Catfight: Melania contro Anna

| I media americani la definiscono un combattimento fra gatte la polemica montata fra la Wintour, la leggendaria direttrice di Vogue e la First Lady, a cui il magazine non ha mai dedicato una copertina

+ Miei preferiti
È una guerra fra api regine, quella che infuria sulle prime pagine dei media americani: da una parte Melania Trump, la First Lady più triste della storia, dall’altra Anna Wintour, la potente e dispotica direttrice di “Vogue”.

La polemica è montata nel corso di un’intervista rilasciata dalla Wintour a Christiane Amanpour alla “CNN”, in cui le facevano notare che da quando Trump è diventato presidente, Vogue non abbia dedicato neanche una cover alla First Lady. Un trattamento ben diverso di quello riservato a Michelle Obama, che negli otto anni di presidenza di Barack era apparsa diverse volte, e perfino nei confronti di Hillary Clinton, anche lei immortalata quando era Segretario di Stato. Per Melania, al contrario, l’ultima copertina risale ai tempi del matrimonio con Donald, nel 2005, 14 anni fa.

“Nuclear Wintour”, com’è conosciuta nell’ambiente, con la consueta acidità elegante che la contraddistingue, ha evitato di citare Melania per nome, ma il riferimento è apparso molto chiaro a tutti: “Bisogna sostenere quello in cui si crede e assumere una posizione. Le donne di cui tracciamo un profilo nel magazine sono quelle che sosteniamo e riteniamo delle leader. Soprattutto dopo la sconfitta del segretario di stato Clinton nel 2016, pensiamo che le donne debbano avere una posizione di leadership e intendiamo sostenerle. Come abbiamo fatto con Michelle Obama e con la senatrice democratica candidata alla Casa Bianca Kamala Harris: donne che pensiamo siano icone in grado di ispirare tutte le donne del mondo”.

Piccata e quasi immediata la risposta dallo staff della First Lady, affidato alla sua portavoce Stephanie Grisham: “Essere sulla copertina di Vogue non descrive Melania Trump: ci è già stata tanto tempo fa. Il suo ruolo come First Lady e tutto quello che fa sono molto più importanti di una copertina. E questo atteggiamento è solo un’ulteriore prova di come l’industria dei magazine sia faziosa, così faziosa dimostra di essere Anna Wintour. Sfortunatamente Melania Trump è abituata a questo tipo di atteggiamento”.

Glamour
Una notte con Marilyn
Una notte con Marilyn
Il celebre “Beverly Hills Hotel” ha ideato un pacchetto ispirato alla bionda più celebre della storia: si dorme nel suo Bungalow preferito e si cena al suo tavolo. A tutto il resto bisogna pensarci di persona
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
La celebre top model israeliana è finita ancora una volta nei guai con il fisco: insieme ai genitori è accusata di evasione, riciclaggio e dichiarazioni false
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
La grande stella del cinema e della musica si confessa, raccontando un desiderio sempre più pressante di normalità. Il sogno di lasciate l’America per vivere a Bali o in un piccolo centro della provincia italiana
La guerra di Veronica
La guerra di Veronica
Per soli quattro giorni è stata Miss Ucraina, con il diritto di accedere alle fasi finali di Miss Mondo, poi Veronica Didusenko si è vista revocare il titolo perché divorziata e mamma di un bimbo. Ma lei promette battaglie legali
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Lo storico marchio di alta gioielleria americano ha raggiunto un accordo con il colosso francese del lusso LVMH: un’operazione da 16,2 miliardi di ollari, subito premiata dalle borse
Addio a Marlboro Man
Addio a Marlboro Man
Uno dei volti più celebri di una storica campagna pubblicitaria era un vero cowboy che è morto qualche giorno fa nel suo ranch. In vita sua non ha mai fumato una sigaretta
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Sulla sua taglia 46, Victoria’s Secret ha costruito un trabocchetto per risolvere le accuse di scarsa inclusività delle proprie modelle. E la polemica infuria
35 capelli di Marilyn
35 capelli di Marilyn
Sono quelli contenuti in un astuccio in carta conservato gelosamente da Mr. Kenneth, il suo parrucchiere di fiducia. Sono in vendita su un sito di aste online
Belen preoccupata. Come mai?
Belen preoccupata. Come mai?
Kim: "Fatta di ecstasy"
Kim: "Fatta di ecstasy"