300 piani di morbidezza

| Il mercato americano della carta igienica era stanco dei 300 strappi medi di un rotolo: la risposta arriva da un’azienda che ha brevettato un rotolo stagionale, che dura fino a tre mesi. Ma dipende dal numero di visite, ovvio

+ Miei preferiti
Siamo addestrati a tutto, abituati a cavarcela nella giungla della vita combattendo ogni giorno per trovare soluzioni ai mille e più problemi che si parano davanti dal suono della sveglia al “buonanotte”, un attimo prima di spegnere l’abat-jour. Ma c’è una cosa davanti a cui restiamo disarmati, inermi, sbigottiti, senza via d’uscita che non sia quella di chiedere aiuto a qualcuno. È la sindrome dell’ultimo strappo, il lembo finale di carta igienica, il più triste degli epiloghi di un momento fra i più intimi e riservati.

In circolazione, come recitano le pubblicità, ci sono rotoli da 120 strappi, altri che arrivano a 200 e qualcuno addirittura a 500. Ma secondo una ricerca sul pubblico americano, i 10 piani di morbidezza non erano abbastanza: sono abituati ai grattacieli, con 10 piani arrivano sì e no al mezzanino. In più, sulla base di una vecchia indagine del “New York Times” risalente al 2009, gli americani consumano una media di 23,6 rotoli all’anno: una bella scocciatura.

Così la “Charmin”, un’azienda del colosso “Procter and Gamble”, si è inventata i “Forever Roll”, il rotolo che non finisce mai. Una sorta di rotolone da tipografia con 30 cm di diametro che assicura tre mesi di soste liberatorie senza l’ansia dell’ultimo strappo. L’idea è pensata ad hoc per i “millennial”, generazione che spesso vive da single e non ha a disposizione molto spazio per conservare la confezione di rotoli convenzionali. Il Forevel Roll è in fase di lancio con uno “starter kit” che per 29 dollari include tre rotoloni e un portarotolo da parete in acciaio inossidabile spazzolato.

L’avvento della carta igienica si perde nella storia: il primo a tentare di ricostruirne la storia è stato lo scrittore Richard Smyth, che attribuisce l’invenzione a Joseph C. Gayetty, nel 1857, per sostituire la carta dei giornali utilizzata fino a quel momento. Arriva in commercio per la prima volta in confezioni rettangolari ed è chiamata “Medical Paper”: nello slogan usato per il lancio garantisce un’esistenza senza emorroidi. Per arrivare al rotolo bisogna aspettare più di vent’anni e un’idea della “Scott Paper Company” di Philadelphia. Ultima tappa fondamentale di questa storia l’arrivo del “doppio velo”, questa volta brevetto inglese della “St. Andrew’s Paper Mill”.

Galleria fotografica
300 piani di morbidezza - immagine 1
300 piani di morbidezza - immagine 2
Gadget
Il gilet fitness da finti kamikaze
Il gilet fitness da finti kamikaze
In vendita presso i supermercati “Aldi”, è dotato di tasche da riempire con la sabbia per renderlo più pesante, ma l’effetto ottico è quello di un giubbotto esplosivo…
Lo smartphone griffato Escobar
Lo smartphone griffato Escobar
Roberto, il fratello più piccolo di Pablo Escobar, ha lanciato uno smartphone con snodo centrale che secondo lui manderà a casa tutto il resto della concorrenza
Volkspods, il Maggiolino si fa scooter
Volkspods, il Maggiolino si fa scooter
Per adesso sono un esperimento di design nato nel garage di un designer tedesco, ma con un po’ di fortuna a breve potremmo vederli in giro per le città
L’aeroplanino di carta hi-tech
L’aeroplanino di carta hi-tech
Ci lavora da otto anni un giovane israeliano, che nella versione più recente ha aggiunto luci, carrello e pilota automatico
The Medici Game, il gioco degli Uffizi
The Medici Game, il gioco degli Uffizi
Una detective story dalle tinte esoteriche ambientata tra i capolavori della residenza medicea, per cellulari e tablet
Un giardino nella lampada
Un giardino nella lampada
Una tecnologia che simula la luce del sole ha permesso la creazione di lampade che racchiudono giardini in miniatura
Sonny, il bidet da viaggio
Sonny, il bidet da viaggio
Pratico, sottile, perfino elegante: un giovane americano si è messo in testa di aiutare i propri connazionali a consumare meno carta igienica
La sciarpa che si riscalda
La sciarpa che si riscalda
Dotata di sensori e fasce elastiche, sarà in grado di stringersi automaticamente e di scaldarsi in base alla temperatura esterna e quella corporea
Le nuove Barbie “Inspiring Women”
Le nuove Barbie “Inspiring Women”
Sono dedicate alla coraggiosa attivista per i diritti civili Rosa Parks e all’astronauta della Nasa Sally Ride. Si uniscono ad una collezione che celebra alcune donne dal coraggio e il talento eccezionale
La lampada di Zuckerberg
La lampada di Zuckerberg
Per dare una mano alla mogliettina, il fondatore di Facebook ha ideato una lampada intelligente che sta per essere messa in commercio