Vuoi il visto? Paga 200 sterline

| L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"

+ Miei preferiti

Le aziende private che gestiscono i dati personali di milioni di persone costrette a pagare tasse "estorsive" per richiedere lo status del Regno Unito. Gli avvocati che si occupano di immigrazione avvertono le persone che hanno diritto allo status in UK dopo che il sistema dei visti è stato affidato in outsourcing alla società francese "Sopra Steria". L'Home Office è stato accusato di porre "un'enfasi malsana" sulla "vendita di servizi aggiuntivi di immigrazione ai propri clienti”. Le aziende private hanno già incassato milioni di sterline attraverso il sistema di visti recentemente esternalizzato dal Ministero degli Interni, con costi elevati e costretti anche a percorrere lunghe distanze per avere i documenti. Tra le persone colpite anche coloro che chiedono di ottenere lo status UE prima della Brexit, nonostante il governo abbia dichiarato che la domanda è gratuita.

Mentre in precedenza i richiedenti il visto potevano recarsi all'ufficio postale locale per caricare documenti e fornire dati biometrici come le impronte digitali, ora devono rivolgersi a uno dei soli sei "centri principali" in tutto il paese che offrono un servizio gratuito, o ad altri 51 che applicano una tassa a partire da 60 sterline. Steria offre anche un "servizio premium" attraverso una società partner chiamata BLS, dove gli appuntamenti partono da 200 sterline. Il servizio ha reso più di 2 milioni di sterline tra gennaio e aprile 2019, secondo i dati ottenuti attraverso una richiesta di libertà di informazione (FOI).

Gli avvocati hanno dichiarato che i candidati non sono stati in grado di prenotare appuntamenti gratuiti a causa della mancanza di disponibilità sul sito web di Sopra Steria, con trasferimenti per centinaia di miglia o a pagare tasse elevate per presentare la propria candidatura in tempo.

Altri candidati sono stati accolti con un "labirinto di disinformazione e indicazioni sbagliate" durante la compilazione dei nuovi moduli di domanda online forniti dallo studio, che, secondo gli avvocati, hanno portato le persone ad abbandonare il processo o a presentare domande inesatte, portando potenzialmente a rifiuti erronei.

L’Indipendent ha anche appreso che i familiari di cittadini UE devono passare attraverso il sistema privatizzato per ottenere le carte di residenza biometriche per poter richiedere il sistema di regolamento UE, nonostante il governo si sia impegnato a garantire che la richiesta di regolamento del loro status post-Brexit fosse gratuita.

La presidente della Law Society Christina Blacklaws ha espresso il timore che il sistema "incoerente" e "al di sotto degli standard" possa portare a decisioni illegali o scorrette per i richiedenti, o ad escludere le persone dal sistema a causa di "prezzi gonfiati e servizi inaccessibili". Ha infine precisato che ai richiedenti particolarmente vulnerabili sono stati offerti "servizi supplementari inutili, spesso molto costosi".

 

Europa
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
Biden avverte Putin: gli dirò quello che voglio tenga a mente
L’obiettivo della prima trasferta oltreoceano è rinsaldare i legami atlantici con gli alleati europei, e avvisare il capo del Cremlino: vogliamo esservi amici, ma non esagerate o ne ci saranno conseguenze pesanti
La pandemia e il fascino del potere assoluto
La pandemia e il fascino del potere assoluto
I leader europei hanno conquistato una maggiore autorità decisionale durante la lunga emergenza sanitaria. E pochi hanno “piani di uscita” per restituirla
Chernobyl torna a fare paura
Chernobyl torna a fare paura
Secondo alcuni scienziati il reattore numero 4 esploso nel 1986 darebbe segni di risveglio. Si teme un nuovo disastro
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
Addio al quartiere a luci rosse di Amsterdam
La decisione sembra presa: in un punto ancora non meglio precisato dalla città olandese nascerà una sorta di parco di divertimenti per adulti
Al via i lavori per il Green Pass europeo
Al via i lavori per il Green Pass europeo
La speranza è che tutto proceda in modo spedito, anche se ogni Paese membro ha diritto di stabilire le proprie regole di ingresso, e la UE non ha alcun potere in materia
A giugno la missione europea di Biden
A giugno la missione europea di Biden
Nel suo primo viaggio estero da presidente, affronterà tre diversi summit: il G7 nel Regno Unito, poi due incontri a Bruxelles, il primo sulla Nato, il secondo per rinsaldare i rapporti fra Stati Uniti ed Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit