Troppo violenta, Londra si svuota

| La comunità somala, fra le più colpite, ha iniziato a rimandare i propri figli in patria

+ Miei preferiti
La violenza, in Somalia, è senza fine: stupri, rapimenti e violazioni dei diritti umani sono all’ordine del giorno, come testimoniato da diverse organizzazioni umanitarie. Per questo fa riflettere ancora di più, un’inchiesta appena pubblicata dal “Guardian” inglese, secondo cui parecchie famiglie di immigrati somali ha iniziato a riportare i propri figli in patria, piuttosto che lasciarli alla mercé di bande giovanili che impazzano e mietono vittime adolescenti ad ogni nuovo weekend. E quando va meglio, costringono i più giovani a diventare corrieri per alimentare indisturbati il traffico di droga.

Un segnale, sottolinea il quotidiano inglese, che nasconde anche una critica verso le forze dell’ordine, di fatto incapaci di arginare il fenomeno. Risultato: centinaia di giovani somali che ogni settimana si imbarcano verso casa dagli aeroporti di Londra, convinti dai genitori o addirittura dopo averlo chiesto di persona. E non è neanche un caso che il fenomeno nasca dalla comunità somala, statisticamente fra le più toccate dalla violenza delle gang.

Dall’inizio del 2019, le vittime dei coltelli delle gang londinesi sono già 19, e non va meglio da altre parti come Birmingham, dove lo scorso weekend tre adolescenti sono finiti all’ospedale con ferite d’arma da taglio. Un fenomeno così preoccupante da convincere la catena di supermercati “Asda” a togliere dagli scaffali i coltelli da cucina.

Europa
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
Bruxelles, Londra e la guerra dei vaccini
La UE ha chiesto una perquisizione dei sito produttivo AstraZeneca per capire se i ritardi siano dovuti a problemi interni o se invece più dosi del previsto siano state inviate oltremanica
GB: la dura realtà della Brexit
GB: la dura realtà della Brexit
Crollo di importazioni ed esportazioni, livelli di burocrazia spaventosa e previsioni nefaste per il futuro. Le conseguenze della tanto agognata uscita dalla UE iniziano a farsi sentire, e non sono affatto piacevoli
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante