Jeremy Renner, dagli Avengers ai tribunali

| La star di Hollywood, fra gli attori più pagati e amati del mondo, da anni combatte una durissima battaglia legale con l’ex moglie per la custodia della figlia Ava

+ Miei preferiti
Anche gli “Avengers”, nel loro piccolo, hanno problemi. A finire sulla graticola, in questi giorni, è Jeremy Renner, 48 anni, due volte candidato all’Oscar e conosciuto in tutto il mondo per il ruolo del coraggioso “Occhio di Falco” (Hawkeye) nella saga della “Marvel Cinematic Universe”.

Nel 2014, Renner ha sposato la modella canadese Sonni Pacheco, da cui un anno prima aveva avuto la piccola Ava Berlin, ma il matrimonio naufraga dopo appena dieci mesi per “differenze inconciliabili”, e fra i due inizia un’aspra battaglia legale per la custodia della figlia.

Sonni Pacheco, ormai ex moglie dell’attore, nel tentativo di ottenere la custodia esclusiva della piccola, ha presentato in tribunale una denuncia pesantissima contro Renner accusandolo di averla minacciata di morte, di violenza fisica e verbale, oltre che di abuso di sostanze stupefacenti. Uno scontro senza esclusione di colpi, definito fra i più “velenosi” dello showbiz, in cui Sonni racconta la noncuranza dell’ex marito, capace di lasciare dosi di cocaina in bagno, alla portata della piccola Ava. Un’abitudine confermata anche da tre ex-fidanzate dell’attore, che sostengono che Renner sia solito lasciare per casa dosi di cocaina, che utilizza nel corso di orge sfrenate. Una delle ex, Carmen Orford, ha raccontato che Renner ha l’abitudine di inviare video e foto hard, un’altra, Lily Faget, sostiene di aver fatto sesso a tre con l’attore, e poco dopo Ava è scesa al piano di sotto in cerca di suo padre: “Ero scioccata, Ava aveva visto tutto”. Fino ad arrivare all’episodio che sta facendo più discutere, quando secondo l’ex moglie Renner “Mi ha minacciata con una pistola, poi se l’è infilata in bocca minacciando di uccidersi. Andate a controllare in casa: sul soffitto dev’esserci ancora il colpo che ha sparato mentre Ava dormiva nella sua cameretta”.

Jeremy Renner ha tentato di reagire, accusando l’ex moglie di aver mostrato delle sue immagini private ad uno dei funzionari che stanno indagando sulla velenosissima battaglia per la custodia, con il solo scopo di causargli “estremo imbarazzo”.

Nei documenti presentati dai suoi legali, Renner sostiene che la Pacheco sia ossessionata dalla sua vita sessuale nonostante il loro divorzio, e che a casa avrebbe sculture erotiche esplicite “che possono turbare la piccola Ava”. L’ex moglie, bollata come “avida e gretta”, è mossa dalla “travolgente ossessione di distruggergli la carriera”.

In un verbale messo agli atti, uno dei legali di Renner ha dichiarato che per l’attore, “Il benessere di sua figlia Ava è sempre stato e continua ad essere l’obiettivo primario. È importante notare che le drammatizzazioni delle dichiarazioni della signora Pacheco sono un resoconto unilaterale, fatto con un unico obiettivo specifico”. I documenti legali dimostrano anche che Renner si è sottoposto volontariamente più volte a test antidroga da cui è uscito perfettamente pulito, e aggiungono che l’attore ha chiesto il supporto di uno specialista di salute mentale per supervisionare i suoi incontri con Ava e dimostrare che è un padre capace. “Quello di padre è miglior ruolo interpretato fino ad oggi”, si legge nelle dichiarazioni.

La battaglia per la custodia si è scatenata il mese scorso, quando Sonni Pacheco ha chiesto la custodia esclusiva dopo cinque anni di genitorialità condivisa. Lui e la bellissima modella canadese si sono incontrati nel 2011, sul set di “Mission: Impossibile - Protocollo Fantasma”: Renner era diventato uno degli attori più ricercati in circolazione. Dopo aver girato il suo primo film importante nel 2007, l’anno successivo è salito alla ribalta ottenendo il ruolo di protagonista come artificiere dell’esercito, interpretando il ruolo del sergente William James in “The Hurt Locker”, di Kathryn Bigelow.

Il matrimonio non è stato reso pubblico fino a quando Renner lo ha rivelato in un’intervista nel settembre 2014, quando la relazione si avviava alla fine: nel mese di dicembre la Pacheco ha chiesto il divorzio e da allora la loro relazione è diventata sempre più acrimoniosa. 

Negli atti giudiziari del divorzio, un amico della coppia ha messo in dubbio le dichiarazioni della donna: “Sonni mi ha detto più volte che non credeva nel matrimonio, voleva solo che Jeremy la sposasse per poter diventare cittadina statunitense ed evitare di tornare in Canada. Ricordo anche di averla sentita dire che Jeremy avrebbe fatto meglio ad essere gentile con lei e a non farle mancare del denaro, o avrebbe divulgato sue immagini compromettenti ai siti gossip”. Nel settembre 2016, Renner ha accettato di pagare 16mila dollari al mese per il mantenimento della figlia, e altri 25mila di spese legali. Due anni dopo, il mega contratto con la Marvel da 10 milioni di dollari lo ha costretto a sborsare una somma forfettaria di 300mila dollari di mantenimento.

Galleria fotografica
Jeremy Renner, dagli Avengers ai tribunali - immagine 1
Jeremy Renner, dagli Avengers ai tribunali - immagine 2
Jeremy Renner, dagli Avengers ai tribunali - immagine 3
Gossip
La versione di H&M
La versione di H&M
Arriva il libro, ufficialmente non autorizzato, che racconta i retroscena dell’epica fuga dei Sussex dalle grinfie dei protocolli reali. Da Buckingham Palace solo parole di ossequioso disinteresse
Andrea di nuovo nei guai
Andrea di nuovo nei guai
Il Duca di York denunciato dal proprietario di uno chalet svizzero, a cui mancano all’appello circa 7,6 milioni di euro. È l’ennesima brutta figura pubblica di un principe che non riesce a evitare i problemi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Secondo un giudice non c’era alcun tentativo di compromettere l’immagine pubblica dei Sussex svelando alcuni passaggi della lettera inviata al padre dalla duchessa
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Il “Guardian” ha deciso di esplorare un capitolo mai davvero svelato della vita del presidente. Quando da ricchissimo palazzinaro senza scrupoli decise di dedicarsi ai concorsi di bellezza. Chissà perché
La fine dei “Fab Four”
La fine dei “Fab Four”
Gli ultimi incontri ufficiali di Harry e Meghan, tornati nel Regno Unito per sentirsi acclamati dalla folla ma piuttosto snobbati dal resto della Royal Family
Un altro “Caprice” del principe Andrea
Un altro “Caprice” del principe Andrea
L’imprenditrice e modella americana Caprice Bounnet ha rivelato di essere stata ospite a Buckingham Palace durante una tenera e innocente amicizia con il duca di York. Che le avrebbe concesso un paio di strappi al ferreo regolamento
Il Canada scarica H&M
Il Canada scarica H&M
Il 31 marzo, quando cesserà il loro status di reali, il paese nord americano ha annunciato che toglierà l’apparato di protezione: diventeranno normali cittadini. Se vuole proteggerli, ci pensi il Regno Unito
H&M e la guerra dei brand
H&M e la guerra dei brand
L’ex coppia reale accetta la decisione della regina di vietare l’uso del termine “Royal”, ma ricorda che nessuno ha la giurisdizione per vietarlo, e in più Harry e Archie avranno sempre sangue reale, piaccia o meno
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Militari altamente specializzati costretti a prendere il numero al supermercato per i salumi, o spediti a ritirare pacchi e fare commissioni. La nuova vita dei Sussex finisce sotto accusa, e da Scotland Yard parte la protesta
I Windsor in allarme per il caso Andrew
I Windsor in allarme per il caso Andrew
Con le accuse lanciate dall’FBI, l’immagine del Duca di York è sempre più compromessa. Elisabetta ha convocato Carlo per l’ennesima riunione di emergenza