Nostro signore delle sneaker

| Un brand newyorkese ha rielaborato le Nike Air Max 97, trasformandole nelle Jesus Sneaker. L’obiettivo: ridicolizzare la moda delle capsule collection (e venderle a caro prezzo)

+ Miei preferiti
A metà fra una fake news e una pura provocazione, la vicenda delle “Jesus Sneaker”, come sono state ribattezzate, ha un peso specifico utile a capire questi anni strani. Il paio di scarpe blasfeme hanno un crocifisso dorato fra i lacci, l’interno in rosso cardinalizio, la suola con lo stemma Vaticano, una citazione del Vangelo sul retro (“Matteo 14:25”) e addirittura 60cc di acqua benedetta del Giordano nelle suole. Si tratta di una rivisitazione della classica “Air Max 97” bianca, uno dello di successo della “Nike”, ma il colosso americano dell’abbigliamento sportivo si è affrettato a prendere le distanze: noi non c’entriamo.

A crearle è stato Daniel Greenberg, direttore commerciale della “MSCHF”, un brand con sede a Brooklyn che al “New York Post” ha svelato l’arcano: “Volevamo dimostrare l’assurdità delle collaborazioni e delle capsule collection nel mondo della moda, così ci siamo chiesti: come sarebbe stata una partnership con Gesù Cristo, una delle persone più influenti della storia?. Io sono ebreo, e l’unica cosa che sapevo di Gesù è che ha camminato sull’acqua”. Soltanto una provocazione quindi, tradotta però in una vera limited edition che, a parte qualche esemplare regalato a influencer e Youtuber, è andata esaurita nel giro di 24 ore sul sito StockX, malgrado i 3.000 euro del costo.

E non è finita qui: l’azienda promette nuove sneaker – e provocazioni – ogni due settimane.

Galleria fotografica
Nostro signore delle sneaker - immagine 1
Nostro signore delle sneaker - immagine 2
Nostro signore delle sneaker - immagine 3
Glamour
Una notte con Marilyn
Una notte con Marilyn
Il celebre “Beverly Hills Hotel” ha ideato un pacchetto ispirato alla bionda più celebre della storia: si dorme nel suo Bungalow preferito e si cena al suo tavolo. A tutto il resto bisogna pensarci di persona
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
La celebre top model israeliana è finita ancora una volta nei guai con il fisco: insieme ai genitori è accusata di evasione, riciclaggio e dichiarazioni false
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
La grande stella del cinema e della musica si confessa, raccontando un desiderio sempre più pressante di normalità. Il sogno di lasciate l’America per vivere a Bali o in un piccolo centro della provincia italiana
La guerra di Veronica
La guerra di Veronica
Per soli quattro giorni è stata Miss Ucraina, con il diritto di accedere alle fasi finali di Miss Mondo, poi Veronica Didusenko si è vista revocare il titolo perché divorziata e mamma di un bimbo. Ma lei promette battaglie legali
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Lo storico marchio di alta gioielleria americano ha raggiunto un accordo con il colosso francese del lusso LVMH: un’operazione da 16,2 miliardi di ollari, subito premiata dalle borse
Addio a Marlboro Man
Addio a Marlboro Man
Uno dei volti più celebri di una storica campagna pubblicitaria era un vero cowboy che è morto qualche giorno fa nel suo ranch. In vita sua non ha mai fumato una sigaretta
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Sulla sua taglia 46, Victoria’s Secret ha costruito un trabocchetto per risolvere le accuse di scarsa inclusività delle proprie modelle. E la polemica infuria
35 capelli di Marilyn
35 capelli di Marilyn
Sono quelli contenuti in un astuccio in carta conservato gelosamente da Mr. Kenneth, il suo parrucchiere di fiducia. Sono in vendita su un sito di aste online
Belen preoccupata. Come mai?
Belen preoccupata. Come mai?
Kim: "Fatta di ecstasy"
Kim: "Fatta di ecstasy"