Meghan Markle, the royal influencer

| La sposina e prossima mamma ha dimostrato di essere un’icona di stile, al pari di sua cognata Kate. Ma Meghan, in quanto americana, potrebbe essere un potenziale passpartout per i luxury brand anglosassoni

+ Miei preferiti
Qualsiasi cosa indossi, che siano jeans strappati sul ginocchio o abitini low cost, nel giro di qualche ora fanno il tutto esaurito. Qualche esempio: gli occhiali da sole “Finlay and Co”, che dopo essere spuntati sul nasino di Meghan, negli Stati Uniti hanno aumentato le vendite del 2700%, o della borsa “Strathberry”, salite del 2.044%, con scorte esaurite in 10 minuti netti.

Potenza di Meghan Markle, ex attrice americana diventata Sua Altezza Reale, duchessa di Sussex, contessa di Dumbarton e baronessa Kiekeel. La favola inglese numero due, dopo quella di William e Kate, che dimostra quanto una ragazza della middle-class possa arrivare ovunque. O meglio, ovunque si aggiri un principe.

Ma al di là dei sogni e delle fiabe, c’è chi si è messo a fare i conti. “Brand Finance” e “Walpole” hanno addirittura stilato “The royal touch: Uk & british luxury brand receive boost from popularity of young royals”, un report con costi e ricavi che ha quantificato l’avvento della “royal influencer”, definito un’occasione unica per il marchi anglosassoni di imporsi sul mercato americano. Se Meghan si mettesse d’impegno, entro il 2019 potrebbe portare ai marchi del Regno Unito ricavi per più di 150 milioni di sterline.

Un discorso che ha a che fare con le immense potenzialità del mercato americano, specie se valutato come opportunità alternativa dopo l’uscita definitiva dalla UE sancita dalla Brexit. Un mercato sconfinato che fino ad oggi è stato terreno di caccia per i marchi francesi e quelli italiani, lasciando agli inglesi solo la terza posizione.

La ricerca ha coinvolto 1.515 americani di età compresa fra 18 e 65 anni, con reddito annuale non inferiore ai 90mila dollari, a cui è stato chiesto quanto la royal family del terzo millennio abbia cambiato la percezione dell’impettito Regno Unito. Un’intuizione felice: il 73% degli intervistati si dice più orientato verso i prodotti made in England, mentre il 76% ammette di avere una considerazione nuova e migliore della monarchia anglosassone, prima di Kate e Meghan considerata un po’ polverosa. E per essere ancora più precisi, il 37% degli americani ammette di essere influenzato da quello che indossa Kate, mentre il 35% preferisce Meghan.

“La monarchia è una delle caratteristiche più distintive della Gran Bretagna e i membri della famiglia reale, in particolare le duchesse, sono delle vere re Mida, capaci di trasformare il destino di un marchio nel giro di una sola notte”, ha commentato il direttore di “Brand Finance” Alex Haigh.

Articoli correlati
Glamour
35 capelli di Marilyn
35 capelli di Marilyn
Sono quelli contenuti in un astuccio in carta conservato gelosamente da Mr. Kenneth, il suo parrucchiere di fiducia. Sono in vendita su un sito di aste online
Belen preoccupata. Come mai?
Belen preoccupata. Come mai?
Kim: "Fatta di ecstasy"
Kim: "Fatta di ecstasy"
Megan strega le Reunion
Megan strega le Reunion
Duchesse in guerra, gli inglesi si divertono
Duchesse in guerra, gli inglesi si divertono
Le coppie reali non trascorreranno assieme il Natale e questo, secondo i media UK, conferma la freddezza tra Kate e Meghan, che tanto intriga gli inglesi. E la Regina? Sarà alle feste in programma e tace
La visita di Carlo e Camilla, un salasso
La visita di Carlo e Camilla, un salasso
La città irlandese di Cork ha speso una fortuna per ospitare un solo giorno Carlo e Camilla: l’elenco comprende voci di ogni tipo, compresi 6.000 euro per lucidare le maniglie del Municipio
La sexy-marescialla che strega i colleghi...
La sexy-marescialla che strega i colleghi...
Un turbine di immagini osé di una donna carabiniere di Roma fanno il giro del web. Forse sono state hackerate dai profili social ma hanno sollevato l'interesse di tanti colleghi. Lei però è stata sospesa, dubbi su un "secondo lavoro"
Il sex-shop nel cuore dell'Africa
Il sex-shop nel cuore dell
Polemiche per il negozio di Cotonou nel Benin che vende oggetti sessuali in particolare alle donne. Antares Adjibi, 33 anni, spiega che organizza anche meeting di sessuologia. Pesanti attacchi sui social
Marnie e Kim, in gara per il lato B
Marnie e Kim, in gara per il lato B
La 26enne attrice inglese di "Geordie Shore", il reality di MTV, si è sottoposta a un'operazione che le consente di battere la Kardashian. Ora è felice: "Forme perfette grazie alle iniezioni e allo sport"
La notte della Dolce Vita
La notte della Dolce Vita
La notte del 6 novembre 1958, la ballerina turca Aichè Nanà improvvisa uno spogliarello durante una festa al "Rugantino" di Roma. La polizia interviene chiudendo il locale per oscenità, ma è l'inizio del periodo della "Dolce Vita".