L’importanza di essere visionari

| Sabato 23, 1500 giovani divisi fra Torino e Genova daranno vita alla terza edizione dei “Visionary Days”, un enorme brainstorming di under 35 che hanno la forza, la voglia e l’energia di pensare al futuro del pianeta Terra

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Senza i visionari, quelli che prima di tutti gli altri hanno intravisto qualcosa che somigliava al futuro, forse non avremmo mai avuto un domani. Di visionari è piena la storia: da Leonardo da Vinci in poi, passando per Enzo Ferrari, Steve Jobs e Mark Zuckerberg, solo per citare qualcuno dei più celebri, le cui idee circolano ancora oggi. Gente che in ogni tempo e con i mezzi che aveva a disposizione si è spinta oltre i limiti della propria realtà disegnando strade e percorsi che fino ad un istante prima erano inimmaginabili. Roba da film di fantascienza, ma solo per quelli che non ci credevano.

Eppure non è ai colpi di genio che puntano i “Visionary Days”, terza edizione di un evento che vuole semplicemente dare la parola ai giovani, le generazioni meno ascoltate che presto dovranno guidare il pianeta, e si spera con mano migliore dei loro padri. Perfino Goethe, fra il 700 ed il secolo successivo, aveva intuito quanto necessario fosse dare voce e fiducia a chi ha meno barriere mentali e ancora pochi interessi da difendere: “Ciò che hai ereditato dai padri riconquistalo, se vuoi possederlo davvero”, diceva.

Ai giovani come loro, gli organizzatori dei “Visionary Days” chiedono qualcosa di semplice ed enorme al tempo stesso: immaginare il futuro che vorrebbero, per loro stessi e per il pianeta in cui vivono, sempre più delicato a da difendere. L’ingresso è rigorosamente gratuito, l’unico obbligo è la preregistrazione online sul sito www.visionarydays.it.

Ma per la prima volta, l’appuntamento creato da un’associazione di giovani universitari di tutt’Italia allarga i propri confini: da Torino, città che fino ad oggi li ha ospitati, sbarcano a Genova, dove altre centinaia di giovani saranno connessi in tempo reale con gli spazi torinesi delle “OGR” per discutere, lanciare proposte e lasciarsi contaminare dalle esperienze degli altri, per farle proprie e se possibile renderle migliori e soprattutto fattibili.

Chiamatelo “brainstorming”, ma in grande stile e organizzato, con 1.500 under 35 pieni di entusiasmo ed energie, che hanno di fronte un tema comune: “Quali forme per il Prossimo Pianeta?”. In tutto 120 tavoli, guidati da un moderatore, che per un giorno intero – sabato 23 novembre, dalle 9:30 del mattino alle 19:30 – avranno il tempo di confrontarsi sotto la supervisione di “Lee”, un algoritmo che registrerà, confronterà e annoterà ogni cosa, fino a dare vita al “Manifesto Dinamico”, un libro stampato su carta autentica (per una volta non elettronica) che sarà il testimone della giornata: 60 pagine di idee, proposte e visioni per il mondo nell’anno di grazia 2050, data che la Commissione Europea immagina sufficiente per arrivare ad un continente ricco, pacifico e pulito.

Quattro le sessioni di confronto, introdotte da ospiti presenti sui palchi di Torino e Genova: “Risorse”, per trovare soluzioni ai 93 miliardi di materie prime utilizzate ogni anno dal pianeta a fronte del 9% recuperato da fonti riciclate, “Abitanti”, ovvero la crescita della popolazione mondiale e la necessità di dare tutti un’esistenza che valga la pena di essere vissuta, “Economie”, l’impellente necessità di ridurre gli sprechi e rendere sempre più efficienti i consumi, e per finire “Nuova Terra”: i mondi lontani su cui la ricerca spaziale scommette. Fra gli ospiti scrittori, astrofisici, divulgatori scientifici, biotecnologi, imprenditori, antropologi e astronauti come Franco Malerba, presente a Genova, e politici come Vincenzo Spadafora, ministro delle Politiche Giovanili, che chiuderà i lavori a Torino.

Un’idea che è piaciuta tanto ai “grandi”, che alle idee dei più giovani guardano con enorme interesse: ci hanno creduto la “Compagnia di San Paolo”, la “Fondazione CRT” e “FCA Group”, che vive sulla proprie pelle uno dei cambiamento più epocali di questi anni: quello della mobilità.

E il futuro? Beh, a quello i giovanissimi creatori dei “Visionary Days” - presieduti da Carmelo Traina, un giovane e riccioluto siciliano - lavorano senza sosta: dopo l’esperimento di Genova, il prossimo anno l’idea è di coinvolgere cinque città italiane, allargando la platea a migliaia di giovani. E poi chissà: i visionari, quelli veri, non sanno che farsene dei confini.

Galleria fotografica
L’importanza di essere visionari - immagine 1
L’importanza di essere visionari - immagine 2
L’importanza di essere visionari - immagine 3
L’importanza di essere visionari - immagine 4
Future
Elon Musk: verso l’infinito e oltre
Elon Musk: verso l’infinito e oltre
Svelato il prototipo dello Starship, il razzo con cui il fondatore di “Tesla” intende vincere la sfida di rendere lo spazio il futuro del turismo
La navetta modulare da condividere
La navetta modulare da condividere
“e-Palette”: la più recente ricetta di Toyota per la mobilità urbana e commerciale. Priva di strutture interne, la si può configurare come si vuole, senza limiti alla fantasia
Arriva la city-car trasformista
Arriva la city-car trasformista
Disegnato da uno degli autori di Gundam, robot protagonista di una serie televisiva degli anni Ottanta, il prototipo è in grado di cambiare l’ingombro richiudendosi
La magia delle pantofole Nissan
La magia delle pantofole Nissan
Un “ryokan” hotel giapponese ospita le prime curiose applicazioni quotidiane di un sofisticato programma nato per la guida autonoma
La mobilità del futuro in gara
La mobilità del futuro in gara
Tutto italiano il podio della 15° edizione di Formula SAE Italy, conclusa sul circuito Paletti di Varano de’ Melegari. Oltre 2.600 studenti di 26 Paesi hanno dato vita a una impegnativa ma piena di soddisfazioni “cinque giorni” di gare
Il futuro arriverà fra un paio d'anni
Il futuro arriverà fra un paio d
È il tempo che Volkswagen stima per immettere sul mercato I.D. Crozz, il nuovo crossover-coupé elettrico a guida autonoma. È il primo passo della rivoluzione I.D., il programma di elettrificazione della gamma
Uniti One, il futuro è giovane
Uniti One, il futuro è giovane
Una startup svedese ha creato una city car full-electric dall’aria avveniristica promessa in vendita entro un paio d’anni
A Londra nascono i lampioni di ricarica
A Londra nascono i lampioni di ricarica
Fra le tante idee che circolano, questa sembra la più semplice e realizzabile: trasformare i punti di illuminazione pubblica in stazioni per ricaricare le vetture elettriche
L'auto zen, guidare con l'orto a bordo
L
Si chiama "Oasis", è un'elettrica dalle forme curiose, ma soprattutto racchiude un angolino di verde, per portare pace allo stress da traffico
UberAIR, anche volare sarà on demand
UberAIR, anche volare sarà on demand
L'annuncio è di quelli che fanno effetto: fra appena tre anni, partirà il primo servizio di trasporto pubblico aereo per grandi città. Una rivoluzione immaginata tante volte dal cinema, ormai pronta al decollo