A tavola con il morto

| Non è una partita di bridge e neanche il titolo di un film, ma un libro di ricette firmato dal grande Karl Lagerfeld, tornato nelle librerie dopo la sua morte e andato esaurito nel giro di poche ore

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Nessuno, mai, si è permesso di mettere in discussione l’originalità di Karl Lagerfeld, lo stilista morto alcuni giorni fa. Eppure anche lui, che in vita ha sempre cercato di assumere comportamenti che non si confondessero con quelli del resto dell’umanità, una volta passato a miglior vita è stato fatto rientrare nei ranghi dalla ferrea logica del marketing.

Con il suo corpo ancora caldo, come si dice in questi casi, è stato rimesso in vendita il libro che lo stilista aveva pubblicato nel 2004, in cui raccontava la sua dieta e di come era riuscito a perdere 40 chili in appena 13 mesi. Gli strateghi del marketing avevano ragion: in una sola giornata, “The Karl Lagerfeld Diet” è andato esaurito su Amazon, a dimostrazione che ai giorni nostri essere pronti a cavalcare la notizia rende sempre.

Il libro era stato scritto a quattro mani con Jean Claude Houdret, dietologo francese che in effetti sembra fosse riuscito a far perdere tutti quei chili a Lagerfeld. Il quale, al lancio del libro, aveva affermato che secondo lui una dieta è tale solo quando ha regole difficili da seguire.

In un’intervista rilasciata al “Telegraph” nel febbraio 2004, Lagerfeld affermò che con la sua dieta “puoi mangiare alcuni cibi a orari stabiliti, abbandonando zucchero, crema e riso. Non è possibile bere se non litri e litri di acqua, tè al mattino e caffè forte dopo pranzo. Avevo un programma rigido da seguire e per sei mesi la mia colazione è stata solo due fette di pane con mezzo pompelmo. I sei mesi successivi avevo uno yogurt, che non mi è mai piaciuto ma ho cambiato gusti, e ora vado a dormire la sera pensando piacevolmente allo yogurt che mi aspetterà la mattina successiva”.

“Spoonlight” (in pratica cucchiaio leggero) è il nome del programma ideato dal dottor Houdret. Un regime alimentare con pochissimi carboidrati, senza grassi, iperproteico (tanto latte, soia e uova per aumentare la massa muscolare) e con poche calorie: sì a pesce fresco, carne bianca, frutta e verdura con menù bilanciatissimi e senza possibilità di trasgressioni. Al contrario, nessuna chance per pasta, pane, carne rossa, formaggi e frutta rossa.

Nel libro sono comprese anche 120 ricette di zuppe, antipasti, insalate e dessert: forse non potranno permettersi una creazione di Lagerfeld, ma sicuramente dimagrire mangiando, esattamente come faceva lui.

Fashion
Anna Wintour in quarantena
Anna Wintour in quarantena
Al ritorno dalle sfilate di Milano e Parigi, la celebre direttrice di Vogue si è autoimposta un periodo di quarantena. Insieme a lei anche 30 dipendenti dell’editrice Condé Nast
Lutto nella moda: muore la stilista Sophia Kokosalaki
Lutto nella moda: muore la stilista Sophia Kokosalaki
Aveva collaborato a lungo con Renzo Rosso e si era anche occupata dei costumi per le Olimpiadi di Atene
Rihanna, l'artista donna più ricca del globo
Rihanna, l
Batte Madonna, Celyne Dion e Beyonce. Ma non solo canzoni, merito soprattutto dei suoi investimenti nella moda e dei suoi di lingerie e cosmetici
È morto Jean-Louis David
È morto Jean-Louis David
Grande e visionario hair-stylist francese, aveva creato un impero che qualche anno fa aveva venduto al gruppo americano Frank Provost. Era malato da tempo
D&G, grosso guaio a Chinatown
D&G, grosso guaio a Chinatown
La coppia di stilisti protagonista di un incidente diplomatico: una serie di insulti verso il popolo cinese diventano pubblici e si scatena l’inferno. Loro smentiscono tutto: siamo stati hackerati. Banditi dall'e-commerce, persi 36 milioni
La visiera Vuitton, il virus contagia anche la moda
La visiera Vuitton, il virus contagia anche la moda
Il prestigioso marchio francese era fra i pochi a non aver ancora rivolto le proprie attenzioni all’accessorio entrato a fare parte delle vite dell’umanità intera
Bella, di nome e di fatto
Bella, di nome e di fatto
Un’equipe di chirurghi plastici ha calcolato per mesi i volti di alcune fra le donne più belle del mondo. Ha vinto Bella Hadid, quella che si avvicina di più alla “sezione aurea”
Teddy Quinlivan, una transgender per Chanel
Teddy Quinlivan, una transgender per Chanel
Un traguardo che sembrava irraggiungibile fino a poco tempo fa, è diventato una svolta decisa del mondo del fashion. I tanti esempi di donne trans che stanno conquistando passerelle e copertine
Addio al Victoria’s Secret Fashion Show
Addio al Victoria’s Secret Fashion Show
Era nato nel 1995, diventando uno degli spettacoli più seguiti del pianeta, animato dalle top model più belle. Decisivi la crisi del brand e il calo di spettatori
El Chapo, collezione autunno/inverno
El Chapo, collezione autunno/inverno
Alejandrina, la figlia del narcotrafficante condannato all’ergastolo, ha lanciato una linea di abbigliamento che sfrutta l’immagine del padre. Ma la stessa cosa stava per farla Emma, sua moglie…