The naked pub

| Uno storico pub di Londra, il Coach and Horse, ha lanciato l’idea del nudo come forma di protesta, e ora sta diventando una delle attrazioni più richieste di Soho

+ Miei preferiti
Il “Coach and Horse” è uno dei pub storici di Londra: nato alla fine della seconda guerra mondiale al piano terreno di un edificio del XVIII secolo, le sue sale erano il punto di ritrovo per un salotto letterario animato dal giornalista Jeffrey Bernard e dalla redazione del settimanale “Private Eye”. Qualche anno fa, intuendo prima degli altri l’avvento di una nuova “tribù” del cibo, il locale si era autodefinito come il “primo pub vegetariano di Londra”.

Ma ora, il 29 di Greek Street, nel quartiere di Soho, dalle ferdure ha deciso di spostarsi sulla carne, diventando uno degli indirizzi più “hot” della capitale inglese e una delle esperienze che le guide turistiche - non tutte, sia chiaro – elencano fra quelle da non perdere. Prima di entrare fra i legni storici del Coach and Horse, in alcune sere precise agli avventori è chiesto di spogliarsi completamente. Un’idea che è piaciuta tantissimo alla comunità dei naturisti londinesi, sempre più folta, scatenando anche la curiosità di tutti gli altri, quelli che non avevano mai pensato a quanto diverso potesse essere sorseggiare una pinta di birra senza nulla addosso.

Tutti si deve ad una recente autorizzazione al nudismo ottenuta dal Coach & Horses dopo una lunga diatriba legale e giudiziaria. Alastair Choat, l’attuale padrone di casa, è convinto che tutto faccia parte dell’atmosfera liberal che si è sempre respirata all'interno del locale. Forse mai così tanto liberal. 

E dire che tutto è iniziato come una forma di protesta, con una nudità non totale dei dipendenti, sulla falsa riga di pellicole come “Full Monty” e Calendar Girls”, un'idea ad effetto per raccogliere aiuti e donazioni per combattere un’imminente acquisizione da parte della “Fuller’s”, un birrificio londinese proprietario del pub dal 2011 e pare per nulla intenzionato a rinnovare il contratto d’affitto. “In tempi come questi, di reale disperazione nel tentativo di difendere qualcosa di valore, ho pensato di attingere alla tradizionale predisposizione britannica della nudità”. Il personale e i clienti abituali sono stati coinvolti e il pub ha prodotto un calendario, con il 10% dei profitti destinati anche a “Centrepoint”, un’organizzazione benefica che si occupa di senzatetto.

Per arrivare alle sere del “naked pub” è stato necessario richiedere un’autorizzazione speciale, simile alle licenze rilasciate ai locali per adulti: “La presenza di persone nude, in un ambiente consensuale, è specificata all’ingresso. Bisogna anche trovare il personale adatto, perché ovviamente il team deve essere a proprio agio senza abiti addosso. Ma ad essere onesti, dopo al massimo 20 minuti nessuno si accorge più di nulla. È come andare in un pub dove c’è una band che suona e non ti piace: dopo un po’ è solo musica di sottofondo”.

Galleria fotografica
The naked pub - immagine 1
The naked pub - immagine 2
The naked pub - immagine 3
Food&Wine
Pizza Hut sull’orlo del fallimento
Pizza Hut sull’orlo del fallimento
La catena fast-food americana, diffusa in tutto il mondo, travolta dai debiti, sta per finire in amministrazione controllata. Le perdite durante la pandemia hanno assestato il colpo di grazia
La beffa degli “all you can eat”
La beffa degli “all you can eat”
Controlli a tappeto su tutto il territorio nazionale dei carabinieri del Nas, che hanno messo i sigilli su oltre 200 ristoranti, magazzini e depositi di cibo etnico
Rosso fragola
Rosso fragola
Il calo delle vendite ha messo in allarme il settore: sotto accusa processi di lavorazione che privilegiano la lunga conservazione al sapore. Per rimediare sono allo studio nuove varietà, più gustose
Quando ti viene voglia di bacon
Quando ti viene voglia di bacon
Lunghe file all’università dello Ohio per la “bacon machine”, un distributore automatico di strisce di pancetta
Il chewing gum con sapore infinito
Il chewing gum con sapore infinito
Un team di ricercatori giapponesi ha messo a punto un progetto che grazie a piccole scosse elettriche prolungherebbe il sapore all’infinito
Ecco le Carbonara Fries
Ecco le Carbonara Fries
La divisione giapponese di McDonald’s ha appena lanciato le patatine alla carbonara, che arrivano a poca distanza da quelle al ragù. La buona notizia è che se le mangiano solo loro
Gli Evangelisti della Pasta
Gli Evangelisti della Pasta
Guidati da un italiano che vive a Londra, si sono messi in testa di evangelizzare gli inglesi recitando a casa porzioni di autentica pasta italiana, con condimenti originali e ricercati. Un successo clamoroso
Il Tacro, un po’ croissant un po’ tacos
Il Tacro, un po’ croissant un po’ tacos
Sulle strade di San Francisco è lo street food del momento: l’ha ideato una coppia di panificatori e pasticceri di origine belga
Il cono per le patatine fatto di patate
Il cono per le patatine fatto di patate
È un’idea di tre designer italiani, che hanno pensato come utilizzare proprio lo scarto delle patate per creare un contenitore ecologico
Ristoranti, ecco i magnifici sette
Ristoranti, ecco i magnifici sette
Premiati dalla guida de L'Espresso. La novità dell'inserto dedicato ai vini. Chi ha avuto il "Cappello d'Oro". Quattro Cappelli per altri 23 locali