La sfida a due fra Bill Gates e Jeff Bezos

| Dopo anni di dominio incontrastato del fondatore di Amazon, il proprietario di Microsoft torna sulla cima degli uomini più ricchi del mondo. Terzo un outsider minaccioso: Bernard Arnault, spinto dal gruppo LVMH”

+ Miei preferiti
È un’invidiabile gara a due, quella che vede uno di fronte all’altro Jeff Bezos e Bill Gates. Il primo, fondatore di “Amazon”, per lungo tempo saldamente al comando della classifica dell’uomo più ricco del pianeta, e il secondo, papà di “Microsoft”, si alternano mostrando conti correnti vietati ai deboli di cuore.

Ma ora, dopo l’interregno di Jeff, un colpo di reni permette a Bill di sopravanzarlo, almeno secondo l’indice di Bloomberg, che accampa al filantropo Gates 110 miliardi di dollari contro i 108,7 del negoziante di Amazon. Sul podio, al terzo posto, fa capolino un minaccioso incomodo, a cui manca ormai poco per attestarsi sulla cima della classifica: Bernard Arnault, proprietario del gruppo “LVMH”, quello che raggruppa il meglio del meglio dei marchi di lusso ed è in trattative per l’acquisizione di “Tiffany”.

Secondo gli analisti, la sfida fra Bezos e Gates è il riflesso della dura battaglia che i due hanno combattuto per la commessa da 10 miliardi di dollari del Pentagono, persa dal colosso Amazon anche grazie alla profonda antipatia che corre fra Bezos e il presidente Trump, complice la proprietà del “Washington Post”, quotidiano che a Donald non le risparmia certo. In più, a pesare sulle casse di Jeff anche il costoso divorzio dalla moglie MacKenzie, entrata di colpo al quarto posto di un’altra classifica, quella delle donne più ricche del globo.

Finanza
Bernie Madoff morirà in galera
Bernie Madoff morirà in galera
L’ex finanziere autore di una truffa epocale si è visto negare la libertà per motivi umanitari: gli restano meno di 18 mesi di vita, ma un giudice ha detto di no
Il CEO di Barclays sotto inchiesta per i legami con Epstein
Il CEO di Barclays sotto inchiesta per i legami con Epstein
Ad aver alzato i sospetti dell’autorità di controllo britannica un utile record per il 2019. Ma la potente banca inglese conferma la fiducia nel suo amministratore delegato
Anche Citigroup ha il suo scandalo
Anche Citigroup ha il suo scandalo
Dopo Crédit Suisse, anche il colosso bancario americano è alle prese con le accuse di un ex manager, sacrificato ad una commissione d’inchiesta per salvare il buon nome aziendale