Da Choupette a Karl, con affetto

| Una capsule collection che l’inseparabile gattina birmana di Lagerfeld ha dedicato alla scomparsa del suo vulcanico padrone. I proventi sono devoluti in beneficenza

+ Miei preferiti
Choupette è sicuramente uno dei gatti più fortunati del pianeta: per lungo tempo ha vissuto in simbiosi con Karl Lagerfeld, il grande stilista di moda tedesco scomparso lo scorso 19 febbraio a 85 anni. Le storie e le leggende su Choupette sono tante: si dice che Lagerfeld avesse rifiutato una copertina su “Forbes” perché non amava che la sua gattina fosse fotografata, e che per lei avesse assunto due persone che avevano il compito di accudirla 24 ore su 24.

Choupette era stata donata a Lagerfeld nel 2011 dal modello Baptiste Giabiconi e, alla morte del suo padrone, ha ereditato una cospicua parte del suo patrimonio.

In realtà, come amava sottolineare Lagerfeld, la gattina di razza birmana non è mai vissuta di rendita ma si “guadagnava” da vivere come influencer e testimonial. Dopo un mese di silenzio sul blog “Choupette’s Diary”, è comparso sulla sua pagina Instagram un post che annuncia il lancio di una piccola linea dedicata da Choupette al suo amatissimo Karl. Una trovata dal sapore un po’ macabro, per la capsule collection intitolata “RIP Daddy”, composta da sei pezzi: una felpa, due t-shirt, una tazza, una cover per cellulare e un’agenda, tutto con l’immagine stilizzata di Choupette con tanto di velo nero. La collezione commemorativa ha uno scopo benefico: sostenere l’Helen Woodward Animal Center, organizzazione privata californiana che da quasi mezzo secolo si occupa di assistere persone e animali. 

Galleria fotografica
Da Choupette a Karl, con affetto - immagine 1
Da Choupette a Karl, con affetto - immagine 2
Fashion
Inauguration Day, i look che mandano messaggi
Inauguration Day, i look che mandano messaggi
Al contrario di Melania, che ha sempre preferito gli stilisti europei, il “parterre de roy” di Washington ha scelto griffe americane, affermate o emergenti. Un chiaro messaggio di patriottismo che filtra anche dai colori
Anna Wintour in quarantena
Anna Wintour in quarantena
Al ritorno dalle sfilate di Milano e Parigi, la celebre direttrice di Vogue si è autoimposta un periodo di quarantena. Insieme a lei anche 30 dipendenti dell’editrice Condé Nast
Lutto nella moda: muore la stilista Sophia Kokosalaki
Lutto nella moda: muore la stilista Sophia Kokosalaki
Aveva collaborato a lungo con Renzo Rosso e si era anche occupata dei costumi per le Olimpiadi di Atene
Rihanna, l'artista donna più ricca del globo
Rihanna, l
Batte Madonna, Celyne Dion e Beyonce. Ma non solo canzoni, merito soprattutto dei suoi investimenti nella moda e dei suoi di lingerie e cosmetici
È morto Jean-Louis David
È morto Jean-Louis David
Grande e visionario hair-stylist francese, aveva creato un impero che qualche anno fa aveva venduto al gruppo americano Frank Provost. Era malato da tempo
D&G, grosso guaio a Chinatown
D&G, grosso guaio a Chinatown
La coppia di stilisti protagonista di un incidente diplomatico: una serie di insulti verso il popolo cinese diventano pubblici e si scatena l’inferno. Loro smentiscono tutto: siamo stati hackerati. Banditi dall'e-commerce, persi 36 milioni
Come scegliere una camicia da uomo online
Come scegliere una camicia da uomo online
Irrinunciabile capo d’abbigliamento maschile, assicura un tocco in più sia in versione casual che elegante. Anche online le possibilità di scelta sono ormai tante e per tutti i gusti
Pinterest e le tendenze moda del 2021
Pinterest e le tendenze moda del 2021
Cosa succederà il prossimo anno? Le previsioni di uno dei social più seguiti, stilati in base alle percentuali di ricerche degli utenti
La visiera Vuitton, il virus contagia anche la moda
La visiera Vuitton, il virus contagia anche la moda
Il prestigioso marchio francese era fra i pochi a non aver ancora rivolto le proprie attenzioni all’accessorio entrato a fare parte delle vite dell’umanità intera
Bella, di nome e di fatto
Bella, di nome e di fatto
Un’equipe di chirurghi plastici ha calcolato per mesi i volti di alcune fra le donne più belle del mondo. Ha vinto Bella Hadid, quella che si avvicina di più alla “sezione aurea”