Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard

| Militari altamente specializzati costretti a prendere il numero al supermercato per i salumi, o spediti a ritirare pacchi e fare commissioni. La nuova vita dei Sussex finisce sotto accusa, e da Scotland Yard parte la protesta

+ Miei preferiti
Conclusa l’abbuffata della “Brexit”, i tabloid inglesi sono tornati ad occuparsi delle loro vittime preferite: Harry & Meghan. Questa volta, “The Sun” rivela il malumore che serpeggia fra gli uomini della scorta reale. Secondo alcune indiscrezioni, i “Sussex”, privi dei valletti di Buckingham Palace, avrebbero preso a utilizzare gli agenti come fattorini, utilizzandoli per andare a fare la spesa o per il disbrigo di commissioni.

Da qui, la frustrazione di decine di ufficiali dell’esercito decorati e iperspecializzati, esperti in arti marziali, nell’uso di armi ed esplosivi e con un passato su diversi fronti di guerra, costretti a fare la fila per il prosciutto cotto o nella rosticceria preferita da Meghan, dove fanno il pollo fritto che preferisce. Attualmente, la squadra inviata da Scotland Yard è composta da 15 uomini altamente addestrati nella protezione, compresi alcuni “Mounties” canadesi: i loro turni di servizio, due settimane per volta, 24 ore su 24, diventano sempre meno prevenire eventuali pericoli della coppia, e sempre più sottostare ai loro capricci. 

L’ex capo della “Royal Protection” Dai Davies è su tutte le furie: “Considero fuori dalla sfera di competenza degli addetti alla protezione reale fare commissioni e andare in giro per shopping. La loro priorità è la protezione ravvicinata e come tali devono rimanere attaccati ai Duchi come della colla. E anche se è inevitabile la nascita di un rapporto confidenziale con il datore di lavoro, va sempre usato un approccio di buon senso: oltretutto è anche potenzialmente pericoloso, perché se dovesse succedere qualcosa non sarebbe bene che uno di loro fosse fuori a comprare il pane o a prendere il caffè”.

Gli agenti, secondo la rivelazione, starebbero accumulando fatture a sei zeri per voli, noleggi auto, stipendi e straordinari. Secondo i vicini di casa dei Sussex, “Le guardie del corpo hanno una flotta di auto noleggiate localmente, tutte Range Rover, Land Rover e potenti SUV. Ci sono 10-15 tipi corpulenti che si aggirano in zona, ed è difficile non notarli in un posto isolato come questo”.

L’inchiesta non fa che accrescere la polemica ancora in corso su chi pagherà la sicurezza del Sussex, che al momento sembra ferma ad una possibile condivisione dei costi fra Gran Bretagna e Canada, ma secondo gli esperti anche così la protezione della coppia costerà fra i 3 e i 6 milioni di sterline all’anno. Lo staff di Harry e Meghan si è rifiutato di commentare la notizia.

Articoli correlati
Gossip
Matthew McConaughey prossimo governatore del Texas?
Matthew McConaughey prossimo governatore del Texas?
Secondo un sondaggio, l’attore avrebbe i numeri per conquistare la poltrona di governatore dello Stato in cui è nato. Di idee centriste, non si è mai schierato ufficialmente a destra o sinistra
Penny, l’ultimo segreto di Filippo
Penny, l’ultimo segreto di Filippo
Contessa di Mountbatten, 68 anni, è stata per lungo tempo amica, confidente (e forse anche di più) del principe Filippo. Su di lei, unica estranea ammessa, si sono concentrati i tabloid inglesi dopo i funerali del principe
Harry è tornato a Londra
Harry è tornato a Londra
Senza Meghan al fianco, incinta del secondo figlio, il principe si riunisce alla famiglia per l’estremo saluto al nonno Filippo. Per gli esperti è l’occasione per riallacciare i rapporti con il fratello William e il padre Carlo
Nervi tesi a Buckingham Palace
Nervi tesi a Buckingham Palace
Il primo passo verso una riconciliazione è stata una telefonata fra Carlo e i suoi due figli, ma secondo alcune voci ben informate dagli esiti “poco produttivi”
La guerra di Buckingham Palace
La guerra di Buckingham Palace
La casa reale inglese annuncia l’apertura di un’inchiesta su Meghan, accusata di bullismo e denunciata da due ex dipendenti. Una svolta che fa temere ancora di più i contenuti dell’intervista a Oprah Winfrey, definita “scioccante”
Le verità di Harry, capitolo 1
Le verità di Harry, capitolo 1
In attesa dell’intervista a Oprah Winfrey, il principe è stato ospite di un celebre salotto televisivo americano, in cui ha spiegato in dettaglio i motivi dell’addio suo e di Meghan
Il deputato omofobo beccato in un’orgia gay
Il deputato omofobo beccato in un’orgia gay
József Szájer, eurodeputato ungherese, annuncia le dimissioni e il ritiro dalla vita politica: era fra i partecipanti di un’orgia a base di sesso, droga e alcol in un appartamento di Bruxelles
L’ultimo scandalo del 2020: il nipote di Camilla in un giro di escort
L’ultimo scandalo del 2020: il nipote di Camilla in un giro di escort
Ben Elliot, presidente dei Tories e influente protagonista della mondanità londinese, sarebbe a capo di un sito per “incontri esclusivi destinati a gentleman”
«Quando Ivanka era la mia migliore amica»
«Quando Ivanka era la mia migliore amica»
“Vanity Fair” America pubblica il racconto di Lysandra Ohrstrom, una giornalista che ha diviso con la “First Daughter” gli anni della scuola: sembrava voler incarnare il volto meno arrogante e sfacciato della dinastia Trump. E invece…
Melania pronta al divorzio?
Melania pronta al divorzio?
Circolano voci insistenti sul conto alla rovescia che la First Lady pare abbia fatto sperando nella sconfitta di Donald, per riuscire ad allontanarsi a gambe levate