Trattative post Brexit: la UE e GB affilano le armi

| L’ultimo messaggio arriva dal ministro degli esteri francese, che si aspetta una “battaglia durissima” nelle trattative per stabilire gli accordi. Forti dubbi che tutto sia pronto entro la fine dell’anno

+ Miei preferiti
Il Regno Unito ha formalmente lasciato formalmente la UE due settimane fa, ma al momento continua a commerciare con il resto del continente come un membro per un periodo di transizione che terminerà il prossimo 31 dicembre. Ma a togliere la speranza che la situazione possa continuare così è stato il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian, pronto a scommettere che la UE e la Gran Bretagna “si faranno a pezzi” nei mesi di trattative.

Parlando domenica a una conferenza sulla sicurezza a Monaco di Baviera, Le Drian ha ammesso che le parti sono ancora molto distanti su una serie di questioni, aggiungendo anche che per il Regno Unito sarà molto difficile pensare di raggiungere un accordo di libero scambio entro la fine dell’anno. “Penso che sulle questioni commerciali e sui meccanismi delle relazioni future, che stiamo per iniziare, ci faremo a pezzi l’un l’altro. Ma questo fa parte dei negoziati, ognuno difenderà i propri interessi”.

Le Drian, stretto collaboratore del presidente Macron, è solo l’ultimo esponente di spicco della UE a lanciare avvertimenti su negoziati che si annunciano estremamente  difficili.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il capo negoziatore Michel Barnier hanno entrambi espresso perplessità sull’obiettivo di Boris Johnson di raggiungere un accordo entro la fine dell’anno. E la UE ha ripetutamente avvertito che il Regno Unito non può aspettarsi di godere di un accesso continuo al mercato di “alta qualità” se intende discostarsi dagli standard sociali e ambientali della UE. Ci si aspetta una lotta particolarmente serrata sui i diritti per la pesca, con la UE che preme perché l’accesso alle acque del Regno Unito sia parte integrante di ogni accordo. Johnson, a sua volta, ha ribadito che il Regno Unito agirà come uno “Stato costiero indipendente” e prenderà il pieno controllo della propria pesca.

Secondo un portavoce di Downing Street: “Il nostro approccio è chiaro: non chiediamo nulla di speciale, su misura o unico, cerchiamo un accordo come quelli che l’UE ha già raggiunto in precedenza con altri paesi amici come il Canada. Vogliamo un rapporto basato sulla cooperazione amichevole tra eguali sovrani, incentrato sul libero scambio e ispirato dalla nostra storia e dai nostri valori condivisi”.

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole