La crociata contro i leggins

| Partita dalla mamma di uno studente americano, preoccupata per l’effetto che i pantacollant possono fare sugli ormoni dei maschi, la vicenda si è trasformata in una polemica accesa

+ Miei preferiti
È stata la mamma un po’ apprensiva di uno studente dell’Università di Notre Dame, nell’Indiana, a lanciare l’appello attraverso il giornale dell’ateneo: “Ragazze, ve lo chiedo per favore: non fosse altro che per la vostra incolumità ignorate la moda, non mettetevi i leggins, fatelo per i nostri figli. Ho pensato a tutti gli uomini che guardandole, non avrebbero potuto fare a meno di vedere il loro ‘lato B’ praticamente nudo sotto un velo di Spandex”. In pratica, fra le righe, un avvertimento: i leggins rendono più complicato per un maschio controllare i picchi di testosterone.

Una lettera che ha scatenato un putiferio partito dagli Stati Uniti per poi planare sul resto del pianeta. L’accusa è verso i “leggins”, termine inglese che indica un pantacollant aderentissimo, amatissimo anche dalle star, utilizzato indifferentemente come indumento sportivo, ma anche come capo di abbigliamento. Una sorta di jeans della generazione X, decisamente sexy ma molto spesso indossato in modo informale.



Ma l’effetto dell’appello della mamma, la signora Maryann White, se possibile ha fatto scattare la reazione contraria: un fiume di proteste di è abbattuto sui social e all’indirizzo del giornale universitario, mentre con un passaparola le studentesse del campus decidevano compatte di indossare per giorni soltanto i leggins, coniando l’hashtag #legginsdayND e organizzando addirittura un giorno di protesta ribattezzato "Leggins Pride Day", per protestare contro la “retorica sessista secondo cui le donne sarebbero responsabili dell’incapacità di autocontrollo dei maschi”. Una polemica che si inserisce doverosamente nel mai del tutto placato dibattito scatenato dal movimento #MeToo e dal sex-scandal nato intorno al caso di Harvey Weinsten, il cinghialone di Hollywood.

Va detto: non è la prima volta che quel capo di abbigliamento finisce sotto accusa. Nel 2015 un politico del Montana avanzò una proposta di legge per metterli al bando, mentre un paio d’anni fa il personale di volo della United Airlines costrinse due adolescenti inguainate in leggings ultrastretch a scendere dall’aereo dove avevano appena preso posto. Per tutta risposta, la “Puma” aveva deciso di rilanciare, offrendo il 20% di sconto sui propri leggins a chiunque avesse presentato alle casse un biglietto aereo della United.

Galleria fotografica
La crociata contro i leggins - immagine 1
Fashion
Anna Wintour in quarantena
Anna Wintour in quarantena
Al ritorno dalle sfilate di Milano e Parigi, la celebre direttrice di Vogue si è autoimposta un periodo di quarantena. Insieme a lei anche 30 dipendenti dell’editrice Condé Nast
Lutto nella moda: muore la stilista Sophia Kokosalaki
Lutto nella moda: muore la stilista Sophia Kokosalaki
Aveva collaborato a lungo con Renzo Rosso e si era anche occupata dei costumi per le Olimpiadi di Atene
Rihanna, l'artista donna più ricca del globo
Rihanna, l
Batte Madonna, Celyne Dion e Beyonce. Ma non solo canzoni, merito soprattutto dei suoi investimenti nella moda e dei suoi di lingerie e cosmetici
È morto Jean-Louis David
È morto Jean-Louis David
Grande e visionario hair-stylist francese, aveva creato un impero che qualche anno fa aveva venduto al gruppo americano Frank Provost. Era malato da tempo
D&G, grosso guaio a Chinatown
D&G, grosso guaio a Chinatown
La coppia di stilisti protagonista di un incidente diplomatico: una serie di insulti verso il popolo cinese diventano pubblici e si scatena l’inferno. Loro smentiscono tutto: siamo stati hackerati. Banditi dall'e-commerce, persi 36 milioni
La visiera Vuitton, il virus contagia anche la moda
La visiera Vuitton, il virus contagia anche la moda
Il prestigioso marchio francese era fra i pochi a non aver ancora rivolto le proprie attenzioni all’accessorio entrato a fare parte delle vite dell’umanità intera
Bella, di nome e di fatto
Bella, di nome e di fatto
Un’equipe di chirurghi plastici ha calcolato per mesi i volti di alcune fra le donne più belle del mondo. Ha vinto Bella Hadid, quella che si avvicina di più alla “sezione aurea”
Teddy Quinlivan, una transgender per Chanel
Teddy Quinlivan, una transgender per Chanel
Un traguardo che sembrava irraggiungibile fino a poco tempo fa, è diventato una svolta decisa del mondo del fashion. I tanti esempi di donne trans che stanno conquistando passerelle e copertine
Addio al Victoria’s Secret Fashion Show
Addio al Victoria’s Secret Fashion Show
Era nato nel 1995, diventando uno degli spettacoli più seguiti del pianeta, animato dalle top model più belle. Decisivi la crisi del brand e il calo di spettatori
El Chapo, collezione autunno/inverno
El Chapo, collezione autunno/inverno
Alejandrina, la figlia del narcotrafficante condannato all’ergastolo, ha lanciato una linea di abbigliamento che sfrutta l’immagine del padre. Ma la stessa cosa stava per farla Emma, sua moglie…