Da Choupette a Karl, con affetto

| Una capsule collection che l’inseparabile gattina birmana di Lagerfeld ha dedicato alla scomparsa del suo vulcanico padrone. I proventi sono devoluti in beneficenza

+ Miei preferiti
Choupette è sicuramente uno dei gatti più fortunati del pianeta: per lungo tempo ha vissuto in simbiosi con Karl Lagerfeld, il grande stilista di moda tedesco scomparso lo scorso 19 febbraio a 85 anni. Le storie e le leggende su Choupette sono tante: si dice che Lagerfeld avesse rifiutato una copertina su “Forbes” perché non amava che la sua gattina fosse fotografata, e che per lei avesse assunto due persone che avevano il compito di accudirla 24 ore su 24.

Choupette era stata donata a Lagerfeld nel 2011 dal modello Baptiste Giabiconi e, alla morte del suo padrone, ha ereditato una cospicua parte del suo patrimonio.

In realtà, come amava sottolineare Lagerfeld, la gattina di razza birmana non è mai vissuta di rendita ma si “guadagnava” da vivere come influencer e testimonial. Dopo un mese di silenzio sul blog “Choupette’s Diary”, è comparso sulla sua pagina Instagram un post che annuncia il lancio di una piccola linea dedicata da Choupette al suo amatissimo Karl. Una trovata dal sapore un po’ macabro, per la capsule collection intitolata “RIP Daddy”, composta da sei pezzi: una felpa, due t-shirt, una tazza, una cover per cellulare e un’agenda, tutto con l’immagine stilizzata di Choupette con tanto di velo nero. La collezione commemorativa ha uno scopo benefico: sostenere l’Helen Woodward Animal Center, organizzazione privata californiana che da quasi mezzo secolo si occupa di assistere persone e animali. 

Galleria fotografica
Da Choupette a Karl, con affetto - immagine 1
Da Choupette a Karl, con affetto - immagine 2
Fashion
È morto Jean-Louis David
È morto Jean-Louis David
Grande e visionario hair-stylist francese, aveva creato un impero che qualche anno fa aveva venduto al gruppo americano Frank Provost. Era malato da tempo
D&G, grosso guaio a Chinatown
D&G, grosso guaio a Chinatown
La coppia di stilisti protagonista di un incidente diplomatico: una serie di insulti verso il popolo cinese diventano pubblici e si scatena l’inferno. Loro smentiscono tutto: siamo stati hackerati. Banditi dall'e-commerce, persi 36 milioni
Londra celebra Mary Quant
Londra celebra Mary Quant
Il Victoria and Albert Museum dedica una mostra all’inventrice della minigonna, la rivoluzionaria stilista che da autodidatta cambiò la moda e la storia
La crociata contro i leggins
La crociata contro i leggins
Partita dalla mamma di uno studente americano, preoccupata per l’effetto che i pantacollant possono fare sugli ormoni dei maschi, la vicenda si è trasformata in una polemica accesa
Il sopracciglio della modella
Il sopracciglio della modella
Sophia Hadjipanteli è un’indossatrice di 22 anni che sta facendo di una imperfezione fisica il suo marchio di fabbrica. Anche se in nessun canone storico di bellezza questa sua caratteristica è mai stata citata come esempio da imitare
Leonardo make-up artist
Leonardo make-up artist
Il grande genio italiano in una veste insolita: creatore di prodotti e soluzioni per la cosmesi. Una mostra celebra uno dei tratti meno conosciuti dell’immenso sapere leonardesco
A tavola con il morto
A tavola con il morto
Non è una partita di bridge e neanche il titolo di un film, ma un libro di ricette firmato dal grande Karl Lagerfeld, tornato nelle librerie dopo la sua morte e andato esaurito nel giro di poche ore
Modelland: top-model per un giorno
Modelland: top-model per un giorno
È il progetto a cui sta lavorando da tempo Tyra Banks e che dovrebbe aprire entro l’anno in California. Un theme-park ispirato allo scintillante mondo del fashion
Zuo Ye: lo spot di D&G mi ha rovinato
Zuo Ye: lo spot di D&G mi ha rovinato
La modella cinese protagonista dei celebri video che si sono trasformati in un caso internazionale chiede scusa e racconta di essere diventata vittima dei social
J-Ax fashion club
J-Ax fashion club
Il rapper milanese ha lanciato la sua prima collezione di abbigliamento nata da una sofferenza: quando era piccolo vedeva gli altri con abiti firmati che lui non poteva permettersi