Boris Johnson cacciato di casa

| Ufficialmente, lui e sua moglie Marina divorziano in modo civile, ma i tabloid inglesi hanno svelato le continue scappatelle che hanno convinto la moglie a metterlo alla porta

+ Miei preferiti
Gli inglesi sono abituati alle uscite estemporanee di Boris Johnson, spettinatissimo politico di lungo corso dalla gaffe sempre in canna. Le risate - anche quando c’è poco da ridere - grazie a lui si sono sprecate: dall’invito a tirare lo sciacquone di casa una volta alla settimana lanciato nel 2009 (e per fortuna quasi del tutto inascoltato) a George W. Bush, definito “Un texano strabico che non sa mettere in fila due parole”. Nel tempo non risparmia tenerezze neanche a Barack Obama (“Un mezzo keniota”), Hillary Clinton (“Ha lo sguardo di un’infermiera sadica in un ospedale psichiatrico”) e all’Unione Europea, che “Insegue un obiettivo simile a quello di Adolf Hitler”.

Ma stavolta, da ridere sembra ci sia molto poco: secondo il quotidiano “The Sun”, il rubicondo Boris sarebbe stato sbattuto fuori casa da sua moglie Marina, ormai con la pazienza a fondo corsa. Per ben tre volte, nei 25 anni di matrimonio, Boris sarebbe stato messo alla porta per via di uno stile di vita sessualmente frizzante, per usare un’ironia che agli inglesi piacerà. Messo in croce dai mastini dei tabloid anglosassoni, nel 2004 Boris finisce per ammettere una tresca con la scrittrice Petronella Wyatt, e nel 2010 un’altra con la consulente artistica Helen Macinteyre: in mezzo roba di poco conto, da una notte e via, ma messo tutto insieme diventa un carniere di conquiste che neanche Donald Trump, il presidente americano con cui forse Boris divide il parrucchiere.

Laconico il comunicato ufficiale con cui i coniugi Johnson annunciano la fine del loro matrimonio: “Diversi mesi fa abbiamo capito che separarsi fosse la scelta migliore. La pratica per il divorzio è in corso, ma da amici continueremo ad occuparci del futuro dei nostri quattro figli. Non saranno diffusi ulteriori commenti”.

Se la frase finale era una speranza, è finita nel vuoto pneumatico: secondo “The Sun”, la coppia non viveva sotto lo stesso tetto già da qualche tempo, e la figlia Laura, 25 anni, ha pubblicamente definito papino “Un bastardo egoista: la mamma non lo riprenderà mai più, questa volta ha chiuso”.

La goccia che ha fatto esplodere Marina Wheeler, avvocato di successo, è stata l’estate appena finita, in cui Boris ha prima dato le dimissioni da ministro degli esteri per opporsi alla morbidezza di Theresa May nella gestione della “Brexit”, e subito dopo ha pensato di annegare i pensieri sul futuro del suo paese fra le gambe di una nuova fiamma.

The Sun ci va giù duro con le rivelazioni: negli ultimi tempi da ministro, Boris chiedeva spesso alla scorta un paio d’ore di libertà per “faccende private” che lo mettevano di ottimo umore, perché al ritorno aveva sempre un gran sorriso stampato in faccia.

Alexander Boris de Pfeffel Johnson, newyrokese di nascita, classe 1964, esponente del Partito Conservatore, ha ricoperto la carica di sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio 2008 al 9 maggio 2016. Il 9 luglio di quest’anno si è dimesso da Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth del governo di Theresa May.

Galleria fotografica
Boris Johnson cacciato di casa - immagine 1
Gossip
La versione di H&M
La versione di H&M
Arriva il libro, ufficialmente non autorizzato, che racconta i retroscena dell’epica fuga dei Sussex dalle grinfie dei protocolli reali. Da Buckingham Palace solo parole di ossequioso disinteresse
Andrea di nuovo nei guai
Andrea di nuovo nei guai
Il Duca di York denunciato dal proprietario di uno chalet svizzero, a cui mancano all’appello circa 7,6 milioni di euro. È l’ennesima brutta figura pubblica di un principe che non riesce a evitare i problemi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Secondo un giudice non c’era alcun tentativo di compromettere l’immagine pubblica dei Sussex svelando alcuni passaggi della lettera inviata al padre dalla duchessa
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Il “Guardian” ha deciso di esplorare un capitolo mai davvero svelato della vita del presidente. Quando da ricchissimo palazzinaro senza scrupoli decise di dedicarsi ai concorsi di bellezza. Chissà perché
La fine dei “Fab Four”
La fine dei “Fab Four”
Gli ultimi incontri ufficiali di Harry e Meghan, tornati nel Regno Unito per sentirsi acclamati dalla folla ma piuttosto snobbati dal resto della Royal Family
Un altro “Caprice” del principe Andrea
Un altro “Caprice” del principe Andrea
L’imprenditrice e modella americana Caprice Bounnet ha rivelato di essere stata ospite a Buckingham Palace durante una tenera e innocente amicizia con il duca di York. Che le avrebbe concesso un paio di strappi al ferreo regolamento
Il Canada scarica H&M
Il Canada scarica H&M
Il 31 marzo, quando cesserà il loro status di reali, il paese nord americano ha annunciato che toglierà l’apparato di protezione: diventeranno normali cittadini. Se vuole proteggerli, ci pensi il Regno Unito
H&M e la guerra dei brand
H&M e la guerra dei brand
L’ex coppia reale accetta la decisione della regina di vietare l’uso del termine “Royal”, ma ricorda che nessuno ha la giurisdizione per vietarlo, e in più Harry e Archie avranno sempre sangue reale, piaccia o meno
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Militari altamente specializzati costretti a prendere il numero al supermercato per i salumi, o spediti a ritirare pacchi e fare commissioni. La nuova vita dei Sussex finisce sotto accusa, e da Scotland Yard parte la protesta
I Windsor in allarme per il caso Andrew
I Windsor in allarme per il caso Andrew
Con le accuse lanciate dall’FBI, l’immagine del Duca di York è sempre più compromessa. Elisabetta ha convocato Carlo per l’ennesima riunione di emergenza