Vuoi il visto? Paga 200 sterline

| L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"

+ Miei preferiti

Le aziende private che gestiscono i dati personali di milioni di persone costrette a pagare tasse "estorsive" per richiedere lo status del Regno Unito. Gli avvocati che si occupano di immigrazione avvertono le persone che hanno diritto allo status in UK dopo che il sistema dei visti è stato affidato in outsourcing alla società francese "Sopra Steria". L'Home Office è stato accusato di porre "un'enfasi malsana" sulla "vendita di servizi aggiuntivi di immigrazione ai propri clienti”. Le aziende private hanno già incassato milioni di sterline attraverso il sistema di visti recentemente esternalizzato dal Ministero degli Interni, con costi elevati e costretti anche a percorrere lunghe distanze per avere i documenti. Tra le persone colpite anche coloro che chiedono di ottenere lo status UE prima della Brexit, nonostante il governo abbia dichiarato che la domanda è gratuita.

Mentre in precedenza i richiedenti il visto potevano recarsi all'ufficio postale locale per caricare documenti e fornire dati biometrici come le impronte digitali, ora devono rivolgersi a uno dei soli sei "centri principali" in tutto il paese che offrono un servizio gratuito, o ad altri 51 che applicano una tassa a partire da 60 sterline. Steria offre anche un "servizio premium" attraverso una società partner chiamata BLS, dove gli appuntamenti partono da 200 sterline. Il servizio ha reso più di 2 milioni di sterline tra gennaio e aprile 2019, secondo i dati ottenuti attraverso una richiesta di libertà di informazione (FOI).

Gli avvocati hanno dichiarato che i candidati non sono stati in grado di prenotare appuntamenti gratuiti a causa della mancanza di disponibilità sul sito web di Sopra Steria, con trasferimenti per centinaia di miglia o a pagare tasse elevate per presentare la propria candidatura in tempo.

Altri candidati sono stati accolti con un "labirinto di disinformazione e indicazioni sbagliate" durante la compilazione dei nuovi moduli di domanda online forniti dallo studio, che, secondo gli avvocati, hanno portato le persone ad abbandonare il processo o a presentare domande inesatte, portando potenzialmente a rifiuti erronei.

L’Indipendent ha anche appreso che i familiari di cittadini UE devono passare attraverso il sistema privatizzato per ottenere le carte di residenza biometriche per poter richiedere il sistema di regolamento UE, nonostante il governo si sia impegnato a garantire che la richiesta di regolamento del loro status post-Brexit fosse gratuita.

La presidente della Law Society Christina Blacklaws ha espresso il timore che il sistema "incoerente" e "al di sotto degli standard" possa portare a decisioni illegali o scorrette per i richiedenti, o ad escludere le persone dal sistema a causa di "prezzi gonfiati e servizi inaccessibili". Ha infine precisato che ai richiedenti particolarmente vulnerabili sono stati offerti "servizi supplementari inutili, spesso molto costosi".

 

Europa
Jonhson: prepariamoci al No Deal
Jonhson: prepariamoci al No Deal
L’annuncio del premier britannico sembra voler mettere la parola fine alle estenuanti trattative sul dopo Brexit. Ma da Londra e Bruxelles filtra comunque l’idea di poter arrivare ad un compromesso
Brexit, nervi sempre più tesi
Brexit, nervi sempre più tesi
Le posizione di Londra e Bruxelles non segnano passi in avanti, e dalle due sponde partono accuse reciproche. A rimetterci di più, conti alla mano, sarebbe il Regno Unito
Brexit, segnali di distensione
Brexit, segnali di distensione
Una videochiamata fra Boris Johnson e Ursula von der Layen riaccende le speranze di un divorzio non traumatico. Ma andando al sodo tutto è ancora da definire, e il tempo stringe
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Brexit, la posta in gioco è sempre più alta
Martedì prossimo a Bruxelles è in programma uno degli ultimi appuntamenti possibili per raggiungere un accordo. Ad averne maggiormente bisogno è il Regno Unito, che però continua a fare i capricci
Germania, il vento dell’antisemitismo
Germania, il vento dell’antisemitismo
Centinaia di episodi, in un preoccupante crescendo di violenza, elencati in un rapporto dettagliato. La preoccupazione del governo e della comunità ebraica
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
La Gran Bretagna ad un passo dal baratro
Il muro contro muro con Bruxelles e le provocazioni di Boris Johnson stanno preparando il terreno della Brexit ad un clamoroso finale senza accordo. I rischi sono carenza di cibo, medicinali, recessione e isolamento internazionale
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Brexit, l’ultimatum di Johnson
Un accordo entro il 15 ottobre, o nessun accordo: BoJo alza la posta e detta il calendario, ma secondo molti sta bluffando, per strappare un’intesa dell’ultimo minuto da rivendicare come vittoria politica
Brexit, lo strappo della Germania
Brexit, lo strappo della Germania
Nessun passo avanti nelle trattative e un premier che “non sa cosa siano”, hanno convinto la delegazione tedesca ad abbandonare i tavoli su cui si tenta di arrivare ad un compromesso fra Bruxelles e Londra
Brexit, trattative in stallo
Brexit, trattative in stallo
Durissimo scambio di battute fra Michel Barnier e David Frost, i due capi delegazione della UE e del Regno Unito. Secondo il primo un accordo è improbabile, per il secondo è ancora possibile
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
GB, il governo lancia la campagna per il nuovo turismo
A meno di sei mesi dall’uscita del Regno Unito dalla UE, una massiccia campagna pubblicitaria avvisa gli inglesi sulle nuove regole