Melania, la First Lady messa a nudo

| Esce negli Stati Uniti una biografia non autorizzata della signora Trump: una donna tanto bella quanto rigida, che mal sopporta fin dall’inizio l’esperienza presidenziale del marito

+ Miei preferiti
Secondo l’opinione di tanti, ma è solo un’idea, Melania è la prima vittima di Trump, mentre in seconda posizione si piazzerebbero i 360milioni di americani. C’è una sensazione diffusa che una delle First Lady più belle di sempre non veda l’ora che il marito chiuda l’esperienza presidenziale per dargli il ben servito. Resiste imperterrita, come da buona americana, piegandosi in pieno alla ragion di Stato, ma anche questa è solo un’ipotesi, perché Melania è uno più segreti più insondabili della Casa Bianca.

Terza moglie di Trump dopo Ivana e Marla Maples, ha dato al marito il suo quinto figlio, Barron, assumendo il ruolo di una donna altera vicina ai 50 ma con un fisico così tonico e scolpito da fare invidia a tante ventenni. Poco propensa al gossip e attentissima alla privacy, Melania appare poco, ma quando lo fa lascia il segno, rimbalzando fra le prime pagine dei media di tutto il mondo. Secondo la leggenda si era opposta alla discesa in campo del marito, e a parte qualche altro milione di americani, la notte della vittoria di Donald aveva pianto, per la sensazione che le loro vite sarebbero cambiate in peggio.

Ma per tentare di placare le infinite curiosità che orbitano intorno alla figura di Melania Knavs, ex modella slovena diventata la 45esima First Lady americana, si è messa d’impegno la giornalista della CNN Kate Bennett, che dopo aver seguito per due anni interi ogni mossa e ogni uscita della signora Trump in carica ha dato alle stampe “Free, Melania: The Unauthorized Biography”, una biografia non autorizzata che potrebbe far innervosire i corridoi della White House. Anche per via di quella virgola malandrina del titolo, tra “Free” e “Melania”.

Secondo quanto svela il volume, anche se non è più un segreto da tempo, Melania e Donald non dividerebbero da anni la stessa stanza da letto, ma la curiosità è che i due alla Casa Bianca avrebbero scelto stanze private addirittura ad un piano di distanza: al secondo lui, nell’appartamento presidenziale, mentre lei al terzo, in quello che nel periodo degli Obama era occupato da Marian Robinson, la mamma di Michelle. 

La proverbiale privacy che Melania ha imposto al suo staff è una regola talmente ferrea che il silenzio sui suoi problemi renali, seguiti da un ricovero prolungato, avevano scatenato le peggiori congetture e ipotesi di complotto. Ma osservandola con attenzione, secondo l’autrice del libro, Melania è un libro aperto: quando ha indosso un tailleur con pantalone significa che lei e Donald hanno litigato, deduzione che arriva dalla ben nota avversione del presidente verso le donne in pantaloni. Le preferisce in abiti fascianti e attillati, e comunque con la gonna. Trucco numero due, una giaccia, un cappotto o un giubbotto poggiato sulle spalle, per non permettere a Donald di prenderle la mano. Salvo poi passare a look decisamente più eccentrici, come la celebre giacca militare con la scritta “I really don’t care, do u?” (In realtà non me ne importa nulla, e a te?), scelta per la visita al confine con il Messico. Un messaggio che quella volta, secondo gli esperti, era indirizzato a Ivanka, la figlia tanto amata da Donald con cui lei ha rapporti gelidi e formali. A proposito di antipatie: non correrebbe buon sangue neanche con Karen, la moglie del vice presidente Mike Pence.

Ma guai a considerare Melania una bella bambolina o la moglie “trofeo” del presidente: il suo arrivo a Washington, città che odia molto cordialmente, ha sconvolto le due ali della Casa Bianca, con il licenziamento in tronco di buona parte del personale al servizio degli Obama.

La vita dell’impeccabile First Lady, che fra le attività benefiche aveva scelto la lotta al bullismo, poco premiata in popolarità, scorre fra la palestra privata della Casa Bianca dove ogni giorno pratica pilates seguita dai suoi personal trainer, e una “glam room” in cui trova parrucchiere, visagista, make-up artist e un’assistente che le consiglia il look più adatto agli impegni della giornata.

Galleria fotografica
Melania, la First Lady messa a nudo - immagine 1
Melania, la First Lady messa a nudo - immagine 2
Melania, la First Lady messa a nudo - immagine 3
Melania, la First Lady messa a nudo - immagine 4
Melania, la First Lady messa a nudo - immagine 5
Gossip
La regina pronta a pagare i debiti di Andrea
La regina pronta a pagare i debiti di Andrea
Il figlio e l’ex nuora devono ancora 6,7 milioni di sterline ad una nobildonna che minaccia di trascinarli in tribunale per l’acquisto, mai saldato, di uno chalet in Svizzera
La versione di H&M
La versione di H&M
Arriva il libro, ufficialmente non autorizzato, che racconta i retroscena dell’epica fuga dei Sussex dalle grinfie dei protocolli reali. Da Buckingham Palace solo parole di ossequioso disinteresse
Andrea di nuovo nei guai
Andrea di nuovo nei guai
Il Duca di York denunciato dal proprietario di uno chalet svizzero, a cui mancano all’appello circa 7,6 milioni di euro. È l’ennesima brutta figura pubblica di un principe che non riesce a evitare i problemi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Meghan perde il primo round con i tabloid inglesi
Secondo un giudice non c’era alcun tentativo di compromettere l’immagine pubblica dei Sussex svelando alcuni passaggi della lettera inviata al padre dalla duchessa
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Donald Trump: gli anni dei suoi “bunga bunga”
Il “Guardian” ha deciso di esplorare un capitolo mai davvero svelato della vita del presidente. Quando da ricchissimo palazzinaro senza scrupoli decise di dedicarsi ai concorsi di bellezza. Chissà perché
La fine dei “Fab Four”
La fine dei “Fab Four”
Gli ultimi incontri ufficiali di Harry e Meghan, tornati nel Regno Unito per sentirsi acclamati dalla folla ma piuttosto snobbati dal resto della Royal Family
Un altro “Caprice” del principe Andrea
Un altro “Caprice” del principe Andrea
L’imprenditrice e modella americana Caprice Bounnet ha rivelato di essere stata ospite a Buckingham Palace durante una tenera e innocente amicizia con il duca di York. Che le avrebbe concesso un paio di strappi al ferreo regolamento
Il Canada scarica H&M
Il Canada scarica H&M
Il 31 marzo, quando cesserà il loro status di reali, il paese nord americano ha annunciato che toglierà l’apparato di protezione: diventeranno normali cittadini. Se vuole proteggerli, ci pensi il Regno Unito
H&M e la guerra dei brand
H&M e la guerra dei brand
L’ex coppia reale accetta la decisione della regina di vietare l’uso del termine “Royal”, ma ricorda che nessuno ha la giurisdizione per vietarlo, e in più Harry e Archie avranno sempre sangue reale, piaccia o meno
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Harry e Meghan, la rivolta dei bodyguard
Militari altamente specializzati costretti a prendere il numero al supermercato per i salumi, o spediti a ritirare pacchi e fare commissioni. La nuova vita dei Sussex finisce sotto accusa, e da Scotland Yard parte la protesta