti
Il Regno Unito ha formalmente lasciato formalmente la UE due settimane fa, ma al momento continua a commerciare con il resto del continente come un membro per un periodo di transizione che terminerà il prossimo 31 dicembre. Ma a togliere la speranza che la situazione possa continuare così è stato il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian, pronto a scommettere che la UE e la Gran Bretagna “si faranno a pezzi” nei mesi di trattative.

Parlando domenica a una conferenza sulla sicurezza a Monaco di Baviera, Le Drian ha ammesso che le parti sono ancora molto distanti su una serie di questioni, aggiungendo anche che per il Regno Unito sarà molto difficile pensare di raggiungere un accordo di libero scambio entro la fine dell’anno. “Penso che sulle questioni commerciali e sui meccanismi delle relazioni future, che stiamo per iniziare, ci faremo a pezzi l’un l’altro. Ma questo fa parte dei negoziati, ognuno difenderà i propri interessi”.

Le Drian, stretto collaboratore del presidente Macron, è solo l’ultimo esponente di spicco della UE a lanciare avvertimenti su negoziati che si annunciano estremamente  difficili.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il capo negoziatore Michel Barnier hanno entrambi espresso perplessità sull’obiettivo di Boris Johnson di raggiungere un accordo entro la fine dell’anno. E la UE ha ripetutamente avvertito che il Regno Unito non può aspettarsi di godere di un accesso continuo al mercato di “alta qualità” se intende discostarsi dagli standard sociali e ambientali della UE. Ci si aspetta una lotta particolarmente serrata sui i diritti per la pesca, con la UE che preme perché l’accesso alle acque del Regno Unito sia parte integrante di ogni accordo. Johnson, a sua volta, ha ribadito che il Regno Unito agirà come uno “Stato costiero indipendente” e prenderà il pieno controllo della propria pesca.

Secondo un portavoce di Downing Street: “Il nostro approccio è chiaro: non chiediamo nulla di speciale, su misura o unico, cerchiamo un accordo come quelli che l’UE ha già raggiunto in precedenza con altri paesi amici come il Canada. Vogliamo un rapporto basato sulla cooperazione amichevole tra eguali sovrani, incentrato sul libero scambio e ispirato dalla nostra storia e dai nostri valori condivisi”.

Europa
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Brexit: meno di un mese per scrivere il futuro
Gli equilibri mondiali dopo Covid-19 sono cambiati, e si teme possano mutare nei prossimi mesi. Johnson di fronte ad un bivio: tenere la mano ferma con l’UE, ma rischiare di trascinare il Paese in un'altra crisi dopo la pandemia
La città divisa in due dal coronavirus
La città divisa in due dal coronavirus
Uno dei più complicati casi europei: una città belga all’interno dei confini olandesi. Ma se prima della pandemia era un’attrazione turistica, ora il lockdown da una parte le riaperture dall’altra creano non pochi fastidi
Riaperture: il fai da te europeo
Riaperture: il fai da te europeo
L’unico dato comune è il desiderio e il bisogno di riaprire: per il resto, ogni Paese europeo ha varato misure, nome e concessioni diverse
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Defender Europe 2020, l’invasione silenziosa
Dai primi di marzo, migliaia di militari americani stanno sbarcando in Europa per una colossale esercitazione Nato. Il nervosismo del Cremlino e l’indifferenza verso il diffondersi del coronavirus
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Brexit: prove tecniche di “no deal”
Boris Johnson affila le armi: pretende libero accesso ai mercati europei ma non vuole rispettare le regole comunitarie. E minaccia l’uscita senza accordo
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Brexit effect: la fine del commercio con l’UE
Aziende e mercati inglesi temono che il Regno Unito arrivi al 31 dicembre prossimo senza un accordo commerciale con l’UE. Le conseguenze economiche sarebbero pesantissime
BoJo alza i toni con Bruxelles
BoJo alza i toni con Bruxelles
Anticipato dai media il contenuto del discorso del premier Johnson previsto per oggi: l’obiettivo è non rispettare gli accordi parziali già presi per minacciare il solito no deal
Brexit ultimo atto
Brexit ultimo atto
A mezzanotte scatta ufficialmente l’uscita del regno Unito dalla UE, sancendo la fine di un rapporto lungo 47 anni. Ma la parte peggiore arriva adesso
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Effetto Brexit: impossibile conoscere il prezzo di un’auto
Un automobilista scozzese ha acquistato una Mercedes-Benz scoprendo che il costo finale cambierà in base alle nuove tariffe doganali, che al momento non ci sono