Markle Sparkle, la marjiuana del nipote di Meghan

| È una delle sue specialità, insieme alla “Archie Sparkle”, dedicata al figlio dei duchi del Sussex: il nipote scapestrato ha messo su un’attività sulla marjiuana per scopi curativi che lo sta rendendo milionario

+ Miei preferiti
Non è dato sapere come reagisca Meghan Markle ogni volta che la sua famiglia d’origine ne combina una, e neanche se la Regina colga l’occasione per farglielo notare. Ma da quando è diventata moglie di Harry e duchessa del Sussex, i Markle si sono letteralmente scatenati, finendo sulle copertine dei tabloid non esattamente per comportamenti di cui andar fieri.

L’ultimo in ordine di tempo è Tyler Scott Dooley, nipote di Meghan in quanto figlio del suo fratellastro Thomas Jr., un 27enne che potrebbe essere considerato la pecora nera della famiglia, se non dovesse fare a gara per il titolo con gli altri Markle. Tyler è un ragazzone cresciuto fra risse e denunce che prima ha litigato con tutti, in primis papà Thomas e zia Samantha, quindi ha lasciato la California per l’Oregon, dove prima è convolato a nozze con l’altrettanto colorita Sandy Bobb, e insieme a lei ha scelto dedicarsi alla coltivazione e il giardinaggio, ma non di gerani, ortensie e petunie: di marjiuana. Per carità, una varietà che non contiene THC, il componente attivo responsabile dello sballo, ma il CBD, al contrario utile per scopi medici.

La creazione migliore del nipotino ribelle è una varietà che in onore di zietta ha battezzato “Markle’s Sparkle”, la scintilla dei Markle, lanciata sul mercato con lo slogan “Così forte da farti saltare la corona”, seguita qualche mese fa dalla “Archie Sparkle”, dedicata al primo figlio di Harry e Meghan. Un’operazione di marketing che ha permesso a Tyler di fare fortuna, come ha raccontato in un’intervista al “Daily Mail”: “Sono sempre stato considerato la pecora nera dei Markle, ma ho lavorato duro per guadagnarmi da vivere: al momento ho 1,5 milioni di piante di marjiuana, ma è solo l’inizio di un’operazione che potrebbe permettermi di guadagnare 200 milioni di dollari entro il 2020”.

Galleria fotografica
Markle Sparkle, la marjiuana del nipote di Meghan - immagine 1
Markle Sparkle, la marjiuana del nipote di Meghan - immagine 2
Gossip
La regina pronta a pagare i debiti di Andrea
La regina pronta a pagare i debiti di Andrea
Il figlio e l’ex nuora devono ancora 6,7 milioni di sterline ad una nobildonna che minaccia di trascinarli in tribunale per l’acquisto, mai saldato, di uno chalet in Svizzera
La versione di H&M
La versione di H&M
Arriva il libro, ufficialmente non autorizzato, che racconta i retroscena dell’epica fuga dei Sussex dalle grinfie dei protocolli reali. Da Buckingham Palace solo parole di ossequioso disinteresse
Andrea di nuovo nei guai
Andrea di nuovo nei guai
Il Duca di York denunciato dal proprietario di uno chalet svizzero, a cui mancano all’appello circa 7,6 milioni di euro. È l’ennesima brutta figura pubblica di un principe che non riesce a evitare i problemi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Secondo un giudice non c’era alcun tentativo di compromettere l’immagine pubblica dei Sussex svelando alcuni passaggi della lettera inviata al padre dalla duchessa
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Il “Guardian” ha deciso di esplorare un capitolo mai davvero svelato della vita del presidente. Quando da ricchissimo palazzinaro senza scrupoli decise di dedicarsi ai concorsi di bellezza. Chissà perché
La fine dei “Fab Four”
La fine dei “Fab Four”
Gli ultimi incontri ufficiali di Harry e Meghan, tornati nel Regno Unito per sentirsi acclamati dalla folla ma piuttosto snobbati dal resto della Royal Family
Un altro “Caprice” del principe Andrea
Un altro “Caprice” del principe Andrea
L’imprenditrice e modella americana Caprice Bounnet ha rivelato di essere stata ospite a Buckingham Palace durante una tenera e innocente amicizia con il duca di York. Che le avrebbe concesso un paio di strappi al ferreo regolamento
Il Canada scarica H&M
Il Canada scarica H&M
Il 31 marzo, quando cesserà il loro status di reali, il paese nord americano ha annunciato che toglierà l’apparato di protezione: diventeranno normali cittadini. Se vuole proteggerli, ci pensi il Regno Unito
H&M e la guerra dei brand
H&M e la guerra dei brand
L’ex coppia reale accetta la decisione della regina di vietare l’uso del termine “Royal”, ma ricorda che nessuno ha la giurisdizione per vietarlo, e in più Harry e Archie avranno sempre sangue reale, piaccia o meno
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Militari altamente specializzati costretti a prendere il numero al supermercato per i salumi, o spediti a ritirare pacchi e fare commissioni. La nuova vita dei Sussex finisce sotto accusa, e da Scotland Yard parte la protesta