Parbleu, la baguette!

| La tipica e tradizionale forma di pane francese proposta a gran voce per entrare nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’Unesco

+ Miei preferiti
È uno dei simboli di Francia, come la Tour Eiffel, il camembert, il Louvre e la testata di Zidane (a Materazzi). La “baguette”, quella che al di qua delle Alpi si chiama semplicemente filoncino ed è una delle infinite varianti del pane italiano, in Francia è quasi la pezzatura unica, la più facile e diffusa da trovare. Se la panetterie fanno altre forme è solo per compiacere gli stranieri.

In realtà, la baguette deriva da un pane realizzato a Vienna alla metà del XIX secolo, con l’avvento dei forni a vapore che hanno favorito la ghiotta comparsa della crosta croccante. La forma francese ha una data esatta: ottobre 1920, perché risale ad una legge che vietava ai panettiere di lavorare il pane prima delle quattro del mattino, di fatto tagliando via le forme rotonde. Per ovviare alla strana norma, è bata la baguette.

Ma ora, i cugini francesi, sempre un po’ invidiosi, stanno montando – con Macron in prima fila – per chiedere il riconoscimento del loro pane tradizionale fra i patrimoni mondiali dell’Unesco. Secondo loro c’è di mezzo la pizza, nel senso che se ce l’ha fatta un piatto popolarissimo come quello italiano, allora non c’è motivo per cui all’Unesco gli chiudano la porta in faccia.

Per dire la sua, Macron ha scelto non a caso un palco da cui l’applauso era certo: la confederazione nazionale panettieri-pasticceri di Francia che rappresenta 33mila boulangerie e 180mila addetti del settore. Secondo il presidente, “La baguette è invidiata in tutto il mondo, è un pane dalla storia speciale, la quotidianità dei francesi, e bisogna preservarne l’eccellenza”. Ma visto che ormai (come in Italia), il pane è imbarbarito dalla grande distribuzione, che lo diffonde nei supermercati surgelato, un quarto di secolo fa è stato varato un disciplinare che spiega la ricetta tradizionale: farina di frumento, acqua, lievito e sale.

Food&Wine
Pizza Hut sull’orlo del fallimento
Pizza Hut sull’orlo del fallimento
La catena fast-food americana, diffusa in tutto il mondo, travolta dai debiti, sta per finire in amministrazione controllata. Le perdite durante la pandemia hanno assestato il colpo di grazia
La beffa degli “all you can eat”
La beffa degli “all you can eat”
Controlli a tappeto su tutto il territorio nazionale dei carabinieri del Nas, che hanno messo i sigilli su oltre 200 ristoranti, magazzini e depositi di cibo etnico
Rosso fragola
Rosso fragola
Il calo delle vendite ha messo in allarme il settore: sotto accusa processi di lavorazione che privilegiano la lunga conservazione al sapore. Per rimediare sono allo studio nuove varietà, più gustose
Quando ti viene voglia di bacon
Quando ti viene voglia di bacon
Lunghe file all’università dello Ohio per la “bacon machine”, un distributore automatico di strisce di pancetta
Il chewing gum con sapore infinito
Il chewing gum con sapore infinito
Un team di ricercatori giapponesi ha messo a punto un progetto che grazie a piccole scosse elettriche prolungherebbe il sapore all’infinito
Ecco le Carbonara Fries
Ecco le Carbonara Fries
La divisione giapponese di McDonald’s ha appena lanciato le patatine alla carbonara, che arrivano a poca distanza da quelle al ragù. La buona notizia è che se le mangiano solo loro
Gli Evangelisti della Pasta
Gli Evangelisti della Pasta
Guidati da un italiano che vive a Londra, si sono messi in testa di evangelizzare gli inglesi recitando a casa porzioni di autentica pasta italiana, con condimenti originali e ricercati. Un successo clamoroso
Il Tacro, un po’ croissant un po’ tacos
Il Tacro, un po’ croissant un po’ tacos
Sulle strade di San Francisco è lo street food del momento: l’ha ideato una coppia di panificatori e pasticceri di origine belga
Il cono per le patatine fatto di patate
Il cono per le patatine fatto di patate
È un’idea di tre designer italiani, che hanno pensato come utilizzare proprio lo scarto delle patate per creare un contenitore ecologico
Ristoranti, ecco i magnifici sette
Ristoranti, ecco i magnifici sette
Premiati dalla guida de L'Espresso. La novità dell'inserto dedicato ai vini. Chi ha avuto il "Cappello d'Oro". Quattro Cappelli per altri 23 locali