I Windsor in allarme per il caso Andrew

| Con le accuse lanciate dall’FBI, l’immagine del Duca di York è sempre più compromessa. Elisabetta ha convocato Carlo per l’ennesima riunione di emergenza

+ Miei preferiti
Anche i Windsor, come il resto del pianeta, i panni sporchi amano lavarli in casa, più precisamente nella modesta residenza di Sandringham, nelle campagna del Norfolk. Lì, dove re Giorgio VI è passato a miglior vita, la “ditta” si riunisce per sbrigare gli affari di famiglia più delicati, compreso il clamoroso “divorzio” di Harry e Meghan.

Certo, ultimamente le gite a Sandringham stanno diventando continue, perché non passa settimana senza che ci sia qualcosa nei meccanismi della Royal Family che abbia bisogno di un’oliata regale.

Nelle scorse ore, riferiscono i tabloid inglesi, Elisabetta ha chiamato a raccolta i suoi, questa volta per studiare una reazione ufficiale all’ennesima magra figura rimediata da Andrea, il principe scapestrato e playboy messo in croce dall’FBI, che davanti al mondo intero l’ha accusato di non voler collaborare sul caso Epstein.

Elisabetta e suo figlio Carlo hanno avuto “una riunione d’emergenza riservata” sul caso di Andrea, a proposito della sua sciagurata “immagine pubblica”. Una fonte di palazzo ha svelato: “Entrambi speravano che il Duca di York potesse riabilitarsi, ma ora sembra sempre più improbabile. E c’è una crescente frustrazione tra i membri della famiglia reale per l’attenzione internazionale che suscita l’amicizia fra Andrea ed Epstein”.

Secondo altre fonti, Andrew sarebbe andato su tutte le furie leggendo le dichiarazioni di Geoffrey Berman, il procuratore di Stato di New York, insistendo che sarebbe stato felice di collaborare, ma “non era stato contattato da nessuno”. E sul caso si è accesa ancora più attenzione dopo che Scotland Yard ha annunciato la riapertura di un’indagine sul traffico sessuale di Epstein.

Ufficialmente, Buckingham Palace tace su tutto: le dichiarazioni del procuratore americano, la sfuriata di Andrea e la riunione d’emergenza di Elisabetta e Carlo. La “ditta” al momento è chiusa.

Galleria fotografica
I Windsor in allarme per il caso Andrew - immagine 1
Gossip
La versione di H&M
La versione di H&M
Arriva il libro, ufficialmente non autorizzato, che racconta i retroscena dell’epica fuga dei Sussex dalle grinfie dei protocolli reali. Da Buckingham Palace solo parole di ossequioso disinteresse
Andrea di nuovo nei guai
Andrea di nuovo nei guai
Il Duca di York denunciato dal proprietario di uno chalet svizzero, a cui mancano all’appello circa 7,6 milioni di euro. È l’ennesima brutta figura pubblica di un principe che non riesce a evitare i problemi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Secondo un giudice non c’era alcun tentativo di compromettere l’immagine pubblica dei Sussex svelando alcuni passaggi della lettera inviata al padre dalla duchessa
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Il “Guardian” ha deciso di esplorare un capitolo mai davvero svelato della vita del presidente. Quando da ricchissimo palazzinaro senza scrupoli decise di dedicarsi ai concorsi di bellezza. Chissà perché
La fine dei “Fab Four”
La fine dei “Fab Four”
Gli ultimi incontri ufficiali di Harry e Meghan, tornati nel Regno Unito per sentirsi acclamati dalla folla ma piuttosto snobbati dal resto della Royal Family
Un altro “Caprice” del principe Andrea
Un altro “Caprice” del principe Andrea
L’imprenditrice e modella americana Caprice Bounnet ha rivelato di essere stata ospite a Buckingham Palace durante una tenera e innocente amicizia con il duca di York. Che le avrebbe concesso un paio di strappi al ferreo regolamento
Il Canada scarica H&M
Il Canada scarica H&M
Il 31 marzo, quando cesserà il loro status di reali, il paese nord americano ha annunciato che toglierà l’apparato di protezione: diventeranno normali cittadini. Se vuole proteggerli, ci pensi il Regno Unito
H&M e la guerra dei brand
H&M e la guerra dei brand
L’ex coppia reale accetta la decisione della regina di vietare l’uso del termine “Royal”, ma ricorda che nessuno ha la giurisdizione per vietarlo, e in più Harry e Archie avranno sempre sangue reale, piaccia o meno
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Militari altamente specializzati costretti a prendere il numero al supermercato per i salumi, o spediti a ritirare pacchi e fare commissioni. La nuova vita dei Sussex finisce sotto accusa, e da Scotland Yard parte la protesta
Thomas Markle, sono tutti in debito con me
Thomas Markle, sono tutti in debito con me
Il padre di Meghan ha concesso una lunga intervista in cui ha parlato senza remore di tutto, accusando i reali di insensibilità e cattiveria nei suoi confronti