H&M e la guerra dei brand

| L’ex coppia reale accetta la decisione della regina di vietare l’uso del termine “Royal”, ma ricorda che nessuno ha la giurisdizione per vietarlo, e in più Harry e Archie avranno sempre sangue reale, piaccia o meno

+ Miei preferiti
Ormai, fra la Royal Family ed Harry & Meghan è iniziata una guerra di nervi che non promette nulla di buono. Ne sono convinti i tabloid inglesi, che si affidano al parere di nobili, legali ed esperti della monarchia.

L’ultima mossa della regina, che ha fatto il giro del mondo, è vietare ad H&M l’uso del termine “Royal”: non saranno più reali a pieno titolo, quindi che girino al largo. Punto. E per rimarcare il divieto assoluto, Elisabetta avrebbe schierato una squadra di potenti avvocati pronti a dare battaglia nel caso qualcosa sfuggisse ai due.

Ma dal loro rifugio in Canada, filtrano malumori che attraversano l’oceano e raggiungono la Gran Bretagna: la coppia accetta a malincuore la decisione di Sua Maestà, annunciando che entro la primavera cancellerà la dicitura “Royal”, ma ne approfitta per lamentarsi del trattamento ricevuto, ricordando che il termine “Royal”, a ben vedere, non appartiene alla Regina e neanche al governo. “Neanche loro hanno giurisdizione - avrebbe commentato acidamente Meghan ad alcuni amici - in realtà non c’è nulla che potrebbe impedirci legalmente di farlo. I tempi dei drammi per ogni cosa e le imposizioni di corte sono finiti: nella nostra vita non c’è più spazio per i divieti”. L’amico confidente ha aggiunto: “Meghan ha detto che i progetti globali su cui stanno lavorando parlano da soli e che hanno scelto quel nome non per trarne profitto, ma è convinta che il loro successo sarà uguale, con o senza il termine Royal. In fondo, Harry e Archie hanno e avranno sempre sangue reale, nessuno può portarglielo via, e saranno comunque considerati come una famiglia reale”.

Ma è un duro colpo per la coppia, che ha speso centinaia di migliaia di sterline creando uno staff di professionisti che confezionasse ogni possibile dettaglio del loro nuovo brand, registrato in modo da coprire ogni possibile idea: dalle magliette alla cancelleria. Un loro portavoce ha annunciato: “Mentre il Duca e la Duchessa sono concentrati sul progetto per la creazione di una nuova organizzazione no-profit, date le specifiche regole del governo britannico sull’uso della parola “Royal”, è stato concordato che la loro organizzazione, quando sarà annunciata, non si chiamerà più Sussex Royal Foundation. Pertanto, le domande di marchio depositate sono state rimosse”.

Harry e Meghan hanno iniziato ad usare il marchio “Sussex Royal” per la prima volta l’anno scorso, dopo la prima separazione clamorosa, quella da William e Kate, con cui davano vita alla “Kensington Royal”.

Il loro impegno ufficiale con la Royal Family, prima del ritiro formale, è previsto per il 31 marzo: il 9 dello stesso mese si uniranno alla Regina a Westminster per le celebrazioni del “Commonwealth Day”.

I Sussex sono apparsi a Miami all’inizio di questo mese ad una convention organizzata dal colosso bancario “JP Morgan” in quello che è stato il loro impegno pubblico dopo la separazione dalla famiglia reale inglese: la breve apparizione al summit, dove Harry ha tenuto un discorso, pare gli abbia fruttato più di 700mila sterline.

Gossip
Matthew McConaughey prossimo governatore del Texas?
Matthew McConaughey prossimo governatore del Texas?
Secondo un sondaggio, l’attore avrebbe i numeri per conquistare la poltrona di governatore dello Stato in cui è nato. Di idee centriste, non si è mai schierato ufficialmente a destra o sinistra
Penny, l’ultimo segreto di Filippo
Penny, l’ultimo segreto di Filippo
Contessa di Mountbatten, 68 anni, è stata per lungo tempo amica, confidente (e forse anche di più) del principe Filippo. Su di lei, unica estranea ammessa, si sono concentrati i tabloid inglesi dopo i funerali del principe
Harry è tornato a Londra
Harry è tornato a Londra
Senza Meghan al fianco, incinta del secondo figlio, il principe si riunisce alla famiglia per l’estremo saluto al nonno Filippo. Per gli esperti è l’occasione per riallacciare i rapporti con il fratello William e il padre Carlo
Nervi tesi a Buckingham Palace
Nervi tesi a Buckingham Palace
Il primo passo verso una riconciliazione è stata una telefonata fra Carlo e i suoi due figli, ma secondo alcune voci ben informate dagli esiti “poco produttivi”
La guerra di Buckingham Palace
La guerra di Buckingham Palace
La casa reale inglese annuncia l’apertura di un’inchiesta su Meghan, accusata di bullismo e denunciata da due ex dipendenti. Una svolta che fa temere ancora di più i contenuti dell’intervista a Oprah Winfrey, definita “scioccante”
Le verità di Harry, capitolo 1
Le verità di Harry, capitolo 1
In attesa dell’intervista a Oprah Winfrey, il principe è stato ospite di un celebre salotto televisivo americano, in cui ha spiegato in dettaglio i motivi dell’addio suo e di Meghan
Il deputato omofobo beccato in un’orgia gay
Il deputato omofobo beccato in un’orgia gay
József Szájer, eurodeputato ungherese, annuncia le dimissioni e il ritiro dalla vita politica: era fra i partecipanti di un’orgia a base di sesso, droga e alcol in un appartamento di Bruxelles
L’ultimo scandalo del 2020: il nipote di Camilla in un giro di escort
L’ultimo scandalo del 2020: il nipote di Camilla in un giro di escort
Ben Elliot, presidente dei Tories e influente protagonista della mondanità londinese, sarebbe a capo di un sito per “incontri esclusivi destinati a gentleman”
«Quando Ivanka era la mia migliore amica»
«Quando Ivanka era la mia migliore amica»
“Vanity Fair” America pubblica il racconto di Lysandra Ohrstrom, una giornalista che ha diviso con la “First Daughter” gli anni della scuola: sembrava voler incarnare il volto meno arrogante e sfacciato della dinastia Trump. E invece…
Melania pronta al divorzio?
Melania pronta al divorzio?
Circolano voci insistenti sul conto alla rovescia che la First Lady pare abbia fatto sperando nella sconfitta di Donald, per riuscire ad allontanarsi a gambe levate