Olocausto, spring/summer collection

| Il marchio di moda di lusso “Loewe” bersagliato di insulti per un abito maschile che sembra l’esatta copia delle divise dei prigionieri dei campi di concentramento nazisti. Immediate le scuse e il ritiro dell’oufit

+ Miei preferiti
A Madrid, nel quartier generale della “Loewe”, brand spagnolo di lusso di proprietà del gruppo “LVMH”, si respira un grande imbarazzo. Dal 1846 ad oggi, in 173 anni di storia, non era mai successo di doversi scusare umilmente con il mondo intero per una figuraccia epocale.

L’ondata di indignazione e insulti è arrivata poche ore dopo la presentazione ufficiale di una capsule collection disegnata dal designer Jonathan Anderson e ispirata al grande ceramista britannico William De Morgan, celebre per le tecniche innovative ed esponente del movimento “Arts and Craft”. 

Ma fra cappotti, borse, giacche e trench dalle linee morbide ed essenziali – e i prezzi adeguati - un outfit della nuova collezione maschile è saltato subito agli occhi di tanti: una divisa simile in tutto e per tutto alle terribili divise che i prigionieri dei campi di concentramento nazisti erano obbligati a indossare. Una giacca e un paio di pantaloni informi, a righe verticali bianche e nere.

Il sito e i canali social della maison sono diventati immediatamente il collettore di insulti piovuti da tutto il mondo, compresi quelli di altri marchi di moda che a volte collaborano con Loewe, lesti a prendere le distanze da quello che a tutti gli effetti è un clamoroso autogol. 

Poco dopo, le immagini dell’improbabile completo maschile primavera/estate sono state rimosse dal sito, seguite dalle scuse del marchio: “Ci è stato segnalato che uno dei capi della nostra collezione ispirata al ceramista William De Morgan potrebbe essere stato frainteso come riferimento a uno dei momenti più odiosi della storia dell'umanità. Non era nostra intenzione e ci scusiamo con chiunque possa aver pensato che siamo insensibili a ricordi così dolorosi e indelebili. I prodotti sono stati rimossi dalla nostra offerta commerciale”.

Eppure, non è la prima volta che i marchi di moda finiscono sotto tiro per aver venduto abiti che in qualche modo sembrano prendere ispirazione dall’Olocausto. Nel 2014 il marchio “Zara”, anch’esso con sede in Spagna, è stato costretto a scusarsi per aver messo in commercio magliette con una stella gialla sul petto, terribilmente somiglianti a quelle che gli ebrei erano costretti ad indossare. L’azienda ha tentato una timida difesa, affermando che l’ispirazione volevano essere “Le stelle dello sceriffo dei film western”, ma poche ore dopo l’articolo è stato rimosso dagli scaffali di tutto il mondo.

Galleria fotografica
Olocausto, spring/summer collection - immagine 1
Olocausto, spring/summer collection - immagine 2
Glamour
Gli universitari di Cambridge, nudi per beneficenza
Gli universitari di Cambridge, nudi per beneficenza
Come ogni anno, esce l’attesissimo “Cambridge University Blues Naked Calendar”: 12 mesi di atleti di varie discipline sportive come mamma li ha fatti. Il ricavato, interamente devoluto a “Medici senza Frontiere”
Una notte con Marilyn
Una notte con Marilyn
Il celebre “Beverly Hills Hotel” ha ideato un pacchetto ispirato alla bionda più celebre della storia: si dorme nel suo Bungalow preferito e si cena al suo tavolo. A tutto il resto bisogna pensarci di persona
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
La celebre top model israeliana è finita ancora una volta nei guai con il fisco: insieme ai genitori è accusata di evasione, riciclaggio e dichiarazioni false
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
La grande stella del cinema e della musica si confessa, raccontando un desiderio sempre più pressante di normalità. Il sogno di lasciate l’America per vivere a Bali o in un piccolo centro della provincia italiana
La guerra di Veronica
La guerra di Veronica
Per soli quattro giorni è stata Miss Ucraina, con il diritto di accedere alle fasi finali di Miss Mondo, poi Veronica Didusenko si è vista revocare il titolo perché divorziata e mamma di un bimbo. Ma lei promette battaglie legali
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Lo storico marchio di alta gioielleria americano ha raggiunto un accordo con il colosso francese del lusso LVMH: un’operazione da 16,2 miliardi di ollari, subito premiata dalle borse
Addio a Marlboro Man
Addio a Marlboro Man
Uno dei volti più celebri di una storica campagna pubblicitaria era un vero cowboy che è morto qualche giorno fa nel suo ranch. In vita sua non ha mai fumato una sigaretta
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Sulla sua taglia 46, Victoria’s Secret ha costruito un trabocchetto per risolvere le accuse di scarsa inclusività delle proprie modelle. E la polemica infuria
35 capelli di Marilyn
35 capelli di Marilyn
Sono quelli contenuti in un astuccio in carta conservato gelosamente da Mr. Kenneth, il suo parrucchiere di fiducia. Sono in vendita su un sito di aste online
Belen preoccupata. Come mai?
Belen preoccupata. Come mai?