La gara per la migliore pizza home made

| La seconda edizione del contest, ideato dalla “AVPN”, č aperto a tutti: in palio corsi per diventare pizzaioli professionisti. Si parte il 25 febbraio: chiusura il 25 marzo con classifica finale quattro giorni dopo

+ Miei preferiti
È stato e continua a essere il prodotto icona di questo periodo così complesso: difficile trovare qualcuno che in questi ultimi 12 mesi non si sia cimentato con una pizza fatta in casa, con gli strumenti a disposizione e la voglia di stupire parenti e amici.

Non a caso la “AVPN” (Associazione Verace Pizza Napoletana) nel 2020 ha lanciato il “Vera Pizza Contest”, una sfida a realizzare la migliore pizza possibile fra le mura domestiche. Un’iniziativa salutata da uno straordinario successo, come testimoniano i numeri della prima edizione: 800 le pizze in gara, provenienti da 38 Paesi e con un seguito social degno di un top influencer.
 “Così abbiamo deciso di concedere il bis – spiega con un sorriso Antonio Pace, Presidente AVPN – e siamo pronti a lanciare la seconda edizione con le stesse identiche regole, mettendo ancora una volta in palio i nostri ambitissimi corsi professionali per pizzaioli”.

Le regole di ingaggio sono assai semplici e il contest è gratuito e aperto a tutti, amatori e professionisti. La base è il disciplinare internazionale AVPN e ai partecipanti viene offerta ampia possibilità nella scelta della tipologia di pizza da proporre: potrà essere una marinara, una margherita o una qualsiasi variante creativa. Unico requisito inderogabile è l’utilizzo di un forno elettrico di tipo domestico. 

La gara si divide in due fasi: la prima, che va dal 25 febbraio al 25 marzo 2021, prevede l'invio da parte dei concorrenti, via messenger e al profilo Facebook AVPN della foto della pizza proposta e del forno di casa utilizzato. Le foto saranno pubblicate nell’album “Vera Pizza Contest” inserito nella pagina Facebook dell’associazione e potranno essere votate con un semplice like/mi piace.

La seconda fase, dal 26 al 29 marzo, prevede la valutazione, da parte di una giuria composta da 10 maestri pizzaioli, delle 20 pizze più votate. Un panel di caratura assolutamente internazionale con giudici provenienti da Brasile, Australia, Egitto e Italia che terranno conto di elementi come forma, cottura, appetibilità e farcitura. La votazione determinerà i 3 vincitori che potranno usufruire, a seconda della posizione sul podio, di tre diversi livelli di corsi per pizzaioli “firmati” AVPN: il 1° classificato vincerà un corso professionale base di 9 giorni da svolgere presso l’AVPN School di Napoli, o in alternativa un corso on line professionale base di 5 giorni. Il 2° avrà diritto a un corso professionale avanzato di 3 giorni da svolgere presso l'AVPN School di Napoli o in alternativa un corso on line avanzato di 3 giorni. 
Al 3° classificato andrà un corso amatoriale di 4 ore presso l'AVPN School di Napoli o, in alternativa, un corso amatoriale on line da 2 ore 

A tutto questo vanno aggiunti i premi speciali messi a disposizione dai partner dell’iniziativa: dagli strumenti "tecnici" fino ai kit di prodotti.

“La pizza sta diventando sempre più una sorta di fil rouge che unisce popoli e culture – conclude Pace – è ovvio che per noi il luogo deputato alla preparazione e al consumo della pizza rimane la pizzeria, ma è bello giocare con centinaia di appassionati in tutto il mondo che si cimentano, nello loro cucine, con questo prodotto tanto amato. Ma, proprio per il rispetto che dobbiamo alla pizza, noi di AVPN ci sentiamo in dovere di consigliare non solo le tecniche e le modalità di preparazione ma anche la qualità dei prodotti da utilizzare”. 

Il “Vera Pizza Contest” vede la partecipazione di: Molino Casillo, La Fiammante, Ooni, Latteria Sorrentina, Primotaglio, GiMetal, Agorass e Italiana Assicurazioni. 

Food&Wine
Pizza Hut sull’orlo del fallimento
Pizza Hut sull’orlo del fallimento
La catena fast-food americana, diffusa in tutto il mondo, travolta dai debiti, sta per finire in amministrazione controllata. Le perdite durante la pandemia hanno assestato il colpo di grazia
La beffa degli “all you can eat”
La beffa degli “all you can eat”
Controlli a tappeto su tutto il territorio nazionale dei carabinieri del Nas, che hanno messo i sigilli su oltre 200 ristoranti, magazzini e depositi di cibo etnico
Rosso fragola
Rosso fragola
Il calo delle vendite ha messo in allarme il settore: sotto accusa processi di lavorazione che privilegiano la lunga conservazione al sapore. Per rimediare sono allo studio nuove varietŕ, piů gustose
Quando ti viene voglia di bacon
Quando ti viene voglia di bacon
Lunghe file all’universitŕ dello Ohio per la “bacon machine”, un distributore automatico di strisce di pancetta
Il chewing gum con sapore infinito
Il chewing gum con sapore infinito
Un team di ricercatori giapponesi ha messo a punto un progetto che grazie a piccole scosse elettriche prolungherebbe il sapore all’infinito
Ecco le Carbonara Fries
Ecco le Carbonara Fries
La divisione giapponese di McDonald’s ha appena lanciato le patatine alla carbonara, che arrivano a poca distanza da quelle al ragů. La buona notizia č che se le mangiano solo loro
Gli Evangelisti della Pasta
Gli Evangelisti della Pasta
Guidati da un italiano che vive a Londra, si sono messi in testa di evangelizzare gli inglesi recitando a casa porzioni di autentica pasta italiana, con condimenti originali e ricercati. Un successo clamoroso
Il Tacro, un po’ croissant un po’ tacos
Il Tacro, un po’ croissant un po’ tacos
Sulle strade di San Francisco č lo street food del momento: l’ha ideato una coppia di panificatori e pasticceri di origine belga
Il cono per le patatine fatto di patate
Il cono per le patatine fatto di patate
Č un’idea di tre designer italiani, che hanno pensato come utilizzare proprio lo scarto delle patate per creare un contenitore ecologico
Ristoranti, ecco i magnifici sette
Ristoranti, ecco i magnifici sette
Premiati dalla guida de L'Espresso. La novitŕ dell'inserto dedicato ai vini. Chi ha avuto il "Cappello d'Oro". Quattro Cappelli per altri 23 locali