Florence Lawrence, la prima diva di Hollywood

| Nata in Canada, inizia a recitare giovanissima con la madre attrice di vaudeville. Diventa famosa come “The Biograph Girl” negli anni Dieci del Novecento ma la sua celebrità inizia a declinare presto, con l’avvento del sonoro

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
“The Biograph Girl” e “The Girl of a Thousand Faces” sono un paio dei soprannomi con cui era conosciuta negli anni più luminosi della sua carriera Florence Lawrence, una delle prime dive di Hollywood.

Nata il 2 gennaio 1886 come Florence Annie Bridgwood ad Hamilton, in Canada, è stata un’attrice teatrale e cinematografica, spesso indicata come la “prima star del cinema” e raggiunge l’apice della sua fama nel secondo decennio del 1900 quando, scritturata dalla Biograph (da cui il suo soprannome) è una delle attrici più richieste del muto, con quasi 300 film da protagonista.

È la più giovane dei tre figli di George, un costruttore di carrozze di origine inglese, e di Charlotte “Lotta” Dunn, attrice di vaudeville emigrata con la famiglia da bambina in Canada dall’Irlanda dopo la cosiddetta grande carestia che colpisce l’isola tra il 1845 e il 1849, provocando la morte di circa un milione di persone e l’emigrazione di altrettante. A tre anni Florence debutta sul palco con la madre in un numero di canto e di ballo e non appena è in grado di memorizzare le battute correttamente, inizia a interpretare ruoli drammatici nella compagnia. A sei anni viene soprannominata “Baby Flo” e ben presto vengono eliminati i drammi tra le rappresentazioni in cartello perché non gradite alla bambina, che sta già imparando a diventare una diva.

Quando anni dopo racconterà dei suoi debutti, Florence Lawrence ricorderà che le piaceva il lavoro ma non i continui viaggi che come artisti di vaudeville facevano ogni giorno da una città all’altra.

Il padre di Florence – da cui la madre è separata da anni – muore improvvisamente il 18 febbraio 1898 per avvelenamento accidentale da gas nella sua casa di Hamilton e lo stesso anno Lotta Lawrence e i figli si trasferiscono a Buffalo (nello stato di New York) per vivere con la madre di lei, Ann Dunn. A 12 anni Florence viene iscritta per la prima volta a una scuola e abbandona temporaneamente il teatro, la madre scioglie la compagnia e si trasferisce a New York City nel 1906. In quell’anno, quando ha 20 anni, Florence appare nel suo primo film ma già nell’anno successivo ne interpreta 38 per la Vitagraph Film Company.

Dopo essere tornata a recitare con la madre in una tournée lunga un anno, Florence Lawrence decide di smettere con quella vita e nel 1908 torna a lavorare per la Vitagraph: soprattutto grazie alle sue doti equestri, recita in 11 film in meno di sei mesi. La fortuna della Lawrence in quel periodo si chiama D. W. Griffith, il più importante produttore e regista dei Biograph Studios, che la nota e le offre un impiego per 25 dollari la settimana, cinque in più rispetto alla Vitagraph.

Il primo ruolo interpretato dalla Lawrence è quello della protagonista in “La ragazza e il fuorilegge” e in seguito recita in una sessantina di film diretti da Griffith. Sempre nel 1908 la giovane attrice sposa il collega Harry Solter e inizia a essere apprezzata dal pubblico che – siccome il nome dell’attrice non è mai comparso nei credit dei suoi film – chiede di sapere chi è. Ma i Biograph Studios rifiutano di dichiarare pubblicamente il nome dell’attrice e così la Lawrence diventa per tutti i fan la “Biograph Girl”. In quegli anni gli attori del cinema muto non vengono citati nei titoli in quanto i proprietari degli studi di produzione temono che la fama possa spingerli a richieste di salari più alti.

In ogni caso, Florence Lawrence raggiunge una grande popolarità grazie alla serie di film comici “Jones”, in cui interpreta la signora Jones e raggiunge l’apice della carriera con le storie d’amore e drammatiche in cui recita con John Cumpson: i due sono marito e moglie in “The Ingrate” e gli amanti adulteri in “Resurrection”. La Lawrence e Solter si offrono alla Essanay Company come attrice e regista ma invece di accettare la richiesta, la compagnia informa la Biograph di questa offerta e i due sono immediatamente licenziati.

I due coniugi entrano nella Independent Moving Pictures Company of America (IMP) il cui fondatore e proprietario Carl Laemmle organizza una trovata pubblicitaria per informare i fan del passaggio della Lawrence dalla Biograph alla IMP. Sparge la voce che la donna è morta in un incidente stradale a New York City e quando la fake news è diffusa da tutti i giornali rilascia ufficialmente una dichiarazione in cui smentisce la notizia, annunciando che l’attrice sta girando “The Broken Oath”, un nuovo film della IMP Company diretto proprio da Solter.

Un paio d’anni più tardi Lawrence e Solter creano, d’accordo con Laemmle, una loro società (la Victor Film Company) per la quale sono pagati rispettivamente 500 e 200 dollari la settimana. Grazie alla grande disponibilità di denaro i due acquistano una tenuta di 20 ettari a River Vale, nel New Jersey.

Nel 1915, durante le riprese di “Pawns of Destiny”, in un incendio di scena fuori controllo la Lawrence si ustiona e cade da un’impalcatura in seguito alla quale si frattura la colonna vertebrale: incolpa il marito della disgrazia, si allontana da lui e patisce un lungo esaurimento nervoso. La donna torna a lavorare nel 1916 ma la tensione le provoca una ricaduta dell’esaurimento che la paralizza per quattro mesi. Rimane lontano dalle scene fino al 1921 quando cerca di rientrare nel giro con alcuni piccoli ruoli secondari non accreditati. Nel frattempo, aiuta la madre nel pubblicizzare una sua invenzione, il tergicristallo elettrico,che tuttavia non riscuote molto successo. Inoltre, in questi anni la Lawrence inventa quello da lei definito il “braccio di segnalazione automatica” (una sorta di antenato del moderno indicatore di direzione” e il “segnale di frenata meccanica”: tuttavia, non avendo brevettato nessuna di queste due invenzioni, non riceverà né crediti né profitti.

Dopo che il matrimonio con Harry Solter termina definitivamente nel 1920 con la morte dell’uomo, la Lawrence si risposa nel 1921 con un venditore di automobili, Charles Byrne Woodring, da cui si separa nel 1929 e divorzia nel 1932. Ormai terminata la sua carriera da attrice, Florence a metà degli anni Venti apre con il marito un negozio di cosmetici a Los Angeles – l’Hollywood Cosmetics – che vende trucco teatrale e una linea di prodotti di bellezza creata dalla stessa Lawrence: il negozio prosegue la sua attività dopo la separazione dei due coniugi, ma viene chiuso nel 1931. Due anni dopo la Lawrence si sposa per la terza e ultima volta con un certo Henry Bolton, un alcolizzato che si rivela un violento picchiandola spesso e dal quale scappa dopo cinque mesi.

In quegli anni l’attrice lavora con la MGM in film di poco interesse con ruoli del tutto marginali. Nel 1937 le viene diagnosticata una non meglio precisata malattia che produce anemia e depressione, probabilmente una mielofibrosi, rara malattia del midollo osseo, incurabile all’epoca. Alle 13 del 28 dicembre 1938, la Lawrence telefona agli uffici della MGM sostenendo di essere malata e di non poter recarsi agli studios nel pomeriggio e subito dopo ingerisce sciroppo per la tosse insieme con veleno per formiche. Mentre alcuni giornali riferiscono che una vicina di casa è accorsa per soccorrerla dopo aver sentito le sue urla disperate, altri media affermano che è stata la stessa Lawrence ha telefonare alla vicina spiegando di essersi avvelenata da sola. Portata in ogni caso d’urgenza al Beverly Hills Emergency Hospital, Florence Lawrence muore alle 14:45.

Due ultime stranezze riguardano la tomba dell’attrice. La prima è che rimane senza lapide (e quindi senza né nome né date di nascita e morte) fino al 1991 quando un anonimo fa realizzare una targa su cui è scritto “The Biograph Girl – The First Movie Star”. Come data di nascita è riportato il 1890, inesattezza che compare anche sul certificato di morte compilato dal medico legale. Questo errore è sicuramente stato provocato dalla stessa Lawrence, che in vita abitualmente sottraeva anni alla sua vera età. 

Galleria fotografica
Florence Lawrence, la prima diva di Hollywood - immagine 1
Florence Lawrence, la prima diva di Hollywood - immagine 2
Florence Lawrence, la prima diva di Hollywood - immagine 3
Hollywood Confidential
La rinascita di Georgina, l’ex moglie di Weinstein
La rinascita di Georgina, l’ex moglie di Weinstein
Dopo lo scandalo si è autoinflitta mesi di silenzio e terapie, ma ora è pronta a riprendersi un posto di rilievo nel mondo della moda, grazie anche al potente aiuto di Anna Wintour. Al suo fianco avvistato l’attore Adrien Brody
Dietro le quinte dei “The Sussex”
Dietro le quinte dei “The Sussex”
A Hollywood, una squadra di abili professionisti lavora da tempo per pianificare la strada alla nuova vita di Harry e Meghan: secondo gli esperti, se gestiti bene sono una vera macchina da soldi
L’ultimo mistero di Marilyn: la scatola numero 39
L’ultimo mistero di Marilyn: la scatola numero 39
Negli archivi dell’Ucla, in California, una misteriosa scatola di documenti di Marilyn Monroe potrà essere aperta solo nel 2039. Apparteneve al dottor Greenson, lo psichiatra di Marilyn, e potrebbe provare che la diva è stata uccisa
La principessa dal sangue bollente
La principessa dal sangue bollente
Algida nell’aspetto quanto probabilmente passionale nei rapporti, Grace Kelly divenne celebre già dai suoi primi film e intrattenne numerose relazioni, quasi sempre con uomini più anziani. Fino a quando conobbe Ranieri di Monaco
Quando Hollywood non era bigotta
Quando Hollywood non era bigotta
Dorothy Burgess, scomparsa 54enne il 21 agosto 1961, è stata una delle attrici degli anni Trenta che interpretarono senza pudore ruoli di donne emancipate e libere sessualmente in commedie frizzanti. Ma il codice Hays cancellò tutto…
La strana morte di Brittany e Simon
La strana morte di Brittany e Simon
Un’attrice di successo muore improvvisamente nella sua villa hollywoodiana e le cause di morte sono poco chiare. La situazione si complica quando anche il marito muore per gli stessi misteriosi motivi meno di cinque mesi dopo
Gene Tierney, la diva tormentata
Gene Tierney, la diva tormentata
All’apparenza destinata a una lunga carriera a Hollywood, dopo la nascita della prima figlia fortemente disabile e alcune sfortunate relazioni sentimentali, l’attrice sprofonda in una malattia mentale che la segna per il resto della vita
Lo schianto fatale della pin-up Eve Meyer
Lo schianto fatale della pin-up Eve Meyer
Di una bellezza procace, la giovane modella diventa playmate nel giugno 1955 e inizia una breve carriera cinematografica con il marito regista. Diventata produttrice, muore a Tenerife nel più grave incidente aereo della storia
Dreyer, uno dei più grandi registi della storia
Dreyer, uno dei più grandi registi della storia
Autore dimenticato di film austeri dal ritmo maestoso, il regista danese Carl Theodor Dreyer parla di donne e innocenti, di repressione e intolleranza, di ineluttabilità del destino e di morte, del potere del male nella vita terrena
L’uomo che inventò Hollywood
L’uomo che inventò Hollywood
Irving Thalberg è sicuramente uno dei nomi più importanti della cinematografia statunitense. Ha trasformato il modo di lavorare dei primi anni del muto in una colossale macchina da soldi, con film apprezzati dal pubblico di tutto il mondo