Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch

| Ha gestito malissimo il successo regalato dalla celebre serie televisiva: gli abusi di droghe e alcolici l’hanno allontanata da Hollywood e avvicinata ai tribunali. Di lei non si sapeva più niente da anni

+ Miei preferiti
Il successo è una sorta di cambiale del destino: quello che concede, prima o poi lo rivuole indietro, con gli interessi. Per decine di star di Hollywood che vincono il tempo e consacrano il proprio nome all’immortalità, ci sono migliaia di meteore, tanto luminose quanto veloci nel passare e sparire.

Ogni tanto i tabloid ne rintracciano qualcuno, ma riconoscerli dopo le angherie del tempo spesso non è semplice. È il caso di Yasmine Bleeth, attrice e modella che fra il 1989 ed il 2001 era finita nel cast di “Baywatch”, la fortunata serie televisiva andata in onda in tutto il mondo. Raccontava le vicende di un’affiata squadra di “Lifeguards” delle spiagge di Los Angeles: un team capitanato da Mitch Buchannon (David Hasselhff), ma condito con una nidiata di stragnocche come Pamela Anderson, Alexandra Paul, Gena Lee Nolin, Donna D’Errico e la stessa Yasmine Bleeth: fisico da urlo, occhi verdi su una cascata di capelli castani, a lei per due stagioni è toccato il ruolo della procace bagnina Caroline Holden, a cui aggiungere due camei in quelle successive. Un totale di 72 episodi in cinque anni e un successo planetario che l’aveva perfino spinta a lanciare una linea di costumi da bagno.

Ma se per il mondo era ormai una celebrità, nel giro degli attori e produttori il suo nome finiva ogni giorno di più nella lista nera: lavorare con lei era impossibile per via di abusi di droghe e alcol che la rendevano una star capricciosa e dal carattere impossibile. Quand’era ormai troppo tardi per salvare la carriera, “Yaz” ha accettato di entrare in rehab alla “Promises Rehabilitation Clinic di Malibu” per superare la dipendenza da cocaina. Nel 2001, Yaz viene arrestata dalla polizia, che sulla sua auto – dopo un incidente stradale - trova per caso un bel po’ di cocaina. In tribunale ammette la propria colpevolezza e se la cava con due anni di libertà vigilata e 100 ore di servizi sociali. Mentre era in riabilitazione, conosce il discutibile proprietario di strip club Paul Cerrito, che sposa nel 2002.

Da allora, più nulla per anni: Yaz è ricomparsa qualche giorno fa sui tabloid di mezzo mondo, attraverso alcune foto che la rendono totalmente irriconoscibile. A 51 anni, 17 dopo aver abbandonato la recitazione, è diventata una donna in sovrappeso dall’abbigliamento sciatto, che affida la propria esistenza all’amore verso un cagnolino che porta a spasso per i giardini pubblici di Los Angeles, quasi certa che nessuno riconoscerebbe più in lei la bagnina Caroline Holden, le cui forme faticavano a stare dentro il celebre costume rosso.

Galleria fotografica
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 1
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 2
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 3
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 4
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 5
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 6
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 7
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 8
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 9
Yasmine Bleeth, quel che resta di una bagnina di Baywatch - immagine 10
Hollywood Confidential
Sesso, cinema e dollari: la saga di Charlotte Kirk
Sesso, cinema e dollari: la saga di Charlotte Kirk
Da semplice storia di amanti segrete tenute in silenzio grazie ad accordi e denaro, ad una rete di ricatti, corruzione ed estorsione che mettendo a dura prova Hollywood
Judy Garland, la diva adolescente
Judy Garland, la diva adolescente
Dopo gli esordi sul palco del teatro gestito dal padre, l’attrice conosce la fama grazie alla sua interpretazione ne “Il mago di Oz”. Tormentata dalla dipendenza di droghe e alcool, muore a soli 47 anni dopo aver avuto 5 mariti e 3 figli
La rinascita di Georgina, l’ex moglie di Weinstein
La rinascita di Georgina, l’ex moglie di Weinstein
Dopo lo scandalo si è autoinflitta mesi di silenzio e terapie, ma ora è pronta a riprendersi un posto di rilievo nel mondo della moda, grazie anche al potente aiuto di Anna Wintour. Al suo fianco avvistato l’attore Adrien Brody
Dietro le quinte dei “The Sussex”
Dietro le quinte dei “The Sussex”
A Hollywood, una squadra di abili professionisti lavora da tempo per pianificare la strada alla nuova vita di Harry e Meghan: secondo gli esperti, se gestiti bene sono una vera macchina da soldi
L’ultimo mistero di Marilyn: la scatola numero 39
L’ultimo mistero di Marilyn: la scatola numero 39
Negli archivi dell’Ucla, in California, una misteriosa scatola di documenti di Marilyn Monroe potrà essere aperta solo nel 2039. Apparteneve al dottor Greenson, lo psichiatra di Marilyn, e potrebbe provare che la diva è stata uccisa
La principessa dal sangue bollente
La principessa dal sangue bollente
Algida nell’aspetto quanto probabilmente passionale nei rapporti, Grace Kelly divenne celebre già dai suoi primi film e intrattenne numerose relazioni, quasi sempre con uomini più anziani. Fino a quando conobbe Ranieri di Monaco
Quando Hollywood non era bigotta
Quando Hollywood non era bigotta
Dorothy Burgess, scomparsa 54enne il 21 agosto 1961, è stata una delle attrici degli anni Trenta che interpretarono senza pudore ruoli di donne emancipate e libere sessualmente in commedie frizzanti. Ma il codice Hays cancellò tutto…
La strana morte di Brittany e Simon
La strana morte di Brittany e Simon
Un’attrice di successo muore improvvisamente nella sua villa hollywoodiana e le cause di morte sono poco chiare. La situazione si complica quando anche il marito muore per gli stessi misteriosi motivi meno di cinque mesi dopo
Gene Tierney, la diva tormentata
Gene Tierney, la diva tormentata
All’apparenza destinata a una lunga carriera a Hollywood, dopo la nascita della prima figlia fortemente disabile e alcune sfortunate relazioni sentimentali, l’attrice sprofonda in una malattia mentale che la segna per il resto della vita
Lo schianto fatale della pin-up Eve Meyer
Lo schianto fatale della pin-up Eve Meyer
Di una bellezza procace, la giovane modella diventa playmate nel giugno 1955 e inizia una breve carriera cinematografica con il marito regista. Diventata produttrice, muore a Tenerife nel più grave incidente aereo della storia