Una notte con Marilyn

| Il celebre “Beverly Hills Hotel” ha ideato un pacchetto ispirato alla bionda più celebre della storia: si dorme nel suo Bungalow preferito e si cena al suo tavolo. A tutto il resto bisogna pensarci di persona

+ Miei preferiti
I muri non parlano, e forse è meglio così. Perché quelli del “Beverly Hills Hotel”, uno degli alberghi più celebri della città degli angeli, meta e rifugio per la gente di Hollywood dopo i bagni di folla e i red carpet, di cose da dire ne avrebbe tante. Addirittura troppe.

Realizzato in stile “Mission” nel 1912, quando intorno non c’erano altro che palme e campi di fagioli, il “Pink Palace” è diventato il simbolo dell’abbagliante fascino glamour di Hollywood, un luogo dalla discrezione memorabile disseminato di bungalow in cui negli anni della “Golden Age” si davano appuntamento, e non solo quello, decine di nomi che facevano sognare il mondo intero.

Fra gli anni Cinquanta e il decennio successivo, Marilyn Monroe, la bionda che aveva stregato Hollywood, al Beverly Hills era di casa. Amava due bungalow in particolare, l’1 e il 7, ambedue di 90 mq circa, ma le è capitato anche di doversi “accontentare” del 20 e del 21, dividendo ben più del solo copione con Yves Montand, coprotagonista di “Let’s make love”, facciamo l’amore, guarda caso. Quando usciva dalle sue stanze, il tavolo numero 6 della “Polo Launge” era il suo.

E se per caso quei muri iniziassero a parlare, l’esperienza del “Live Like Marilyn” sarebbe davvero completa. Perché nel pack che il Beverly Hills Hotel dedica alla diva più bionda della storia si ha diritto ad un soggiorno nei due bungalow della Monroe, l’1 o il 7, ricostruiti fedelmente dallo studio di architettura “Champalimaud Design” seguendo le immagini dell’epoca, con una libreria fornita dei più grandi successa della star.

Al pacchetto, che oscilla fra 2600 e 9200 dollari a notte, si può aggiungere la “Some Like It Hot’ Bubble Bath Experience”, ovvero un bagno così come piaceva farlo a lei, con puro sale marino atlantico della costa del Brasile, olio di arancia dolce e pompelmo, il tutto accompagnato da una bottiglia champagne in fresco (Dom Pérignom solo per il Bungalow 1) ed un flacone di Chanel n. 5 in caldo, secondo la leggenda l’unica cosa che Marilyn accettava sul suo corpo quando andava a letto. Da sola, chiaro.

A completare l’esperienza immersiva di “Marilyn per un giorno” (o anche di più), la cena al tavolo 6 della Polo Lounge, preparata dallo chef prendendo spunto da un’intervista del 1952 in cui la star aveva svelato al “Pageant Magazine” i propri capricci gastronomici: “Le mie cene a casa sono sorprendentemente semplici: ogni sera mi fermo al mercato vicino al mio hotel e prendo una bistecca, costolette di agnello o fegato, che cucino nel forno elettrico della mia stanza. Di solito mangio quattro o cinque carote crude, e questo è tutto. Ogni tanto, per concludere in dolcezza una lunga giornata sul set, una coppa di gelato”. In alternativa, per chi non gradisse, ampia scelta fra cocktail di gamberi, insalata di carote di Heirloom, spaghetti con polpette alla Di Maggio, e il “Marilyn’s Ice Cream Sundae”, un dolce con gelato alla menta, schiuma di latte maltato, caramello caldo e amarene.

Il pacchetto Live Like Marilyn segue un piano di ristrutturazione e rinnovamento dell’hotel, oggi di proprietà della “Dorchester Collection” e iniziato nel 2016 con la creazione di soggiorni ispirati ad alcuni degli ospiti più celebri, come Frank Sinatra ed Elizabeth Taylor. Dopo il pacchetto dedicato a Marilyn, a breve dovrebbe partire quello nel Bungalow preferito da Charlie Chaplin. E anche stavolta, speriamo che le pareti tacciano.

Galleria fotografica
Una notte con Marilyn - immagine 1
Una notte con Marilyn - immagine 2
Una notte con Marilyn - immagine 3
Una notte con Marilyn - immagine 4
Una notte con Marilyn - immagine 5
Una notte con Marilyn - immagine 6
Una notte con Marilyn - immagine 7
Glamour
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
Bar Rafaeli a un passo dal carcere
La celebre top model israeliana è finita ancora una volta nei guai con il fisco: insieme ai genitori è accusata di evasione, riciclaggio e dichiarazioni false
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
JLo: “Sogno di vivere in un piccolo paese italiano”
La grande stella del cinema e della musica si confessa, raccontando un desiderio sempre più pressante di normalità. Il sogno di lasciate l’America per vivere a Bali o in un piccolo centro della provincia italiana
La guerra di Veronica
La guerra di Veronica
Per soli quattro giorni è stata Miss Ucraina, con il diritto di accedere alle fasi finali di Miss Mondo, poi Veronica Didusenko si è vista revocare il titolo perché divorziata e mamma di un bimbo. Ma lei promette battaglie legali
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Colazione da Tiffany, pranzo da Vuitton
Lo storico marchio di alta gioielleria americano ha raggiunto un accordo con il colosso francese del lusso LVMH: un’operazione da 16,2 miliardi di ollari, subito premiata dalle borse
Addio a Marlboro Man
Addio a Marlboro Man
Uno dei volti più celebri di una storica campagna pubblicitaria era un vero cowboy che è morto qualche giorno fa nel suo ranch. In vita sua non ha mai fumato una sigaretta
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Il caso di Ali Tate Cutler, modella plus-size
Sulla sua taglia 46, Victoria’s Secret ha costruito un trabocchetto per risolvere le accuse di scarsa inclusività delle proprie modelle. E la polemica infuria
35 capelli di Marilyn
35 capelli di Marilyn
Sono quelli contenuti in un astuccio in carta conservato gelosamente da Mr. Kenneth, il suo parrucchiere di fiducia. Sono in vendita su un sito di aste online
Belen preoccupata. Come mai?
Belen preoccupata. Come mai?
Kim: "Fatta di ecstasy"
Kim: "Fatta di ecstasy"
Megan strega le Reunion
Megan strega le Reunion