Vuoi il visto? Paga 200 sterline

| L'Indipendent rivela lo scandalo per i visti, la cui gestesione è stata affidata dal governo a società private come la Steria francese. Aspiranti costretti a lunghi trasferimenti e a pagare "per evitare code e burocrazia"

+ Miei preferiti

Le aziende private che gestiscono i dati personali di milioni di persone costrette a pagare tasse "estorsive" per richiedere lo status del Regno Unito. Gli avvocati che si occupano di immigrazione avvertono le persone che hanno diritto allo status in UK dopo che il sistema dei visti è stato affidato in outsourcing alla società francese "Sopra Steria". L'Home Office è stato accusato di porre "un'enfasi malsana" sulla "vendita di servizi aggiuntivi di immigrazione ai propri clienti”. Le aziende private hanno già incassato milioni di sterline attraverso il sistema di visti recentemente esternalizzato dal Ministero degli Interni, con costi elevati e costretti anche a percorrere lunghe distanze per avere i documenti. Tra le persone colpite anche coloro che chiedono di ottenere lo status UE prima della Brexit, nonostante il governo abbia dichiarato che la domanda è gratuita.

Mentre in precedenza i richiedenti il visto potevano recarsi all'ufficio postale locale per caricare documenti e fornire dati biometrici come le impronte digitali, ora devono rivolgersi a uno dei soli sei "centri principali" in tutto il paese che offrono un servizio gratuito, o ad altri 51 che applicano una tassa a partire da 60 sterline. Steria offre anche un "servizio premium" attraverso una società partner chiamata BLS, dove gli appuntamenti partono da 200 sterline. Il servizio ha reso più di 2 milioni di sterline tra gennaio e aprile 2019, secondo i dati ottenuti attraverso una richiesta di libertà di informazione (FOI).

Gli avvocati hanno dichiarato che i candidati non sono stati in grado di prenotare appuntamenti gratuiti a causa della mancanza di disponibilità sul sito web di Sopra Steria, con trasferimenti per centinaia di miglia o a pagare tasse elevate per presentare la propria candidatura in tempo.

Altri candidati sono stati accolti con un "labirinto di disinformazione e indicazioni sbagliate" durante la compilazione dei nuovi moduli di domanda online forniti dallo studio, che, secondo gli avvocati, hanno portato le persone ad abbandonare il processo o a presentare domande inesatte, portando potenzialmente a rifiuti erronei.

L’Indipendent ha anche appreso che i familiari di cittadini UE devono passare attraverso il sistema privatizzato per ottenere le carte di residenza biometriche per poter richiedere il sistema di regolamento UE, nonostante il governo si sia impegnato a garantire che la richiesta di regolamento del loro status post-Brexit fosse gratuita.

La presidente della Law Society Christina Blacklaws ha espresso il timore che il sistema "incoerente" e "al di sotto degli standard" possa portare a decisioni illegali o scorrette per i richiedenti, o ad escludere le persone dal sistema a causa di "prezzi gonfiati e servizi inaccessibili". Ha infine precisato che ai richiedenti particolarmente vulnerabili sono stati offerti "servizi supplementari inutili, spesso molto costosi".

 

Europa
Addio al Regno Unito
Addio al Regno Unito
La mezzanotte ha sancito l’uscita definitiva dell’isola britannica dalla UE dopo 47 anni. Cresce la voglia europeista di Scozia, Irlanda e Galles, mentre qualcuno ammonisce: “e ora?”
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
Brexit, il governo avverte: «ci sarà qualche cambiamento»
“C’è poco tempo, ma è bene che aziende e cittadini sappiano a cosa vanno incontro dal punto di vista del commercio e del turismo”. Westminster pronto agli “inevitabili scossoni”
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Dopo la Brexit scoppia il caso Scozia
Gli scozzesi vogliono restare in Europa e tornano ad alzare la voce per chiedere un altro referendum. Ma per BoJo la questione è chiusa
Brexit, le 10 domande che contano
Brexit, le 10 domande che contano
L’accordo c’è, e questo è l’unico dato certo che rilassa le due sponde della Manica. È arrivato sul filo di lana, ad appena una settimana dalla fine del periodo di transizione, ma le questioni sospese restano tante
La magia del Natale si posa sulla Brexit
La magia del Natale si posa sulla Brexit
Fonti inglesi ed europee danno per imminente un accordo che sarebbe poi ratificato a gennaio da Strasburgo
Brexit, prove tecniche di confusione
Brexit, prove tecniche di confusione
Lunghe code ai porti di Dover e l’ammonimento di una commissione: il Regno Unito non è pronto, rischiamo il collasso
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il Regno Unito si prepara al «No Deal»
Il timore di carenza di farmaci e cibo sta scatenando la corsa all’accaparramento: mentre Londra e Bruxelles trattano a oltranza, Downing Street annuncia l’operazione “Capstone”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Brexit, ad un passo dal “no deal”
Malgrado gli sforzi diplomatici, non si sblocca la situazione fra Regno Unito e UE: trattative ad oltranza per tutto il weekend, poi sarà l’inevitabile
Brexit, il costo del fallimento
Brexit, il costo del fallimento
Cosa c’è in gioco se le trattative fra Regno Unito e UE finiranno come ormai sembra assai probabile: con un “no deal” che contenterebbe tutti, gettando nella confusione la vita di milioni di persone
Brexit: the final countdown
Brexit: the final countdown
Il capo delegazione europeo Barnier è giunto a Londra per un fine settimana decisivo: ad attenderlo qualche spiraglio di buona volontà, ma posizioni ancora molto rigide