Il mistero dei telefoni di Garfield

| Da decenni strani pezzi di plastica gialli finivano su una spiaggia della Galizia, in Spagna, e nessuno era mai riuscito a spiegare da dove arrivassero

+ Miei preferiti
Fra tutti i misteri irrisolti che costellano le nostre esistenze, uno possiamo mandarlo in archivio. Da 35 anni, le acque di Finisterra, città della Galizia il cui nome deriva dall’espressione “Finis Terrae”, restituivano pezzi di plastica gialli di cui non si capiva la provenienza. I maggiori esperti mondiali, chiamati lì, nel tempo si erano arresi uno dopo l’altro: nessuno che fosse in grado di spiegare perché l’oceano continuava a restituire plastica gialla colorate dalle forme strane. L’unica certezza, nel tempo, non ha fatto che accrescere il mistero: i pezzi di plastica appartengono tutti al telefono di Garfield, il personaggio dei fumetti creato nel 1978 e diventato anche due film live-action usciti nel 2004 e due anni dopo. Un gadget che andava fortissimo negli anni Ottanta, con il gatto a fare da base alla cornetta: roba da nostalgici o collezionisti.

Sul caso indagava da tempo “Ar Viltansoù”, un’associazione senza scopo di lucro che dal 2001 si occupa di tenere pulito quel tratto di litorale spagnolo. La svolta è arrivata qualche giorno fa, quando un pescatore della zona ha chiamato la sede dell’associazione per dire di avere la chiave del mistero: non si trattava di corpi di alieni in decomposizione o di vestigia di un’antica civiltà scomparsa, ma di un giocattolo. Negli anni Ottanta, quand’era un ragazzino, quell’uomo era stato fra i primi abitanti di Finisterra a ritrovare sulla spiaggia un “Garfield Phone” e insieme ad alcuni amici era riuscito perfino a individuare il tracco di scoglio sommerso da cui provenivano quei pezzi di plastica. L’uomo ha guidato con sicurezza il gruppo ecologista e alcuni sub verso l’anfratto, al cui interno è stato trovato un contanier perso da una nave di passaggio che conteneva centinaia di telefoni gialli.

Gadget
Il gilet fitness da finti kamikaze
Il gilet fitness da finti kamikaze
In vendita presso i supermercati “Aldi”, è dotato di tasche da riempire con la sabbia per renderlo più pesante, ma l’effetto ottico è quello di un giubbotto esplosivo…
Lo smartphone griffato Escobar
Lo smartphone griffato Escobar
Roberto, il fratello più piccolo di Pablo Escobar, ha lanciato uno smartphone con snodo centrale che secondo lui manderà a casa tutto il resto della concorrenza
Volkspods, il Maggiolino si fa scooter
Volkspods, il Maggiolino si fa scooter
Per adesso sono un esperimento di design nato nel garage di un designer tedesco, ma con un po’ di fortuna a breve potremmo vederli in giro per le città
L’aeroplanino di carta hi-tech
L’aeroplanino di carta hi-tech
Ci lavora da otto anni un giovane israeliano, che nella versione più recente ha aggiunto luci, carrello e pilota automatico
The Medici Game, il gioco degli Uffizi
The Medici Game, il gioco degli Uffizi
Una detective story dalle tinte esoteriche ambientata tra i capolavori della residenza medicea, per cellulari e tablet
Un giardino nella lampada
Un giardino nella lampada
Una tecnologia che simula la luce del sole ha permesso la creazione di lampade che racchiudono giardini in miniatura
Sonny, il bidet da viaggio
Sonny, il bidet da viaggio
Pratico, sottile, perfino elegante: un giovane americano si è messo in testa di aiutare i propri connazionali a consumare meno carta igienica
La sciarpa che si riscalda
La sciarpa che si riscalda
Dotata di sensori e fasce elastiche, sarà in grado di stringersi automaticamente e di scaldarsi in base alla temperatura esterna e quella corporea
Le nuove Barbie “Inspiring Women”
Le nuove Barbie “Inspiring Women”
Sono dedicate alla coraggiosa attivista per i diritti civili Rosa Parks e all’astronauta della Nasa Sally Ride. Si uniscono ad una collezione che celebra alcune donne dal coraggio e il talento eccezionale
La lampada di Zuckerberg
La lampada di Zuckerberg
Per dare una mano alla mogliettina, il fondatore di Facebook ha ideato una lampada intelligente che sta per essere messa in commercio