Vuoi il visto? Paga 200 sterline

| L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"

+ Miei preferiti

Le aziende private che gestiscono i dati personali di milioni di persone costrette a pagare tasse "estorsive" per richiedere lo status del Regno Unito. Gli avvocati che si occupano di immigrazione avvertono le persone che hanno diritto allo status in UK dopo che il sistema dei visti è stato affidato in outsourcing alla società francese "Sopra Steria". L'Home Office è stato accusato di porre "un'enfasi malsana" sulla "vendita di servizi aggiuntivi di immigrazione ai propri clienti”. Le aziende private hanno già incassato milioni di sterline attraverso il sistema di visti recentemente esternalizzato dal Ministero degli Interni, con costi elevati e costretti anche a percorrere lunghe distanze per avere i documenti. Tra le persone colpite anche coloro che chiedono di ottenere lo status UE prima della Brexit, nonostante il governo abbia dichiarato che la domanda è gratuita.

Mentre in precedenza i richiedenti il visto potevano recarsi all'ufficio postale locale per caricare documenti e fornire dati biometrici come le impronte digitali, ora devono rivolgersi a uno dei soli sei "centri principali" in tutto il paese che offrono un servizio gratuito, o ad altri 51 che applicano una tassa a partire da 60 sterline. Steria offre anche un "servizio premium" attraverso una società partner chiamata BLS, dove gli appuntamenti partono da 200 sterline. Il servizio ha reso più di 2 milioni di sterline tra gennaio e aprile 2019, secondo i dati ottenuti attraverso una richiesta di libertà di informazione (FOI).

Gli avvocati hanno dichiarato che i candidati non sono stati in grado di prenotare appuntamenti gratuiti a causa della mancanza di disponibilità sul sito web di Sopra Steria, con trasferimenti per centinaia di miglia o a pagare tasse elevate per presentare la propria candidatura in tempo.

Altri candidati sono stati accolti con un "labirinto di disinformazione e indicazioni sbagliate" durante la compilazione dei nuovi moduli di domanda online forniti dallo studio, che, secondo gli avvocati, hanno portato le persone ad abbandonare il processo o a presentare domande inesatte, portando potenzialmente a rifiuti erronei.

L’Indipendent ha anche appreso che i familiari di cittadini UE devono passare attraverso il sistema privatizzato per ottenere le carte di residenza biometriche per poter richiedere il sistema di regolamento UE, nonostante il governo si sia impegnato a garantire che la richiesta di regolamento del loro status post-Brexit fosse gratuita.

La presidente della Law Society Christina Blacklaws ha espresso il timore che il sistema "incoerente" e "al di sotto degli standard" possa portare a decisioni illegali o scorrette per i richiedenti, o ad escludere le persone dal sistema a causa di "prezzi gonfiati e servizi inaccessibili". Ha infine precisato che ai richiedenti particolarmente vulnerabili sono stati offerti "servizi supplementari inutili, spesso molto costosi".

 

Europa
100 giorni di Brexit
100 giorni di Brexit
Sono soprattutto le aziende che prima esportavano con il mercato europeo a pagare le conseguenze più grandi di un accordo che considerano scellerato. E chiedono al Regno Unito e alla UE di tornare intorno ad un tavolo
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
Parigi sommersa dai rifiuti, la sindaca Hidalgo nella bufera
La prima cittadina al centro di una campagna che oltre a ricordarle le promesse elettorali di una Parigi più verde e pulita, mostrano lo stato di abbandono e sporcizia di quelli che tanti ormai chiamano l’ex Ville Lumière
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il Regno Unito si prepara alle riaperture
Il ritorno alla normalità inizia il 12 aprile, per proseguire il 17 maggio e il 21 giugno. Ma Downing Street non abbassa la guardia promettendo test antigeni rapidi per tutti 2 volte alla settimana
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Brexit, il pasticcio dell’estradizione
Ben 10 Paesi europei hanno annunciato che rifiuteranno di estradare propri cittadini nel Regno Unito in quanto i trattati sono cambiati. È una delle tante conseguenze della Brexit
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Boris Johnson propone i pub solo ai vaccinati
Un’idea durata solo poche ore, tempo di essere tempestato da insulti e proteste da cittadini, gestori, esercenti e associazioni di categoria. Il Regno Unito anche alle prese con un’aspra battaglia per i vaccini con la UE
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La crisi della Gran Bretagna, partner inaffidabile
La confusa gestione della pandemia, i continui strappi alle regole della Brexit, le accuse dei Sussex e il caso della giovane uccisa da agente di polizia stanno trascinando l’ex “Cool Britannia” verso la scarsa considerazione internazionale
UE, la rivolta dei vaccini
UE, la rivolta dei vaccini
L’Austria annuncia che non farà più affidamento sulla UE, scegliendo di collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
L’isola di «Mediterraneo» è covid-free
I 1500 abitanti di Kastellorizo sono stati vaccinati: è il primo comune europeo e la decisione fa parte di una strategia del governo per rendere sicuri i luoghi turistici
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Il più imponente sequestro di droga mai avvenuto in Europa
Agendo in stretta collaborazione, la polizia in Germania e Belgio hanno messo a segno un sequestro record di cocaina arrivata in Europa via nave, nascosta in due container diversi. Il valore sul mercato è pari a diversi milioni di euro
Due mesi di Brexit
Due mesi di Brexit
Il governo di Boris Johnson sembra minimizzare i problemi di intere categorie a rischio, assicurando che fra 10 anni l’economia del Regno Unito sarà florida. Esperti e addetti ai lavori replicano: fra meno di cinque non esisterà più nulla