Asia ammette:
"Ho fatto sesso con Jimmy"

| Gli Sms con Bourdain: "Ero gelata, lui era sopra di me, mi ha aggredito sessualmente". I 380 mila dollari pagati a Bennet solo un "aiuto" per risollevarsi dalla crisi professionale. Uno scoop del sito TMZ smentisce l'attrice

+ Miei preferiti

di GERMANO LONGO e MASSIMO NUMA

 

Il sito “TMZ” sembra mettere la parola fine alla vicenda fra Asia Argento e Jimmy Bennett, svelata dal “New York Times” e causa di una feroce polemica fra l’attrice, che ha raccontato una propria versione dei fatti, e il quotidiano newyorkese, che assicura di avere tutte le prove del caso. TMZ fa ancora prima, pubblicando foto e messaggi scambiati fra la Argento e un amico, oltre ad alcune immagini che ritraggono lei e Bennett a letto. 

Asia ha assicurato di non aver fatto sesso con l'attore, allora diciassettenne, ma la documentazione svelata da TMZ racconta una storia ben diversa, in cui per cominciare Asia ammette di aver fatto sesso con il ragazzino.

Fra quanto pubblicato una foto scattata nel 2013 da Bennett nella camera dell’albergo di Marina del Rey dove sarebbe avvenuto l’incontro. La Argento e Bennett sono su un letto vicinissimi, con la testa sul cuscino. Le fonti di TMZ aggiungono che la foto è stata scattata dopo due rapporti sessuali. In California è un crimine per un adulto fare sesso con una persona di età inferiore ai 18 anni.

Bennett ha poi minacciato di intraprendere un’azione legale e, lo scorso aprile, la Argento ha patteggiato un pagamento di 380.000 dollari, pagati dall’allora fidanzato Anthony Bourdain.

Argento ha rilasciato una dichiarazione, assiurando: "Non ho mai avuto alcun rapporto sessuale con Bennett". Ma TMZ smentisce tutto, pubblicando scambi di SMS parziali tra la Argento e un amico: i messaggi di Asia sono in grigio, quelli dell’amico in blu.

Bennett ha anche scritto a mano un biglietto su carta intestata del Ritz-Carlton: “Asia, ti amo con tutto il cuore. Sono contento che ci siamo incontrati di nuovo e sono felice per la mia vita. Jimmy”. 

Come affermato più volte, il dipartimento dello sceriffo della contea di L.A. sta tentando di mettersi in contatto con Bennett per determinare se sia giustificata un’indagine penale. “Ci siamo rivolti all'avvocato di Argento, ma finora nessuno ha risposto”, chiosa TMZ. 

 

Si, Asia riconosce che Anthony ha pagato, dicendo: "Anthony si è personalmente impegnato ad aiutare Bennett economicamente". Continua dicendo che Bennett era aggressivo e faceva richieste di denaro esorbitanti e lo chef era deciso a "non subire più ulteriori intrusioni nella nostra vita".



Bourdain e Argento - che sono stati insieme per oltre un anno prima della morte di Bourdain, suicida in Francia - definiscano Jimmy Bennet un "asino" e Bourdain che pagarlo  non costituiva "nessuna ammissione di nulla, nessun tentativo di acquistare una copertura, semplicemente un'offerta per aiutare un'anima ovviamente torturata e disperata alla disperata ricerca di soldi".

Bourdain continua dicendo: "Oppure gli dite di f*** da solo. Ad ogni modo, io sono con voi".

Nel discutere la soluzione Argento confessa, “Mi sono anche rotta…”. Bourdain sta gestendo le trattative, e spiega ad Argento come affrontare gli avvocati del mini-attore finito in disgrazia.

L’Asia, a un certo punto, sembra contraddire la sua affermazione che non ha mai avuto un rapporto sessuale con Bennett, dicendo: "Non è stato violentato (sic), ma era come congelata. Era sopra di me. Dopo che mi ha detto che ero stata la sua fantasia sessuale da quando aveva 12 anni".

Asia non parla mai della fotografia - che TMZ ha visto - di Asia e Bennett seminudi e a letto con le testi vicine. Lei non voleva essere denunciata ma una transazione per non fare la fine di Weinstein. non voleva un NDA come parte della composizione dal momento che ha piovuto su Harvey Weinstein. Bourdain era convinto: "Non si sta comprando il silenzio. Solo libertà da una persecuzione. E per aiutare un povero ragazzo poco lucido, aiutandolo un po’”. Asia rispose: "Non comprerò mai il suo silenzio per qualcosa che non è vero”. E lei afferma in altri testi che Bennet era lui l'aggressore sessuale. E poi: "Non ho paura di lui, non una sono puritana, affanc…google”.

Assediata dalle critiche del web e finita nelle prime pagine dei giornali di tutto il mondo, Asia Argento rompe finalmente il silenzio in cui si era trincerata dopo le rivelazioni del “New York Times” in cui veniva accusata di aver pagato 380mila dollari per assicurarsi il silenzio di Jimmy Bennet dopo una storia di sesso.In una breve nota, l’attrice respinge con forza le accuse: “Questa è una persecuzione: nego e respingo il contenuto dell’articolo del NY Times che sta circolando in questi giorni. Sono profondamente scioccata e colpita leggendo notizie che sono assolutamente false. Non ho mai avuto alcuna relazione sessuale con Bennet e non ho altra scelta che oppormi a tutte le falsità e proteggermi in ogni modo”. Sulla Argento, come precisato dalla polizia di Los Angeles, non penderebbe alcuna accusa e neanche risultano mai presentate denunce per il caso di violenza che coinvolgerebbero l’attore e cantante Jimmy Bennet.Sul caso si è però gettato a capofitto Ben Brafman, uno dei legali di Harvey Weinstein, il “guru” dei molestatori di Hollywood e dintorni su cui proprio la Argento aveva scagliato le sue accuse di violenze: “Uno sviluppo che rivela l’ipocrisia di Asia Argento. Ciò che forse è più eclatante è il tempismo, che suggerisce come nello stesso in cui l’attrice stava patteggiando con un minore per abusi sessuali, si piazzava in prima linea per accusare il signor Weinstein nonostante la loro fosse una relazione sessuale fra due adulti consenzienti”.
Dario Argento, intervistato sul caso, ha preferito glissare: “Sono molto turbato, ho provato a sentire mia figlia ma non sono riuscito, si trova in un posto dove il telefono non prende. Riguardo alle accuse bisogna vedere se sono vere: secondo me la risposta è no".

A qualche ora di distanza dalla prima nota, la Argento è tornata sull'argomento: "Quello che mi ha legata a Bennett per alcuni anni è stato soltanto un sentimento di amicizia terminata quando lui mi ha inopinatamente rivolto un'esorbitante richiesta economica. Bennett sapeva che il mio compagno, Anthony Bourdain, era percepito come un uomo di grande ricchezza e con una reputazione da difendere. Anthony ha insistito perché la questione fosse gestita privatamente poiché temeva la possibile pubblicità negativa di una persona che considerava pericolosa. Decidemmo di gestire la richiesta di Bennett in maniera compassionevole e di venirgli incontro. Anthony si impegnò personalmente ad aiutare Bennett economicamente, a condizione di non subire più intrusioni nella nostra vita. Questo è l'ennesimo sviluppo di una vicenda per me triste che mi perseguita da tempo e che a questo punto non posso che contrastare assumendo nel prossimo futuro tutte le iniziative a mia tutela nelle sedi competenti".

Galleria fotografica
Asia ammette:<BR>"Ho fatto sesso con Jimmy" - immagine 1
Asia ammette:<BR>"Ho fatto sesso con Jimmy" - immagine 2
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea